Pallone in Soffitta – Gentile & co., gli italo-libici della Serie A

Lo stato africano della Libia rappresentò una colonia italiana tra il 1934 e il 1943, all’interno della politica fascista. Un’operazione iniziata in precedenza con l’occupazione delle regioni della Tripolitania e della Cirenaica. Non solo soldati, ma pure coloni inviati da Mussolini in quelle vaste terre coltivabili. Dagli sviluppi storici dell’epoca, la Serie A ha accolto alcuni “figli libici”.

PROFETA DEL “GIOCO CORTO”. Nato a Bengasi il 3 dicembre 1929, Corrado Viciani è stato calciatore di Serie A negli anni Cinquanta, indossando le maglie di Fiorentina e Genoa. La sua avventura calcistica più importante, che lo ha consegnato alla leggenda, appartiene però alla parabola da allenatore. Ammiratore e studioso del “calcio totale” olandese a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta, quelli del grande Ajax tanto per intendersi, Viciani compì il proprio miracolo sulla panchina della Ternana. La squadra umbra conquistò la B nel 1968 e poi la prima, storica, promozione in Serie A nel 1972 in modo senza dubbio singolare. Il tecnico nato in Libia spiegò così il suo modus operandi: “Avevo degli asini come giocatori, non potevo permettermi lanci lunghi, invenzioni, fantasie. Bisognava correre, fare passaggetti facili facili, sovrapporsi“. Descrizione cruda ma fedele di quella Ternana, tanto felicemente salita alla ribalta quanto velocemente retrocessa una volta giunta in massima serie. La compagine non regge l’impatto e retrocede nettamente. Viciani trova successiva visibilità a Palermo, che guida addirittura alla finale di Coppa Italia nel 1974, pur militando in cadetteria. Nel decennio seguente ritorna romanticamente a Terni in due occasioni, però il passato non ritorna in Umbria. Chiusa la parentesi da allenatore nel 1991, è scomparso nel 2014.

MARCATORE ARCIGNO. Il più famoso calciatore italiano di natali libici è stato Claudio Gentile. Nativo di Tripoli, classe 1953, deve la sua popolarità alla lunga storia professionale con la Juventus e in maglia azzurra. Un terzino marcatore dalle doti irrinunciabili per qualsiasi allenatore, che facevano di Gentile uno dei difensori più temuti dagli attaccanti avversari. La Coppa del Mondo vinta nel 1982 e il rendimento di quella rassegna lo hanno fatto entrare nell’immaginario collettivo non solo italiano. Un guerriero duro, senza compromessi, ma corretto. I trattamenti “all inclusive” riservati a Maradona e Zico lo hanno trasportato frettolosamente in alcune classifiche dei giocatori più cattivi di sempre.

MECCANICO. Era meccanico in Libia il padre di Roberto Bordin, nato a Zawyia il 10 gennaio 1965. Buon centrocampista di Serie A con le casacche di Cesena, Atalanta, Napoli e Piacenza, Bordin è stato protagonista del massimo campionato per diverse stagioni. Ha in seguito legato la propria seconda carriera nel calcio a Andrea Mandorlini, del quale è stato vice per tante annate anche all’estero. Come primo allenatore ha però guidato il Sheriff Tiraspol – con ottimi risultati – in Moldavia e pure in Azerbaigian. Negli anni Ottanta e Novanta ecco un altro centrocampista, Alessandro Pane, classe 1967 nato anche lui a Tripoli. Una discreta carriera con il picco a Empoli di Spalletti, che ritroverà da collaboratore tecnico una volta appese le scarpette al chiodo. In precedenza aveva vinto un campionato di Serie C2 da primo allenatore sulla panchina della Reggiana (2008).

