Pallone in Soffitta – Saarland, Rimet e il treno perduto

Dopo la seconda guerra mondiale, la Germania fu suddivisa in occidentale e orientale. Ma ciò che forse non tutti sanno, è che una porzione di territorio tedesco rimase in un limbo internazionale a livello sportivo. Il Saarland ebbe pure una sua federcalcio riconosciuta dalla FIFA, ma tutto si esaurì in appena sei anni.

La fine del conflitto

Alla conclusione della seconda guerra mondiale, la Germania fu spaccata a metà, tra Est e Ovest. Ma all’interno del territorio tedesco si trovava il Saarland, occupato dalla Francia tra il 1946 e il 1957, dopo l’addio delle truppe USA il 10 luglio 1945. Nel febbraio seguente, lo stato francese ne fece un suo protettorato.

Saarland e sport

A livello sportivo, il Saarland fondò il proprio comitato olimpico nel 1950 che consentì la partecipazione ai Giochi Olimpici di Helsinki 1952. Nel frattempo, era nata la Nazionale Saar, anche se non fu considerata tale a tutti gli effetti: più una selezione, senza tutti i crismi, proprio come loro stessi desideravano per non sentirsi entità estranea alla Germania. Il 22 novembre del 1950, ad ogni modo, il Saarland disputò la sua prima gara internazionale, vincendo 5-3 a Saarbrücken contro la Svizzera B.

Il mitico Jules Rimet se ne va

Le squadre di club del Saarland avevano preso parte al locale campionato nazionale, la Ehrenliga, tra il 1948 e il 1951. La squadra più importante di tutte, il Saarbrücken, era stata accettata come ospite nella serie cadetta francese 1948-49: primeggiò abbastanza facilmente conquistando la promozione. Tuttavia, le società locali votarono “no” all’inserimento ufficiale del Saarbrücken nell’organigramma pallonaro. E così, si verificarono due eventi a catena. Il leggendario presidente della FIFA Jules Rimet, il quale era invece favorevole, si dimise dalla carica che occupava dal lontano 1921. Fu inevitabile, a quel punto, l’uscita del Saarbrücken dal calcio francese.

Il Mondiale ’54

Per guidare la Nazionale fu chiamato prima il francese Auguste Jordan e poi nientemeno che Helmut Schön. Il Saar scrisse un’altra pagina storica, partecipando alle qualificazioni per il Mondiale del 1954 in Svizzera: le cose non andarono male, però neppure videro un lieto fine. Nel girone eliminatorio proprio con i cugini occidentali e la Norvegia, i giocatori del Saar sconfissero (3-2) e poi pareggiarono con gli scandinavi, raggranellando 3 punti tuttavia insufficienti per qualificarsi alla fase finale. Sarebbe stata l’unica campagna di qualificazione di questa rappresentativa, visto che gli Europei avrebbero visto la luce più avanti.

Una fiammata breve

Un appuntamento con il destino, per aggrapparsi al quale non si trovò la forza necessaria. D’altronde, contro quella Germania Ovest c’era davvero poco da fare: avrebbero poi vinto il titolo iridato. La Nazionale del Saarland disputò in tutto 19 match, di cui 15 amichevoli e 4 della citata campagna di qualificazione mondiale. Ben 10 furono giocati contro rappresentative B. Il bilancio complessivo parla di 6 vittorie, 3 pareggi e 10 sconfitte, in diversi casi rovesci clamorosi: come la gara del 5 luglio 1954 contro l’Uruguay, risolta con un pesantissimo 1-7 tra le mura amiche.

Protagonisti

I punti di forza di quella selezione erano il portiere Erwin Strempel, il difensore Waldemar “Fips” Philippi (recordman di presenze della Saar con 18 presenze), più la formidabile coppia d’attacco formata da Herbert Binkert e Herbert Martin, capocannonieri della breve storia Saar con 6 gol a testa: neanche a dirlo, tutti loro militavano nel citato Saarbrücken, che fu l’unico club a partecipare alla Coppa dei Campioni nella stagione 1955-56. Al primo turno, incontrarono proprio una squadra italiana. Si tratta del Milan, che ebbe la meglio per 4-3 tra andata e ritorno.

Titoli di coda

Un’altra pagina storica scritta appena in tempo, perché proprio nel ’55 un plebiscito portò all’assorbimento del Saarland nella Germania Ovest, tanto sul versante geopolitico quanto su quello sportivo. Praticamente tutti i giocatori della Nazionale Saar rientrarono drasticamente nei ranghi, dimenticandosi di qualsiasi possibile contesto internazionale. L’unico membro di quella squadra capace di trovare un passaporto per il grande calcio si sarebbe rivelato il ct: Helmut Schön sarebbe diventato selezionatore della Germania Ovest e l’avrebbe condotta alla doppietta euromondiale tra il 1972 e il 1974.

