Pallone in Soffitta – Il volo spezzato di Avi Ran

A metà degli anni Ottanta, Israele poteva contare su un giovane e talentuoso portiere, così bravo da diventare il numero uno della Nazionale. Il suo volo venne però spezzato a nemmeno 24 anni da un tragico incidente in mare: oggi raccontiamo la storia di Avi Ran.

TALENTO. Un ragazzo israeliano longilineo, dai capelli neri ricci e gli occhi scuri, intensi. Avi Ran è nato ad Haifa il 25 agosto 1963 e ha iniziato presto ad appassionarsi al pallone. Non in un ruolo qualunque: quello di portiere. Il debutto nel calcio importante lo ha vissuto giovanissimo, ancora 17enne, con la casacca del Maccabi Haifa. Durante quella stagione 1981-82, Ran mette a referto la prima presenza nel match contro il Maccabi Tel Aviv: senza incassare gol. L’iniziale concorrenza di Avrahami per un posto da titolare lo vede uscire vincitore. Anche se il tecnico Shlomo Scharf, quando arriva ad Haifa nel 1983, vorrebbe un estremo difensore più giovane ed esperto: non riuscirà nel suo intento di sostituire Ran, sostenuto dal general manager Yochanan Vollach. Non certo un dirigente qualunque, bensì uno dei nazionali che avevano preso parte all’unico Mondiale con Israele nel 1970.

ASCESA. Per l’estremo difensore prende forma l’avvio di un regno incontrastato tra i pali. Si mette in luce rapidamente tra i migliori portieri del massimo campionato israeliano, che conquista nel 1984 e nel 1985 con il Maccabi. Il 28 gennaio 1986 fa inoltre il suo esordio nella Nazionale maggiore, a Tel Aviv contro la Scozia. La prima di 9 presenze, contro alcune tra le principali rappresentative al mondo come Inghilterra, Argentina e Germania Ovest. In quello stesso 1986 viene eletto Calciatore israeliano dell’anno: in precedenza era accaduto solo a un altro portiere, il leggendario Itzhak Vissoker. Il 1° giugno 1987 difende la porta di Israele contro il Brasile: raccoglie quattro palloni dal sacco, scaraventati da Romário (doppietta), Dunga e João Paulo.

SCONTRO FATALE. Avi Ran non può immaginare che quella sia stata l’ultima partita con la maglia di Israele. Passano 40 giorni. Decide di recarsi a Tiberias, località nella costa occidentale del mare di Galilea. Relax e divertimento allietano la giornata di Avi. È l’11 luglio 1987. Sta solcando il mare a bordo di un paio di sci d’acqua, con la comprensibile spensieratezza di un ragazzo di 23 anni. Un motoscafo incrocia la sua traiettoria: l’impatto è fatale per Avi Ran. Si spegne così la vita di un atleta promettente, nel fiore degli anni, che lascia dietro di sé il ricordo di un portiere tenace, coraggioso. Il pilota del mezzo coinvolto viene processato e imprigionato. Al funerale partecipano ben 14.000 persone, segno tangibile dell’affetto nei suoi confronti e della commozione suscitata da una tragedia terribile. A distanza di tanti anni dalla scomparsa, il ricordo dello sfortunato ragazzo di Haifa è ancora vivo tra la sua gente e tra gli appassionati di calcio del Paese.

 

Già pubblicati:

  1. Un incantesimo dorato di nome Malines (12 settembre 2019)

2. Roma-Dundee 3-0, quella pazza rimonta (19 settembre 2019)

3. L’accecante e incompiuto miracolo Parma (26 settembre 2019)

4. 1992: l’ultima Jugoslavia mancata (3 ottobre 2019)