 

Già pubblicati:

  1. Un incantesimo dorato di nome Malines (12 settembre 2019)

2. Roma-Dundee 3-0, quella pazza rimonta (19 settembre 2019)

3. L’accecante e incompiuto miracolo Parma (26 settembre 2019)

4. 1992: l’ultima Jugoslavia mancata (3 ottobre 2019)

5. Le parabole spezzate di Guerini e Roggi (10 ottobre 2019)

6. Gli stranieri di Romeo Anconetani (17 ottobre 2019)

7. Le due settimane che uccisero la Grande Inter (24 ottobre 2019)

8. L’invasione scandinava degli anni ’50 (31 ottobre 2019)

9. Vincenzo Scifo, fuoriclasse a metà (7 novembre 2019)

10. L’ultimo volo di Marco van Basten (14 novembre 2019)

11. La Polonia e la rivolta di Okecje (21 novembre 2019)

12. Bruno Nicolè, campione di cristallo (28 novembre 2019)

13. Bruno Mora, guizzi e malasorte di un campione (5 dicembre 2019)

14. Il sequestro del bomber Quini (12 dicembre 2019)

15. L’ultima fatica di Tommaso Maestrelli (19 dicembre 2019)

16. Annibale Frossi, il goleador con gli occhiali (26 dicembre 2019)

17. I tratti straordinari di Marino Guarguaglini (3 gennaio 2020)

18. De Matthaeis: “Io, da Foggia ai Cosmos” (9 gennaio 2020)

19. Ravanelli, Zola & Co. : cannonieri (e bidoni) in England (16 gennaio 2020)

20. Attila Sallustro, il primo re di Napoli (23 gennaio 2020)

21. CSI, dieci partite per una meteora (30 gennaio 2020)

22. Luceafarul, fucina di campioni nel regime Ceausescu (6 febbraio 2020)

23. Hatzipanagis, il Nureyev del calcio (13 febbraio 2020)

24. Serpentina breve di Rob de Wit (20 febbraio 2020)

25. Rodolfo “Sciabbolone” Volk, una vita di romanzo (27 febbraio 2020)

26. Tomas Brolin, il destino in un cross (6 marzo 2020)

27. Acqua e pallone, la storia di Luigi Burlando (12 marzo 2020)

28. Edmondo Fabbri, trent’anni di solitudine (19 marzo 2020)

29. Edna Neillis e Rose Reilly, dalla Scozia per stupire (26 marzo 2020)

30. Serie A 1987-88, la breve avventura dei bomber stranieri (2 aprile 2020)

31. L’ultima battaglia di Giorgio Ferrini (9 aprile 2020)

32. Lionello Manfredonia, un gelido pomeriggio (16 aprile 2020)

33. Stábile e Fontaine, gol e destino killer (23 aprile 2020)

34. Élber e la sfuggente maglia del Milan (30 aprile 2020)

35. Lee Tae-ho, un mondiale contro la disabilità (7 maggio 2020)

36. Jimmy Greaves, quando volarono gli stracci tra Londra e Milano (14 maggio 2020)

37. Bayer Uerdingen, fiammata e declino inesorabile (21 maggio 2020)

38. Ezio Sclavi: portiere, prigioniero, pittore (28 maggio 2020)

39. Carlo Carcano, pettegolezzo e colpevole oblio (4 giugno 2020)

40. Marcel Peeper, 18 minuti che cambiano ogni cosa (11 giugno 2020)

41. Rocambolesco e doloroso viaggio di Nii Lamptey (18 giugno 2020)

42. Ahmed Radhi, leggenda dell’Iraq, vinta solo dal Covid-19 (25 giugno 2020)

43. Vladimír Weiss, il calciatore che visse… tre volte (2 luglio 2020)

44. Café, denaro e fuga: la storia di Raymond Braine (9 luglio 2020)

45. Da Victorino a Nández: il Cagliari targato Uruguay (16 luglio 2020)

46. La leggenda di Biri Biri, pioniere africano in Europa (23 luglio 2020)

47. Vita, sospetti e tragedia della giacchetta nera Guruceta (31 luglio 2020)

 

Condividi
Cagliaritano, classe '81. Pazzo per Brera, Guerin Sportivo e Panini. Da anni membro di MP: principalmente ed inevitabilmente, per scrivere sulla storia del calcio. Italiano ed internazionale.