Pallone In Soffitta – Luceafarul, fucina di campioni nel regime Ceausescu

Nel 1978, la Romania era in piena dittatura. Il regime di Nicolae Ceausescu teneva in mano un Paese che, sportivamente parlando, riusciva a farsi valere prevalentemente nella ginnastica. In quell’estate venne messa in piedi una squadra ad hoc per far crescere i giovani calciatori più talentuosi del Paese: il Luceafarul Bucarest, autentica fucina di futuri campioni.

Nicolae Ceausescu

AGOSTO. Come detto, negli anni ’70 lo sport rumeno vantava limitata considerazione internazionale. La giovane ginnasta Nadia Comaneci, meravigliosa protagonista dei Giochi Olimpici di Montreal 1976, rappresentava il fiore all’occhiello del regime. Un trofeo da esporre, in una Romania povera e vessata dalla dittatura di Nicolae Ceausescu. Venne attuata una lungimirante intuizione nel 1978: la creazione di una società dedicata al reclutamento e alla formazione dei migliori talenti calcistici del Paese, allo scopo di portare la Romania a risultati di livello superiore. E così, l’11 agosto dello stesso anno, prese forma il Luceafarul Bucarest.

Lo stemma del club

AUSTRALIA. Il primo risultato fu la partecipazione della Romania alla fase finale dell’Europeo Under 18 nel 1980 in Germania Est, evento a cui partecipò da esordiente dopo essersi sbarazzata della Turchia (4-0 nel doppio confronto). Due vittorie in tre match non furono sufficienti a vincere il girone – dietro alla Polonia poi finalista – ma rappresentarono un inizio incoraggiante. Il secondo posto nel gruppo qualificò i giovani rumeni per il Mondiale Under 19 previsto l’estate seguente in Australia. Di quella squadra, allenata da Constantin Cernaianu, fecero parte Ioan Andone, Mircea Rednic, Gavril Balint e Romulus Gabor, poi promossi nella Nazionale maggiore e partecipanti in seguito a grandi manifestazioni.

Romulus Gabor

Inserita nel girone B con Brasile, Italia e Corea del Sud, la squadra vinse il raggruppamento insieme ai verdeoro poi batté l’Uruguay nei quarti di finale (2-1). Il sogno si interruppe nei supplementari della semifinale contro la Germania Ovest: non restava che la finalina per il bronzo e la Romania ebbe la meglio sull’Inghilterra con una rete di Gabor, eletto miglior giocatore del torneo e futuro protagonista dell’Euro ’84 con i “grandi”. Il progetto Luceafarul cominciava a raccogliere buoni frutti.

Miodrag Belodedici

PROTAGONISTI. All’interno di questa entità, inquadrabile come una vera e propria accademia, trovarono spazio di lì a poco anche altri elementi di spessore. Espressione riduttiva, visto che quei giocatori si avviavano a scrivere la storia della “Tricolorii” e del calcio rumeno: Miodrag Belodedici, centrale difensivo capace di vincere due Coppe dei Campioni con Steaua e Stella Rossa; Gheorghe Popescu, colonna di importanti club europei e 115 volte nazionale; Dorin Mateut, (contestata) Scarpa d’Oro 1989; e soprattutto un certo Gheorghe Hagi, autentica leggenda del calcio europeo, soprannominato il “Maradona dei Carpazi” per il suo sinistro e le doti tecniche.

Una formazione della Romania ai Mondiali 1990

E ancora Zsolt Musznay, Emil Sandoi, Ioan Ovidiu Sabau, Florin Prunea. Tutti questi uomini – compresi i più anziani già citati Andone, Balint e Rednic – rappresentarono la Romania nel celebre decennio d’oro 1990-2000, con la partecipazione a tre Mondiali (1990, 1994 e 1998) e due Europei (1996 e 2000). Il gialloblù Luceafarul, che aveva già concluso la propria attività di formazione nel 1985, fa parte oggi della folta schiera dei defunti club rumeni. Vita molto breve, ad ogni modo intensa e degna di essere ricordata, per motivi storico/sportivi innegabili.

Gheorghe Hagi

Già pubblicati:

  1. Un incantesimo dorato di nome Malines (12 settembre 2019)

2. Roma-Dundee 3-0, quella pazza rimonta (19 settembre 2019)

3. L’accecante e incompiuto miracolo Parma (26 settembre 2019)

4. 1992: l’ultima Jugoslavia mancata (3 ottobre 2019)

5. Le parabole spezzate di Guerini e Roggi (10 ottobre 2019)

6. Gli stranieri di Romeo Anconetani (17 ottobre 2019)

7. Le due settimane che uccisero la Grande Inter (24 ottobre 2019)

8. L’invasione scandinava degli anni ’50 (31 ottobre 2019)

9. Vincenzo Scifo, fuoriclasse a metà (7 novembre 2019)

10. L’ultimo volo di Marco van Basten (14 novembre 2019)

11. La Polonia e la rivolta di Okecje (21 novembre 2019)

12. Bruno Nicolè, campione di cristallo (28 novembre 2019)

13. Bruno Mora, guizzi e malasorte di un campione (5 dicembre 2019)

14. Il sequestro del bomber Quini (12 dicembre 2019)

15. L’ultima fatica di Tommaso Maestrelli (19 dicembre 2019)

16. Annibale Frossi, il goleador con gli occhiali (26 dicembre 2019)

17. I tratti straordinari di Marino Guarguaglini (3 gennaio 2020)

18. De Matthaeis: “Io, da Foggia ai Cosmos” (9 gennaio 2020)

19. Ravanelli, Zola & Co. : cannonieri (e bidoni) in England (16 gennaio 2020)

20. Attila Sallustro, il primo re di Napoli (23 gennaio 2020)

21. CSI, dieci partite per una meteora (30 gennaio 2020)

 

Condividi
Cagliaritano, classe '81. Pazzo per Brera, Guerin Sportivo e Panini. Da anni membro di MP: principalmente ed inevitabilmente, per scrivere sulla storia del calcio. Italiano ed internazionale.