Fantacalcio Serie A 2019/20: i consigli su chi evitare nella 12/a giornata

Fra dubbi e certezze (o presunte tali), ogni fantallenatore è chiamato a fare delle scelte nel momento in cui schiera la propria formazione. Mettere tizio in campo e lasciare caio in panchina può rivelarsi la scelta azzeccata o una mossa da maledire a lungo. Ci sono, tra l’altro, tante varianti da tenere in considerazione: intanto, bisogna sapere chi salterà il turno di campionato (squalificati, infortunati e non convocati), poi occorre valutare come si sono allenati in settimana i propri giocatori e gli incroci che il calendario propone. Per il resto, è un mix di fantasia, intuito, coraggio e una gran bella dose di fondoschiena. Tuttavia, la fortuna va aiutata e per questo vi regaliamo qualche consiglio, consapevoli che, inevitabilmente, accadrà di essere smentiti dai fatti. Ma questo, d’altronde, è il bello del Fantacalcio!

GLI ASSENTI – Prima di schierare la formazione, occhio agli assenti, che mai come questa volta saranno parecchi. Intanto ci saranno 7 squalificati: Obiang, Matri, Marchetti, Ribéry, Iličić, Igor e Çetin. Oltre a questi, salterà il turno Kouamé, impegnato nella Coppa d’Africa Under 23, e diversi infortunati recenti: Soriano, Bonifazi, Baselli, Politano, Kumbulla, Veloso, Ghoulam, S. Radu, Marušić, Bruno Alves, Karamoh, Musacchio e Castillejo. Infine, una lista veramente consistente di giocatori in dubbio: Marlon, Magnani, Asamoah, Manolas, Mário Rui, Allan, Ceppitelli, Birsa, Correa, Tabanelli, Gosens, D. Zapata, Vicari e Di Francesco.
LA FLOP 11 (3-4-3) – Gabriel (Lecce); Calabria (Milan), Rrahmani (Hellas Verona), Criscito (Genoa); Lerager (Genoa), Badelj (Fiorentina), Meïté (Torino), Perotti (Roma); Falco (Lecce), D. Zapata (Atalanta), Rebić (Milan).
LA CERTEZZA IN NEGATIVO – Ormai definitivamente sulla via del recupero, dovrebbe rientrare fra i convocati e sedere in panchina nella sfida di Marassi contro la Samp. Ma è ancora presto per puntare su Duván Zapata. Sappiamo che non vedete l’ora di riabbracciare la vostra punta di diamante, ma Gasp non ha alcun motivo per forzare il rientro del colombiano prima della pausa, anche perché il connazionale Muriel lo sta sostituendo alla grande.
LA CONTRO-SCOMMESSA – Arrivato quasi come salvatore della patria e uomo in grado di cambiare l’assetto offensivo del Milan, Ante Rebić ha finito per scaldare la panchina rossonera. Solo cinque presenze e mai in campo per novanta minuti. Difficile che domenica sera contro la Juve possa arrivare per lui una svolta in positivo.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.