Chissà se…

Un treno importante, mancato da uno dei fiori all’occhiello di quella realtà. Si tratta di Kurt Clemens, a cui venne negata la possibilità di rispondere alla chiamata da parte di Sepp Herberger per giocare nella Germania occidentale, così come ad altri. Ma Clemens poteva vantare uno “sponsor” niente male, un certo Fritz Walter: “Clemens era un giocatore dotato di tecnica eccezionale, capace di illuminare il gioco con le sue idee e maestro dei lanci in profondità“. E se lo diceva il capitano della Germania Ovest campione del mondo 1954…

 

Già pubblicati:

  1. Un incantesimo dorato di nome Malines (12 settembre 2019)

2. Roma-Dundee 3-0, quella pazza rimonta (19 settembre 2019)

3. L’accecante e incompiuto miracolo Parma (26 settembre 2019)

4. 1992: l’ultima Jugoslavia mancata (3 ottobre 2019)

5. Le parabole spezzate di Guerini e Roggi (10 ottobre 2019)

6. Gli stranieri di Romeo Anconetani (17 ottobre 2019)

7. Le due settimane che uccisero la Grande Inter (24 ottobre 2019)

8. L’invasione scandinava degli anni ’50 (31 ottobre 2019)

9. Vincenzo Scifo, fuoriclasse a metà (7 novembre 2019)

10. L’ultimo volo di Marco van Basten (14 novembre 2019)

11. La Polonia e la rivolta di Okecje (21 novembre 2019)

12. Bruno Nicolè, campione di cristallo (28 novembre 2019)

13. Bruno Mora, guizzi e malasorte di un campione (5 dicembre 2019)

14. Il sequestro del bomber Quini (12 dicembre 2019)

15. L’ultima fatica di Tommaso Maestrelli (19 dicembre 2019)

16. Annibale Frossi, il goleador con gli occhiali (26 dicembre 2019)

17. I tratti straordinari di Marino Guarguaglini (3 gennaio 2020)

18. De Matthaeis: “Io, da Foggia ai Cosmos” (9 gennaio 2020)

19. Ravanelli, Zola & Co. : cannonieri (e bidoni) in England (16 gennaio 2020)

20. Attila Sallustro, il primo re di Napoli (23 gennaio 2020)

21. CSI, dieci partite per una meteora (30 gennaio 2020)

22. Luceafarul, fucina di campioni nel regime Ceausescu (6 febbraio 2020)

23. Hatzipanagis, il Nureyev del calcio (13 febbraio 2020)

24. Serpentina breve di Rob de Wit (20 febbraio 2020)

25. Rodolfo “Sciabbolone” Volk, una vita di romanzo (27 febbraio 2020)

26. Tomas Brolin, il destino in un cross (6 marzo 2020)

27. Acqua e pallone, la storia di Luigi Burlando (12 marzo 2020)

28. Edmondo Fabbri, trent’anni di solitudine (19 marzo 2020)

29. Edna Neillis e Rose Reilly, dalla Scozia per stupire (26 marzo 2020)

30. Serie A 1987-88, la breve avventura dei bomber stranieri (2 aprile 2020)

31. L’ultima battaglia di Giorgio Ferrini (9 aprile 2020)

32. Lionello Manfredonia, un gelido pomeriggio (16 aprile 2020)

33. Stábile e Fontaine, gol e destino killer (23 aprile 2020)

34. Élber e la sfuggente maglia del Milan (30 aprile 2020)

35. Lee Tae-ho, un mondiale contro la disabilità (7 maggio 2020)

36. Jimmy Greaves, quando volarono gli stracci tra Londra e Milano (14 maggio 2020)

37. Bayer Uerdingen, fiammata e declino inesorabile (21 maggio 2020)

38. Ezio Sclavi: portiere, prigioniero, pittore (28 maggio 2020)

39. Carlo Carcano, pettegolezzo e colpevole oblio (4 giugno 2020)

40. Marcel Peeper, 18 minuti che cambiano ogni cosa (11 giugno 2020)

41. Rocambolesco e doloroso viaggio di Nii Lamptey (18 giugno 2020)

42. Ahmed Radhi, leggenda dell’Iraq, vinta solo dal Covid-19 (25 giugno 2020)

43. Vladimír Weiss, il calciatore che visse… tre volte (2 luglio 2020)

44. Café, denaro e fuga: la storia di Raymond Braine (9 luglio 2020)

45. Da Victorino a Nández: il Cagliari targato Uruguay (16 luglio 2020)

46. La leggenda di Biri Biri, pioniere africano in Europa (23 luglio 2020)

47. Vita, sospetti e tragedia della giacchetta nera Guruceta (31 luglio 2020)

48. Gentile & co., gli italo-libici della Serie A (6 agosto 2020)

49. Il Belgio e i croati del gol (13 agosto 2020)

50. Il grande rimpianto di Viliam Schrojf (20 agosto 2020)

51. Il volo spezzato di Avi Ran (17 settembre 2020)

52. Genesi e apogeo della Sampdoria di Paolo Mantovani (1° ottobre 2020)

53. L’egoista Gonella e la previsione azzeccata al Mundial ’78 (9 ottobre 2020)

54. Guivarc’h-Anelka, punte spuntate della Francia campione (15 ottobre 2020)

55. Schillaci, Brighton e l’anticamera mondiale in Under 21 (22 ottobre 2020)

56. Arsenio Erico, giocoliere e cannoniere (29 ottobre 2020)

57. L’ultimo sogno sconosciuto di Dener, il nuovo Pelé (5 novembre 2020)

58. Risto Kallaste, acrobata sulla linea di gesso (11 novembre 2020)

 

 

 

Condividi
Cagliaritano, classe '81. Pazzo per Brera, Guerin Sportivo e Panini. Da anni membro di MP: principalmente ed inevitabilmente, per scrivere sulla storia del calcio. Italiano ed internazionale.