Pallone in Soffitta – Risto Kallaste, acrobata sulla linea di gesso

Questa sera, Italia ed Estonia in campo. Un incontro internazionale abbastanza raro, che rimanda a una lontana campagna di qualificazione a Usa ’94. Gli azzurri di Sacchi ospitarono la giovane repubblica baltica, ritenuta la cenerentola del girone. Ma gli avversari furono in grado di regalare un elemento da ricordare: grazie a un terzino, di nome Risto Kallaste.

L’IDEA. La scintilla la accese l’allenatore Roman Ubakivi, commissario tecnico della Nazionale estone. “Vorrei trovare un giocatore in grado di effettuare le rimesse laterale facendo una capriola: in questo modo, la palla può essere lanciata con maggiore forza e prendere di sorpresa gli avversari“. Un’idea un po’ bislacca, potrebbe pensare qualcuno. Ma che alla fine un’utilità di fondo sembra trovarla. Lo “strumento umano” del quale si serve Ubakivi – dopo aver provato altri nazionali – diventa un terzino sinistro, dai lunghi capelli tenuti da un elastico. Si chiama Risto Kallaste, ha 22 anni e milita nel Flora Tallinn. Siamo nel 1993, il club della Capitale funge da naturale serbatoio per la rappresentativa. E così, già dalla prima gara internazionale dopo l’indipendenza di due anni prima, l’Estonia presenta in campo anche il nostro beniamino.

TRIESTE. L’Italia lo scopre in occasione delle eliminatorie per il Mondiale di Usa ’94. Allo stadio Nereo Rocco di Trieste si gioca Italia-Estonia, sesto match del girone. Risto Kallaste indossa la maglia bianca numero 2, nonostante giochi sulla fascia sinistra. Il ct azzurro Sacchi ha appena avvicendato due centrocampisti: Di Mauro per Dino Baggio. Minuto 68. Il gioco riprende con una rimessa laterale in favore dell’Estonia, nei pressi della linea di centrocampo. Kallaste raccoglie la sfera, prende qualche metro di rincorsa e, sempre con la palla tra le mani effettua una capriola lanciandola praticamente al limite dell’area italiana! Il gesto, assolutamente originale, suscita la sorpresa generale ma pure l’approvazione del pubblico triestino. La leggenda di Risto Kallaste è ormai scritta. Racconterà anni dopo, al portale tereitalia.org: Mi ricordo un po’ le facce stupite degli italiani, che sembravano dire: ‘Ma che sta facendo questo?‘, però dopo nulla. Ed insisto l’arbitro di quella partita non mi disse nulla: forse non sapeva nemmeno lui che fare, e nel dubbio, piuttosto che proibirla, fece finta di nulla. Non ricordo nemmeno i giocatori italiani avvicinarglisi per chiedere spiegazioni o provvedimenti, nullaIl difensore continuò in seguito a riproporre con successo e simpatia il gesto acrobatico, atleticamente degno di nota.

STOP. Finché… Non gli fu più concesso di eseguirla. Sebbene nel frattempo anche altri avessero iniziato ad imitarlo, la versione Kallaste della rimessa laterale fu ritenuta non regolamentare, per l’amarezza del protagonista: “Ubakivi si avvicinò un giorno e mi disse che l’avevano proibito. Non capisco perché. Se si pensa bene, si trattava di una rimessa qualunque“. La sua carriera è proseguita in Danimarca con il Viborg, per una breve avventura, prima del rientro in patria. 36 partite internazionali (senza reti) con l’Estonia e una fama imperitura per lui, che insieme a Martin Reim – primatista europeo di presenze in Nazionale per un breve periodo – e al portierone Mart Poom, rappresenta l’Estonia del calcio maggiormente nota all’estero.

 

Già pubblicati:

  1. Un incantesimo dorato di nome Malines (12 settembre 2019)

2. Roma-Dundee 3-0, quella pazza rimonta (19 settembre 2019)

3. L’accecante e incompiuto miracolo Parma (26 settembre 2019)

4. 1992: l’ultima Jugoslavia mancata (3 ottobre 2019)

