Rugby league – Si trasferisce a Canberra l’azzurro Gioele Celerino

157

Il nazionale italiano Gioele Celerino continuerà la sua esperienza di club in Australia. L’azzurro del rugby league, ex North West Roosters e Tully Tigers, ha firmato con i Queanbeyan Blues, formazione che milita nella Canberra Rugby League, terzo livello della piramide del league Down Under.
Una società prestigiosa, fondata nel 1920, molto legata alla franchigia NRL dei Canberra Raiders, sia per il radicamento sul territorio – Queanbeyan dista 15 chilometri dalla capitale – che per la presenza di Terry Campese, giocatore-allenatore nella stagione 2017, reduce dalla Coppa del Mondo giocata con la maglia dell’Italia.

E non solo dal rapporto di conoscenza e stima reciproca tra Campese e Celerino è nato questo trasferimento, dopo l’esperienza del n. 13 azzurro con la maglia dei Tully Tigers nel campionato del distretto di Cairns, North Queensland. Ore e ore di aereo o poco meno di una giornata di auto separano il profondo nord dall’Australian Capital District, già “assaggiato” da Celerino durante il ritiro della Nazionale prima di Italia-Fiji alla Rugby League World Cup 2017. Restare nel paese principe del codice è un’opportunità di vita oltre che di sport per il ragazzo, che sa cosa vuole e come prenderselo.

Per gentile concessione NRL Photos

«Sono molto contento di questo trasferimento. I Queanbeyan Blues sono un grande club – racconta l’ex Newcastle Thunder molto ben radicato sul territorio e ottimamente strutturato. Hanno campi e centro d’allenamento all’avanguardia, con diversi terreni di gioco. Le impressioni sui primi allenamenti sono molto positive, la città ti permette di fare grandi cose e coi ragazzi penso mi troverò bene. Avere due squadre senior più l’under 18 e la squadra femminile è segno che si tratta di un grande club. Avere poi un grande nome e una grande persona come Campese è sinonimo di qualità e voglio imparare e giocare tanto». Il pensiero è anche all’Italia: «Voglio ovviamente arrivare alla finestra internazionale di ottobre al top della mia carriera ed esperienza rugbistica, per mettere tutto me stesso a disposizione dei colori azzurri».

Sulla stessa lunghezza d’onda Tiziano Franchini, vice-presidente della Federazione Italiana Rugby League (FIRL) e “maestro” del giocatore: «Si tratta di un gran movimento di mercato, Gioele è il fiore all’occhiello del nostro movimento, uno dei nostri ragazzi. Sono contento dei suoi passi avanti e questo è il segno delle opportunità e del percorso che la FIRL offre agli atleti che più hanno voglia di cimentarsi nel rugby league».

Positivo anche il parere di coach Campese: «Siamo molto contenti di avere con noi Celerino. Ci siamo incontrati mercoledì e già da giovedì si è messo a disposizione in allenamento, ambientandosi bene coi ragazzi. È un po’ come se stesse qui da sempre…Oltre al rugby league, lavorerà presso il nostro sponsor Top Pub Queanbeayan e si sta inserendo bene. A livello tecnico, confido di avere tempo a disposizione per lavorare assieme a Gioele e insistere su certi aspetti particolari del gioco. So che è determinato a imparare il più possibile e mi aspetto una grande stagione». E c’è subito il battesimo del fuoco: «Il 3 marzo inizieremo i trial match contro diversi ex giocatori di NRL. Sono partite che offriranno al ragazzo importanti opportunità di mettersi alla prova e abituarsi alla velocità di gioco del nostro campionato».

Condividi
Sardo classe 1987, ama il rugby, il calcio e i supplementari punto a punto. Già redattore di Isolabasket.it e della rivista cagliaritana Vulcano, si è laureato in Lettere con una tesi su Woody Allen.