5. Le parabole spezzate di Guerini e Roggi (10 ottobre 2019)

6. Gli stranieri di Romeo Anconetani (17 ottobre 2019)

7. Le due settimane che uccisero la Grande Inter (24 ottobre 2019)

8. L’invasione scandinava degli anni ’50 (31 ottobre 2019)

9. Vincenzo Scifo, fuoriclasse a metà (7 novembre 2019)

10. L’ultimo volo di Marco van Basten (14 novembre 2019)

11. La Polonia e la rivolta di Okecje (21 novembre 2019)

12. Bruno Nicolè, campione di cristallo (28 novembre 2019)

13. Bruno Mora, guizzi e malasorte di un campione (5 dicembre 2019)

14. Il sequestro del bomber Quini (12 dicembre 2019)

15. L’ultima fatica di Tommaso Maestrelli (19 dicembre 2019)

16. Annibale Frossi, il goleador con gli occhiali (26 dicembre 2019)

17. I tratti straordinari di Marino Guarguaglini (3 gennaio 2020)

18. De Matthaeis: “Io, da Foggia ai Cosmos” (9 gennaio 2020)

19. Ravanelli, Zola & Co. : cannonieri (e bidoni) in England (16 gennaio 2020)

20. Attila Sallustro, il primo re di Napoli (23 gennaio 2020)

21. CSI, dieci partite per una meteora (30 gennaio 2020)

22. Luceafarul, fucina di campioni nel regime Ceausescu (6 febbraio 2020)

23. Hatzipanagis, il Nureyev del calcio (13 febbraio 2020)

24. Serpentina breve di Rob de Wit (20 febbraio 2020)

25. Rodolfo “Sciabbolone” Volk, una vita di romanzo (27 febbraio 2020)

26. Tomas Brolin, il destino in un cross (6 marzo 2020)

27. Acqua e pallone, la storia di Luigi Burlando (12 marzo 2020)

28. Edmondo Fabbri, trent’anni di solitudine (19 marzo 2020)

29. Edna Neillis e Rose Reilly, dalla Scozia per stupire (26 marzo 2020)

30. Serie A 1987-88, la breve avventura dei bomber stranieri (2 aprile 2020)

31. L’ultima battaglia di Giorgio Ferrini (9 aprile 2020)

32. Lionello Manfredonia, un gelido pomeriggio (16 aprile 2020)

33. Stábile e Fontaine, gol e destino killer (23 aprile 2020)

34. Élber e la sfuggente maglia del Milan (30 aprile 2020)

35. Lee Tae-ho, un mondiale contro la disabilità (7 maggio 2020)

36. Jimmy Greaves, quando volarono gli stracci tra Londra e Milano (14 maggio 2020)

37. Bayer Uerdingen, fiammata e declino inesorabile (21 maggio 2020)

38. Ezio Sclavi: portiere, prigioniero, pittore (28 maggio 2020)

39. Carlo Carcano, pettegolezzo e colpevole oblio (4 giugno 2020)

40. Marcel Peeper, 18 minuti che cambiano ogni cosa (11 giugno 2020)

41. Rocambolesco e doloroso viaggio di Nii Lamptey (18 giugno 2020)

42. Ahmed Radhi, leggenda dell’Iraq, vinta solo dal Covid-19 (25 giugno 2020)

43. Vladimír Weiss, il calciatore che visse… tre volte (2 luglio 2020)

44. Café, denaro e fuga: la storia di Raymond Braine (9 luglio 2020)

45. Da Victorino a Nández: il Cagliari targato Uruguay (16 luglio 2020)

46. La leggenda di Biri Biri, pioniere africano in Europa (23 luglio 2020)

47. Vita, sospetti e tragedia della giacchetta nera Guruceta (31 luglio 2020)

48. Gentile & co., gli italo-libici della Serie A (6 agosto 2020)

49. Il Belgio e i croati del gol (13 agosto 2020)

50. Il grande rimpianto di Viliam Schrojf (20 agosto 2020)

Condividi
Cagliaritano, classe '81. Pazzo per Brera, Guerin Sportivo e Panini. Da anni membro di MP: principalmente ed inevitabilmente, per scrivere sulla storia del calcio. Italiano ed internazionale.