5. Le parabole spezzate di Guerini e Roggi (10 ottobre 2019)

6. Gli stranieri di Romeo Anconetani (17 ottobre 2019)

7. Le due settimane che uccisero la Grande Inter (24 ottobre 2019)

8. L’invasione scandinava degli anni ’50 (31 ottobre 2019)

9. Vincenzo Scifo, fuoriclasse a metà (7 novembre 2019)

10. L’ultimo volo di Marco van Basten (14 novembre 2019)

11. La Polonia e la rivolta di Okecje (21 novembre 2019)

12. Bruno Nicolè, campione di cristallo (28 novembre 2019)

13. Bruno Mora, guizzi e malasorte di un campione (5 dicembre 2019)

14. Il sequestro del bomber Quini (12 dicembre 2019)

15. L’ultima fatica di Tommaso Maestrelli (19 dicembre 2019)

16. Annibale Frossi, il goleador con gli occhiali (26 dicembre 2019)

17. I tratti straordinari di Marino Guarguaglini (3 gennaio 2020)

18. De Matthaeis: “Io, da Foggia ai Cosmos” (9 gennaio 2020)

19. Ravanelli, Zola & Co. : cannonieri (e bidoni) in England (16 gennaio 2020)

20. Attila Sallustro, il primo re di Napoli (23 gennaio 2020)

21. CSI, dieci partite per una meteora (30 gennaio 2020)

22. Luceafarul, fucina di campioni nel regime Ceausescu (6 febbraio 2020)

23. Hatzipanagis, il Nureyev del calcio (13 febbraio 2020)

24. Serpentina breve di Rob de Wit (20 febbraio 2020)

25. Rodolfo “Sciabbolone” Volk, una vita di romanzo (27 febbraio 2020)

26. Tomas Brolin, il destino in un cross (6 marzo 2020)

27. Acqua e pallone, la storia di Luigi Burlando (12 marzo 2020)

28. Edmondo Fabbri, trent’anni di solitudine (19 marzo 2020)

29. Edna Neillis e Rose Reilly, dalla Scozia per stupire (26 marzo 2020)

30. Serie A 1987-88, la breve avventura dei bomber stranieri (2 aprile 2020)

31. L’ultima battaglia di Giorgio Ferrini (9 aprile 2020)

32. Lionello Manfredonia, un gelido pomeriggio (16 aprile 2020)

33. Stábile e Fontaine, gol e destino killer (23 aprile 2020)

34. Élber e la sfuggente maglia del Milan (30 aprile 2020)

35. Lee Tae-ho, un mondiale contro la disabilità (7 maggio 2020)

36. Jimmy Greaves, quando volarono gli stracci tra Londra e Milano (14 maggio 2020)

37. Bayer Uerdingen, fiammata e declino inesorabile (21 maggio 2020)

38. Ezio Sclavi: portiere, prigioniero, pittore (28 maggio 2020)

39. Carlo Carcano, pettegolezzo e colpevole oblio (4 giugno 2020)

40. Marcel Peeper, 18 minuti che cambiano ogni cosa (11 giugno 2020)

41. Rocambolesco e doloroso viaggio di Nii Lamptey (18 giugno 2020)

42. Ahmed Radhi, leggenda dell’Iraq, vinta solo dal Covid-19 (25 giugno 2020)

43. Vladimír Weiss, il calciatore che visse… tre volte (2 luglio 2020)

44. Café, denaro e fuga: la storia di Raymond Braine (9 luglio 2020)

45. Da Victorino a Nández: il Cagliari targato Uruguay (16 luglio 2020)

46. La leggenda di Biri Biri, pioniere africano in Europa (23 luglio 2020)

47. Vita, sospetti e tragedia della giacchetta nera Guruceta (31 luglio 2020)

48. Gentile & co., gli italo-libici della Serie A (6 agosto 2020)

49. Il Belgio e i croati del gol (13 agosto 2020)

50. Il grande rimpianto di Viliam Schrojf (20 agosto 2020)

51. Il volo spezzato di Avi Ran (17 settembre 2020)

52. Genesi e apogeo della Sampdoria di Paolo Mantovani (1° ottobre 2020)

53. L’egoista Gonella e la previsione azzeccata al Mundial ’78 (9 ottobre 2020)

54. Guivarc’h-Anelka, punte spuntate della Francia campione (15 ottobre 2020)

55. Schillaci, Brighton e l’anticamera mondiale in Under 21 (22 ottobre 2020)

56. Arsenio Erico, giocoliere e cannoniere (29 ottobre 2020)

57. L’ultimo sogno sconosciuto di Dener, il nuovo Pelé (5 novembre 2020)

Condividi
Cagliaritano, classe '81. Pazzo per Brera, Guerin Sportivo e Panini. Da anni membro di MP: principalmente ed inevitabilmente, per scrivere sulla storia del calcio. Italiano ed internazionale.