Pallone in Soffitta – Mauro Bellugi marca a uomo la vita

La vicenda di Mauro Bellugi, campione del nostro calcio negli anni ’70, ha suscitato commozione in tutta Italia. Aggredito crudelmente dal Covid-19, che ha costretto i medici ad amputargli gli arti inferiori, desidera restare aggrappato alla vita. Con la stessa passione che metteva nella marcatura sui più forti attaccanti della sua epoca.

Marcatura

Una cosa troppo inaspettata ed esagerata. Trovarsi a dire ‘e ora cosa faccio?’: ancora mi emoziono. È successo, ora bisogna per forza risolverla con pazienza, ci vorrà tempo. Essere più tosti ora che in campo“. Mauro Bellugi, toscano di Buonconvento classe 1950, è stato uno dei migliori difensori italiani degli anni ’70. Una presenza fissa in Serie A – con i colori di Inter, Bologna, Napoli e Pistoiese fino al 1981 – e in Nazionale, con 32 gettoni azzurri, un Mondiale (’78) e un Europeo (’80) disputati. Un marcatore forte sull’uomo, ma corretto. Ha incrociato i tacchetti con fenomeni del calibro di Cruijff e Riva, Prati e Savoldi, Chinaglia e Kempes. Con quella stessa applicazione e passione, ora Bellugi si trova a combattere contro le conseguenze di un attaccante diverso dagli altri: il Covid-19, che ha costretto i medici ad amputargli gli arti inferiori per salvarlo, dopo il ricovero avvenuto lo scorso 4 novembre.

Il nemico subdolo

Mi ha scritto il padre di Bebe Vio: è dura. Ma non puoi mollare, perché hai i tuoi cari. C’è poco da fare. I negazionisti sul Covid-19 dovrebbero rendersi conto, una volta per tutte, che il virus può ucciderti. E, in base alle modalità con cui ti assale, il tuo corpo cambia. Sono sempre stato attento durante la pandemia, forse ho abbassato la guardia. Non lo auguro a nessuno. Non si può scherzare su una cosa simile“, ha spiegato l’ex azzurro ai microfoni della trasmissione radiofonica “Radio Anch’io Sport“, su Radio 1 Rai. La commozione, nelle sue parole, si può toccare attraverso il suono. Una sfida forse troppo grande, a cui il senese non intende sottrarsi senza lottare.

Il calcio di oggi e la “sua” Inter

Che l’ex difensore sia sempre rimasto legato all’Inter non è un segreto. E confida nel futuro: “Il sogno? Premiare Lukaku come capocannoniere del campionato. L’Inter mi ha contattato, tramite Beppe Marotta, per un ruolo in futuro. Andrò a trovarli, una storia che per me cominciò nel 1966. Mi hanno chiamato anche Bordon e Damiani, con me nel pensionato nerazzurro quando iniziai. L’Inter è nel mio cuoreLukaku, Lautaro e Hakimi sono eccezionali, la squadra ha anche altri giocatori di ottimo livello. Avrei fatto fatica a marcare il belga! Un nuovo Bellugi? Non saprei, quello che mi piace di più è Chiellini. Bastoni è sulla strada buona, credo abbia un approccio giusto al calcio e desideri divertirsi giocando, un po’ come lo ero io.

Milano e l’azzurro

Bellugi è felice che, finalmente, la Milano calcistica sia tornata a lottare per le posizioni di vertice. Alla ricerca di un glorioso passato da rinnovare: “Il Milan è forte. Anche senza Ibrahimovic. Inoltre ha un pizzico di fortuna che ci vuole sempre, segnali ottimi per arrivare in fondo. La Serie A ha ritrovato Milano al vertice, è una bellissima cosa. La Nazionale? Aspettiamo gli Europei, Mancini è in grado di farci sognare. Spero nel frattempo di vedere derby milanesi che contino per qualcosa di importante”. In bocca al lupo, grande campione.

 

Già pubblicati:

  1. Un incantesimo dorato di nome Malines (12 settembre 2019)

2. Roma-Dundee 3-0, quella pazza rimonta (19 settembre 2019)

3. L’accecante e incompiuto miracolo Parma (26 settembre 2019)

4. 1992: l’ultima Jugoslavia mancata (3 ottobre 2019)

