Pallone in Soffitta – Vladimír Weiss, il calciatore che visse… tre volte

Scarsa fantasia? Il caso? Può darsi. Però l’esempio della famiglia Weiss potrebbe non avere eguali nella storia del calcio: padre, figlio e nipote, omonimi giocatori di livello internazionale.

IL CAPO. La storia della famiglia Weiss nel calcio ad alto livello inizia con il capostipite Vladimír. Nato a Vrútky nel nord dell’odierna Slovacchia, classe 1939, viene considerato uno dei migliori giocatori cecoslovacchi degli anni Sessanta. Un baluardo al centro della difesa dell’Inter Bratislava, i cui colori difende tra il 1958 e il 1969. Nel 1959 vince il campionato, l’unico della sua carriera. Viene convocato nella Nazionale cecoslovacca nel 1964: partecipa ai Giochi Olimpici di Tokyo, nella cavalcata fino alla finale per la medaglia d’oro. Sfortunatamente, nell’atto conclusivo contro l’Ungheria il 23 ottobre, realizza l’autorete (al 57° minuto) che sblocca la gara. Finisce 2-1 per i magiari, una delusione cocente per Weiss e compagni. Resterà nel giro fino all’anno seguente, totalizzando la miseria di 3 presenze, anche per colpa di un rigore fondamentale sbagliato contro il Portogallo di Eusebio nelle eliminatorie per la Rimet 1966. Chiude la carriera con Banik Prievidza e Trnavka, sodalizio dove inizia la nuova esperienza in panchina. Rimasto vedovo in giovane età, quando i figli Vladimír junior e Zuzka hanno rispettivamente 14 e 10 anni. Scompare il 23 aprile 2018 all’età di 78 anni. Sul figlio calciatore, dichiarò: “Vladko non è mai stato un bambino problematico, educato e bravo a scuola. Il poeta Laco Novomesky era nostro condomino, tre piani sotto di noi. Spesso si fermava a guardare le partite dei ragazzi per strada. Ci siamo conosciuti e una volta mi disse: ‘Tuo figlio è un ragazzo intelligente e di talento. Farà sicuramente qualcosa di importante’. Avrebbe avuto ragione, come sempre“.

L’EREDE. Vladko ha fatto qualcosa di importante nel calcio, migliorando in tal senso la carriera del padre. Centrocampista di discreto livello classe 1964, colonna dell’Inter Bratislava – come il genitore – tra il 1986 e il 1993. Non ha avuto la possibilità di cimentarsi in un’esperienza all’estero “vera”, viste le brevi parentesi con i vicini cechi dello Sparta Praga e del Petra Drnovice, e la militanza in patria con Dunajska Streda, Kosice e Artmedia Petrzalka. Però, nella prima parte della sua parabola, Weiss junior è riuscito a entrare nella rosa della Cecoslovacchia ancora unita. Coronando il sogno di disputare un campionato del mondo, nel 1990 in Italia. 19 presenze e 1 rete per lui, a cui vanno aggiunti altri 12 gettoni (con una rete) nella Slovacchia. Ma è come allenatore che si è tolto le maggiori soddisfazioni, vincendo due campionati e una coppa nazionale con l’Artmedia, condotta addirittura alla fase a gironi della Champions League 2005-06. Diventato ct della Slovacchia, ha imposto il figlio Vladimír nell’undici titolare infischiandosene di eventuali critiche e qualificando la Nazionale alla storica Coppa del Mondo 2010 in Sudafrica. Esatto, c’era lui in panchina quando l’Italia di Lippi, campione in carica, fece una figura barbina e si fece buttare fuori al primo turno. Dopo un periodo di soddisfazioni in Kazakhstan, ricopre il ruolo di selezionatore della Georgia dal 2016.

IL PICCOLO. Non solo per evidenti questioni anagrafiche, ma anche per corporatura, il terzo Vladímir della dinastia Weiss è il più piccolo del lotto. Esterno offensivo classe 1989, ha iniziato a giocare – neanche a dirlo – con l’Inter Bratislava. Però, contrariamente al nonno e al padre, è andato a giocare all’estero: e senza pensarci troppo. Passato per il vivaio del Manchester City, è riuscito a malapena a esordire in prima squadra iniziando ad andare in prestito. Bolton, Rangers (Scozia), Espanyol (Spagna). Nel 2012 lo acquista il Pescara neopromosso in Serie A, dove totalizza 22 presenze e 4 reti. Natura giramondo, quella del Weiss più giovane. Olympiacos (Grecia), Lekhwiya (Qatar) e Al-Gharafa (Qatar) sono le successive tappe. Un grave infortunio ha fatto da preludio al ritorno in patria nei primi mesi di quest’anno, annunciato dallo Slovan Bratislava. Tuttavia, a causa del Coronavirus, il massimo campionato slovacco è stato sospeso. Weiss ha avuto quindi più tempo per rimettersi in forma, subendo anche un intervento chirurgico. Un talento, il cui gol alla Russia a Euro 2016 è ancora davanti agli occhi. Quella rete lo ha fatto entrare nella storia del torneo, da primo marcatore militante in un club non europeo. 66 presenze e 7 reti in Nazionale, che a 30 anni vorrebbe poter incrementare.

