Il tour di Milena Bertolini e la Nazionale che verrà

Martedì 12 aprile 2022 la Nazionale Femminile, guidata dalla CT Milena Bertolini, ha superato 1-0 la Svizzera con un gol nel finale su punizione di Cristiana Girelli e conquistato la vetta del Gruppo G: da allora, in vista delle due sfide di settembre contro Moldova e Romania per consolidare il primo posto nel Gruppo G e la qualificazione diretta al Mondiale Femminile che si disputerà nel 2023 in Australia e Nuova Zelanda, la CT ha cominciato, anzi ripreso le visite nei centri sportivi dei club di Serie A Femminile, nell’intento di rafforzare la collaborazione tra il Club Italia e le società del massimo campionato femminile italiano.

Dopo avere già visitato i ritiri di Sassuolo, Lazio ed Empoli, il primo ritiro ad essere visitato è stato quello al Centro di Preparazione Olimpica “Giulio Onesti” di Roma per seguire l’allenamento della squadra giallorossa, seconda in classifica e vicina a conquistare una storica qualificazione in Women’s Champions League: la Bertolini è stata accompagnata dal preparatore atletico Francesco Perondi e dal preparatore dei portieri Cristiano Viotti e ha seguito l’allenamento insieme alla sua ex compagna di squadra Betty Bavagnoli, Head of Women’s Football del club capitolino. Terminato il lavoro sul campo, è stata organizzata una riunione tecnica con l’allenatore Alessandro Spugna e i suoi collaboratori.

Il secondo ritiro ad essere visitato è stato quello del Milan di Maurizio Ganz, a cui ha partecipato anche il preparatore atletico azzurro Francesco Perondi: qui la CT ha seguito la seduta sul campo per preparare la semifinale di ritorno della Coppa Italia Femminile (semifinale che ha visto la Roma qualificarsi per la finale, NdR) insieme al direttore sportivo rossonero Elisabet Spina e a seguire si è intrattenuta con Ganz e i suoi collaboratori per la consueta riunione tecnica organizzata per favorire lo scambio di informazioni e il confronto sulle metodologie di lavoro tra i rispettivi staff tecnici.

L’ultimo ritiro ad essere visitato in questi giorni è stato quello della Juventus: al Juventus Training Center di Vinovo la CT, accompagnata anche qui dal preparatore atletico Francesco Perondi, ha salutato la squadra e si è poi intrattenuta con l’allenatore Joe Montemurro e con l’Head of Juventus Women Stefano Braghin. “Ringrazio il club per l’accoglienza – ha dichiarato Milena Bertolini – sono rimasta colpita dalla qualità delle strutture, allenandosi in un contesto del genere le ragazze avranno modo di lavorare nel migliore dei modi”.

Lo scopo di queste visite nei centri sportivi delle protagoniste della Serie A Femminile, che proseguiranno fino a metà maggio, è quello di rinsaldare sempre di più la sintonia tra Club Italia, società e Divisione Calcio Femminile, per dare continuità a quel percorso comune che punta alla valorizzazione delle calciatrici e alla crescita dell’intero movimento, dopo i grandissimi risultati ottenuti nel Mondiale del 2019 e in vista dell’Europeo di quest’anno, alla luce anche del passaggio al professionismo della Serie A Femminile, come afferma la stessa Bertolini: “Con l’avventura mondiale del 2019 è avvenuto un vero e proprio riscatto per il calcio femminile italiano. Il passaggio al professionismo, ottenuto proprio in questi giorni, rappresenta un grande passo in avanti sotto il profilo delle tutele. Anche in passato si chiedevano alle ragazze prestazioni da professioniste, ma il trattamento economico e gestionale era assolutamente insufficiente, e molte ragazze si ritrovavano a gestire sport e lavoro con grandi difficoltà. Le cose stanno finalmente cambiando, grazie alla cultura e agli investimenti. Non fermiamoci e lavoriamo tutti insieme per continuare su questa direttrice”. Speriamo che la strada dettata porti davvero a questa fine e non a storture che finirebbero solo per snaturare il calcio femminile nella sua essenza.