5. Le parabole spezzate di Guerini e Roggi (10 ottobre 2019)

6. Gli stranieri di Romeo Anconetani (17 ottobre 2019)

7. Le due settimane che uccisero la Grande Inter (24 ottobre 2019)

8. L’invasione scandinava degli anni ’50 (31 ottobre 2019)

9. Vincenzo Scifo, fuoriclasse a metà (7 novembre 2019)

10. L’ultimo volo di Marco van Basten (14 novembre 2019)

11. La Polonia e la rivolta di Okecje (21 novembre 2019)

12. Bruno Nicolè, campione di cristallo (28 novembre 2019)

13. Bruno Mora, guizzi e malasorte di un campione (5 dicembre 2019)

14. Il sequestro del bomber Quini (12 dicembre 2019)

15. L’ultima fatica di Tommaso Maestrelli (19 dicembre 2019)

16. Annibale Frossi, il goleador con gli occhiali (26 dicembre 2019)

17. I tratti straordinari di Marino Guarguaglini (3 gennaio 2020)

18. De Matthaeis: “Io, da Foggia ai Cosmos” (9 gennaio 2020)

19. Ravanelli, Zola & Co. : cannonieri (e bidoni) in England (16 gennaio 2020)

20. Attila Sallustro, il primo re di Napoli (23 gennaio 2020)

21. CSI, dieci partite per una meteora (30 gennaio 2020)

22. Luceafarul, fucina di campioni nel regime Ceausescu (6 febbraio 2020)

23. Hatzipanagis, il Nureyev del calcio (13 febbraio 2020)

24. Serpentina breve di Rob de Wit (20 febbraio 2020)

25. Rodolfo “Sciabbolone” Volk, una vita di romanzo (27 febbraio 2020)

26. Tomas Brolin, il destino in un cross (6 marzo 2020)

27. Acqua e pallone, la storia di Luigi Burlando (12 marzo 2020)

28. Edmondo Fabbri, trent’anni di solitudine (19 marzo 2020)

29. Edna Neillis e Rose Reilly, dalla Scozia per stupire (26 marzo 2020)

30. Serie A 1987-88, la breve avventura dei bomber stranieri (2 aprile 2020)

31. L’ultima battaglia di Giorgio Ferrini (9 aprile 2020)

32. Lionello Manfredonia, un gelido pomeriggio (16 aprile 2020)

33. Stábile e Fontaine, gol e destino killer (23 aprile 2020)

34. Élber e la sfuggente maglia del Milan (30 aprile 2020)

35. Lee Tae-ho, un mondiale contro la disabilità (7 maggio 2020)

36. Jimmy Greaves, quando volarono gli stracci tra Londra e Milano (14 maggio 2020)

37. Bayer Uerdingen, fiammata e declino inesorabile (21 maggio 2020)

38. Ezio Sclavi: portiere, prigioniero, pittore (28 maggio 2020)

39. Carlo Carcano, pettegolezzo e colpevole oblio (4 giugno 2020)

40. Marcel Peeper, 18 minuti che cambiano ogni cosa (11 giugno 2020)

41. Rocambolesco e doloroso viaggio di Nii Lamptey (18 giugno 2020)

42. Ahmed Radhi, leggenda dell’Iraq, vinta solo dal Covid-19 (25 giugno 2020)

43. Vladimír Weiss, il calciatore che visse… tre volte (2 luglio 2020)

44. Café, denaro e fuga: la storia di Raymond Braine (9 luglio 2020)

45. Da Victorino a Nández: il Cagliari targato Uruguay (16 luglio 2020)

46. La leggenda di Biri Biri, pioniere africano in Europa (23 luglio 2020)

47. Vita, sospetti e tragedia della giacchetta nera Guruceta (31 luglio 2020)

48. Gentile & co., gli italo-libici della Serie A (6 agosto 2020)

49. Il Belgio e i croati del gol (13 agosto 2020)

50. Il grande rimpianto di Viliam Schrojf (20 agosto 2020)

51. Il volo spezzato di Avi Ran (17 settembre 2020)

52. Genesi e apogeo della Sampdoria di Paolo Mantovani (1° ottobre 2020)

53. L’egoista Gonella e la previsione azzeccata al Mundial ’78 (9 ottobre 2020)

54. Guivarc’h-Anelka, punte spuntate della Francia campione (15 ottobre 2020)

55. Schillaci, Brighton e l’anticamera mondiale in Under 21 (22 ottobre 2020)

56. Arsenio Erico, giocoliere e cannoniere (29 ottobre 2020)

57. L’ultimo sogno sconosciuto di Dener, il nuovo Pelé (5 novembre 2020)

58. Risto Kallaste, acrobata sulla linea di gesso (11 novembre 2020)

59. Saarland, Rimet e il treno perduto (19 novembre 2020)

60. 25/11, in morte di Best e del Pibe de Oro (26 novembre 2020)

61. L’appuntamento di Lamberto Piovanelli (3 dicembre 2020)

62. Otto Baric: grandi trionfi, scivoloni micidiali (17 dicembre 2020)