Pallone in Soffitta – Vincenzo Scifo, fuoriclasse a metà

Origini siciliane, Vincenzo Scifo esplose giovanissimo con la maglia della Nazionale belga: un grande talento da cui ci si sarebbe attesi una carriera diversa.

RADICI. La storia di Vincenzo Scifo comincia nella regione belga della Vallonia, precisamente a La Louviére, il 19 febbraio 1966. Figlio di Agostino e Alfonsa, originari di Aragona (Agrigento) e partiti in Belgio per cercare un futuro migliore nei primi anni Cinquanta, Vincenzino si innamora del giocattolo prestissimo: “Mia madre ha sempre raccontato che fin dall’età di due anni ho sempre avuto un pallone con me“. Entra nell’Anderlecht, la più prestigiosa società del suo Paese e si fa subito notare. Centrocampista elegante, dotato di ottima tecnica individuale e personalità, che non disdegna la battuta a rete con il destro. Quando ha 16 anni e mezzo, riceve una telefonata a scuola – dove il ragazzo studia ragioneria – da papà Agostino: l’Anderlecht lo ha convocato per una tournée in Italia. L’inizio del viaggio.

LA VITA CAMBIA. Vincenzino ci sa fare, tanto che non sfigura con i “grandi”. Il tecnico dei malva è il leggendario Paul Van Himst e punta con decisione su di lui. All’alba della stagione 1983-84 si ritrova titolare nel club belga più importante, e non delude le attese. 25 partite e 5 reti nel campionato d’esordio, ma non solo. L’exploit è talmente grande da attirare la nazionale maggiore: però Scifo ha il passaporto italiano, deve fare una scelta. E così, l’8 giugno 1984 entra nel tribunale civile di Mons e sceglie la cittadinanza belga. Giusto in tempo per prendere parte all’Europeo in Francia con il Belgio. La nota testata transalpina L’Equipe, alla vigilia di Francia-Belgio, titola “Attenti al ragazzo”. All’Euro il diciottenne Scifo diventa la rivelazione, con quella maglia rossa a rombi addosso. Sembra l’avvio di una carriera folgorante.

Con il Belgio a Euro ’84

ALTI E BASSI. Nonostante le indubbie qualità, che gli permettono di diventare un apprezzato protagonista anche al Mondiale ’86 nel Belgio semifinalista, Scifo sembra non riuscire a fare il salto definitivo di qualità. Nel 1987 lo acquista l’Inter per 5 miliardi di lire, in un’operazione di mercato dalle forti tinte familiari: un ritorno alle origini. L’esperienza non si rivelerà alla fine dei conti fantastica e memorabile. Tanto che la sua parabola sembra pagarne il conto, quando viene ceduto in prestito ai francesi del Bordeaux. Una parentesi poco meno che drammatica, calcisticamente parlando, per il giovane campione: “Ho incontrato persone che mi hanno disgustato e mi hanno fatto disgustare il calcio. Un giorno sono tornato a casa dall’allenamento e ho detto a mia moglie che non avevo più voglia di continuare così. Per fortuna diverse persone hanno creduto di nuovo in me. Nell’Auxerre mi sono rigenerato, merito mio e della fiducia ricevuta“.

Nell’Inter 1987-88

RITORNO. Rilanciatosi, rientra in Italia acquistato dal Torino nel 1991. Due buone annate (16 gol complessivi) e tante belle prestazioni portano il calcio francese a puntare ancora su di lui, stavolta con i colori del Monaco addosso. Quattro stagioni nel Principato, prima del ritorno alle origini: nel 1997 riveste la casacca dell’Anderlecht, in tempo per disputare il quarto Mondiale della carriera (nel frattempo aveva giocato anche le edizioni 1990 e 1994). Poi chiude nello Charleroi dopo aver scoperto di soffrire di artrite cronica. 84 presenze e 18 reti nel Belgio, gloria ma pure tanti rimpianti per una carriera che avrebbe potuto essere diversa seppur soddisfacente. “Il successo è arrivato forse troppo presto per me, le aspettative sono state sempre crescenti. Anche certi momenti difficili hanno inciso. Un difetto? La fragilità mentale giovanile che può assalire tutti i ragazzi“. Firmato, Vincenzo Scifo. Ovvero, un fuoriclasse (purtroppo) a metà.

Già pubblicati:

Un incantesimo dorato di nome Malines (12 settembre)

Roma-Dundee 3-0, quella pazza rimonta (19 settembre)

L’accecante e incompiuto miracolo Parma (26 settembre)

1992: l’ultima Jugoslavia mancata (3 ottobre)

Le parabole spezzate di Guerini e Roggi (10 ottobre)

Gli stranieri di Romeo Anconetani (17 ottobre)

Le due settimane che uccisero la Grande Inter (24 ottobre)

L’invasione scandinava degli anni ’50 (31 ottobre)

 

Condividi
Cagliaritano, classe '81. Pazzo per Brera, Guerin Sportivo e Panini. Da anni membro di MP: principalmente ed inevitabilmente, per scrivere sulla storia del calcio. Italiano ed internazionale.