Copa América – Brasile campione, Perù sconfitto 3-1 al Maracaná

Il Brasile torna sul tetto d’America dodici anni dopo l’ultima volta. I verdeoro infatti avevano vinto l’ultimo trofeo nel 2007 battendo in finale l’Argentina. Al Maracanà è arrivato il primo titolo sulla panchina della Seleção per Tite, contro un Perù che nonostante la sconfitta 3-1 è uscito a testa altissima sia dal torneo che dalla finale.

La squadra di Gareca è partita meglio, ma è stato il Brasile a passare in vantaggio al primo affondo. Al 15′ infatti Gabriel Jesus salta secco Trauco sulla fascia destra e mette in mezzo un traversone per Everton, che, lasciato colpevolmente solo, batte Gallese. Per l’attaccante del Grêmio terzo gol nel torneo e titolo di capocannoniere condiviso con Guerrero. Il Perù accusa il colpo e rischia sul colpo di testa di Firmino, ma al 44′ torna in partita: Thiago Silva devia di mano un passaggio di Cueva ed è calcio di rigore per il Perù. Guerrero dal dischetto batte Alisson, che incassa così il suo primo gol in questa Copa América. La gioia peruviana dura però appena quattro minuti. Gabriel Jesus infatti riporta in vantaggio il Brasile nei minuti di recupero concludendo con un preciso rasoterra una percussione centrale iniziata da Arthur.

Nel secondo tempo il Perù fatica a trovare gli spazi per affondare, ma vede uno spiraglio quando la squadra di Tite resta in dieci uomini: Gabriel Jesus infatti rovina una prestazione da migliore in campo facendosi espellere per doppia ammonizione in pochi minuti. Gareca prova il tutto per tutto inserendo Ruidiaz e Polo, ma la difesa brasiliani si conferma impenetrabile su azione. E nel finale arriva il colpo del ko per il Perù, quando Zambrano stende in area Everton e Richarlison trasforma il calcio di rigore del definitivo 3-1 al Maracaná.

Nona Copa América in bacheca per il Brasile, che si conferma imbattibile nelle edizioni casalinghe: quinto successo in altrettante edizioni organizzate. Il grande protagonista a sorpresa di questa coppa è stato sicuramente Everton, che non ha fatto rimpiangere l’assenza di Neymar giocando un torneo sensazionale. Il velocissimo attaccante del Grêmio è stato preferito da Tite a David Neres e a Willian formando un tridente ottimamente assortito con Firmino e Gabriel Jesus. Ora Everton è pronto per l’Europa, ma per strapparlo al Grêmio ci vorranno più di cinquanta milioni di euro. L’altro punto di forza dei verdeoro è stata la fase difensiva. Il Brasile infatti in tutto il torneo ha subito solo un gol: su calcio di rigore in finale. Merito di una difesa messa perfettamente in campo da Tite e di Alisson, al momento il miglior portiere del Mondo.

Applausi doverosi comunque per questo Perù. Gareca ha smentito seccamente le voci che lo davano come prossimo allenatore dell’Argentina dicendo che ha intenzione di rispettare il contratto fino al 2022 con un Paese che gli ha dato tutto. Dopo due semifinali e la qualificazione ai Mondiali in Russia, è arrivata la finale di Copa América e ora il prossimo obiettivo sarà portare la Blanquirroja in Qatar.

Brasile-Perù  3-1  15′ Everton (B), 44′ rig. Guerrero (P), 45’+3 Gabriel Jeus (B), 90′ rig. Richarlison (B)

Condividi
Nato a Genova, dove vive attualmente. Ama molti sport tra cui basket, calcio, football americano e tennis. Segue il calcio italiano, europeo e sudamericano, con una forte passione per il campionato argentino.