 

Già pubblicati:

  1. Un incantesimo dorato di nome Malines (12 settembre 2019)

2. Roma-Dundee 3-0, quella pazza rimonta (19 settembre 2019)

3. L’accecante e incompiuto miracolo Parma (26 settembre 2019)

4. 1992: l’ultima Jugoslavia mancata (3 ottobre 2019)

5. Le parabole spezzate di Guerini e Roggi (10 ottobre 2019)

6. Gli stranieri di Romeo Anconetani (17 ottobre 2019)

7. Le due settimane che uccisero la Grande Inter (24 ottobre 2019)

8. L’invasione scandinava degli anni ’50 (31 ottobre 2019)

9. Vincenzo Scifo, fuoriclasse a metà (7 novembre 2019)

10. L’ultimo volo di Marco van Basten (14 novembre 2019)

11. La Polonia e la rivolta di Okecje (21 novembre 2019)

12. Bruno Nicolè, campione di cristallo (28 novembre 2019)

13. Bruno Mora, guizzi e malasorte di un campione (5 dicembre 2019)

14. Il sequestro del bomber Quini (12 dicembre 2019)

15. L’ultima fatica di Tommaso Maestrelli (19 dicembre 2019)

16. Annibale Frossi, il goleador con gli occhiali (26 dicembre 2019)

17. I tratti straordinari di Marino Guarguaglini (3 gennaio 2020)

18. De Matthaeis: “Io, da Foggia ai Cosmos” (9 gennaio 2020)

19. Ravanelli, Zola & Co. : cannonieri (e bidoni) in England (16 gennaio 2020)

20. Attila Sallustro, il primo re di Napoli (23 gennaio 2020)

21. CSI, dieci partite per una meteora (30 gennaio 2020)

22. Luceafarul, fucina di campioni nel regime Ceausescu (6 febbraio 2020)

23. Hatzipanagis, il Nureyev del calcio (13 febbraio 2020)

24. Serpentina breve di Rob de Wit (20 febbraio 2020)

25. Rodolfo “Sciabbolone” Volk, una vita di romanzo (27 febbraio 2020)

26. Tomas Brolin, il destino in un cross (6 marzo 2020)

27. Acqua e pallone, la storia di Luigi Burlando (12 marzo 2020)

28. Edmondo Fabbri, trent’anni di solitudine (19 marzo 2020)

29. Edna Neillis e Rose Reilly, dalla Scozia per stupire (26 marzo 2020)

30. Serie A 1987-88, la breve avventura dei bomber stranieri (2 aprile 2020)

31. L’ultima battaglia di Giorgio Ferrini (9 aprile 2020)

32. Lionello Manfredonia, un gelido pomeriggio (16 aprile 2020)

33. Stábile e Fontaine, gol e destino killer (23 aprile 2020)

34. Élber e la sfuggente maglia del Milan (30 aprile 2020)

35. Lee Tae-ho, un mondiale contro la disabilità (7 maggio 2020)

36. Jimmy Greaves, quando volarono gli stracci tra Londra e Milano (14 maggio 2020)

37. Bayer Uerdingen, fiammata e declino inesorabile (21 maggio 2020)

38. Ezio Sclavi: portiere, prigioniero, pittore (28 maggio 2020)

39. Carlo Carcano, pettegolezzo e colpevole oblio (4 giugno 2020)

40. Marcel Peeper, 18 minuti che cambiano ogni cosa (11 giugno 2020)

41. Rocambolesco e doloroso viaggio di Nii Lamptey (18 giugno 2020)

42. Ahmed Radhi, leggenda dell’Iraq, vinta solo dal Covid-19 (25 giugno 2020)

 

 

Condividi
Cagliaritano, classe '81. Pazzo per Brera, Guerin Sportivo e Panini. Da anni membro di MP: principalmente ed inevitabilmente, per scrivere sulla storia del calcio. Italiano ed internazionale.