Così è, se vi Padel #5 – Arturo Coello

-

Appuntamento numero cinque di “Così è, se vi Padel”, rubrica che snocciola numeri, aneddoti e curiosità su tutte le star dello sport del momento: oggi tocca a Arturo Coello.

Nome: Arturo Coello
Anno di nascita: 2002
Nazionalità: Spagna
Soprannome: Predestinato
Posizione: Destra
Professionista dal: 2017
Profilo Instagram: @arturocoello__

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ARTURO COELLO (@arturocoello__)

Arturo Coello nasce in Spagna nel 2002 e fin da subito scopre di essere un talento naturale per il padel. Il fisico gli dà una mano: un metro e novanta di pura esplosività. Diventa professionista già nel 2017 insieme ad Alberto Rea, ma è nel 2021 con Miguel Lamperti che fa irruzione tra i top.

L’anno successivo Coello cambia partner e sceglie Javi Ruiz raggiungendo la semifinale a Malaga dopo aver sconfitto la coppia numero uno del mondo Galan-Lebron. Da fine 2021 Belasteguin gli propone di diventare suo compagno e ovviamente Arturo non può dire di no alla leggenda. Insieme vincono tre tornei del World Padel Tour e uno di Premier Padel. Il 27 febbraio 2022, a Miami, e a soli 19 anni, 11 mesi e 19 giorni, Arturo Coello ha fatto la storia del World Padel Tour diventando il più giovane giocatore a vincere un titolo.

Durante i mondiali disputati e vinti con la Spagna nel 2021 gioca in coppia con Galan in quella che sarebbe a detta di tutti la coppia più forte in assoluto. A fine anno però Coello annuncia la separazione da Belasteguin scegliendo Tapia per andare a caccia del numero uno del mondo: perché non esiste un addetto ai lavori che non gli pronostichi un futuro da campionissimo.

Coello infatti è il prototipo del giocatore moderno: alto, forte e potente che gioca a destra, essendo mancino.

#1 Carlos Daniel Gutiérrez
#2 Paula Josemaría Martín
#3 Federico Chingotto
#4 Franco Stupaczuk

Rodella Alessandro
Rodella Alessandro
Nato a Brescia nel marzo del 1992, ama lo sport in generale, soprattutto calcio, tennis e motori. Pratica i primi due a livello amatoriale senza grandi risultati. Appena può, ama seguire gli sport "dal vivo".

I dieci incubi del tifoso della Lazio

La propria squadra del cuore, si sa, oltre alle gioie provocate per un gol o una vittoria, riesce a regalare ai propri tifosi anche...
error: Content is protected !!