Mondiali Femminili Francia 2019 – Il riepilogo della ottava giornata

Nella giornata di venerdì 14 giugno, dopo che si sono concluse le gare della prima giornata ai Mondiali Femminili di Francia 2019, si sono giocate le gare dellla seconda giornata del Gruppo C e del Gruppo D. Vediamo insieme come sono andate.

Cominciamo dal Gruppo C che vedeva la seconda partita della sua seconda giornata con l’Italia che sfidava la Giamaica. Al 9′ l’arbitro, grazie alla VAR, assegna un rigore per fallo in area di Allyson su Bonansea: Girelli calcia debole sulla sinistra di Schneider che para il penalty ma lo stesso viene fatto ripetere perchè il portiere si è mosso prima e stavolta Girelli non sbaglia. Al 25′ le Azzurre raddoppiano con Girelli che spizza in area il corner di Giugliano dopo il velo di Bonansea ma rischia in un paio di occasioni si Grey e Shaw dove Giuliani si esalta. A inizio ripresa Girelli fa tripletta con il colpo di testa su cross sempre di Giugliano e poco dopo è il turno di Galli che realizza una doppietta, segnando prima dalla distanza e poi dribblando tutta la difesa pescata da un perfetto filtrante sempre di Giugliano.

Gruppo C
Australia-Brasile 3-2 27′ Marta (B), 39′ Cristiane (B), 45+1′ Foord (A), 58′ Logarzo (A), 66′ aut. Monica (A)
Giamaica-Italia 0-5 12′ rig., 25′ e 46′ Girelli, 71′ e 81′ Galli
CLASSIFICA
: Italia 6, Australia e Brasile 3, Giamaica 0.

Nella giornata si sono anche giocate le due gare del Gruppo D. La prima gara vedeva di fronte Giappone e Scozia. Il primo tempo vede il predominio delle inglesi ma poche azioni pericolose e le britanniche sprecano al 28′ un rigore concesso per atterramento in area di Greenwood da parte di Bravo e sbagliato da Parris: al 41′ è il portiere Correa a dire no con un grande intervento a Mead. Nella ripresa il corrisponde al gol del Giappone: azione al limite dell’area, palla a Iwabuchi che lascia partire un destro che viene mal valutato da Alexander e si insacca sotto la palestra. Al 31′ è il colpo di testa sulla linea di Little che nega la rete a Kumagai, mentre al 36′ viene concesso un rigore per fallo in area di Corsie su Sugasawa: dal dischetto la giocatrice nipponica non sbaglia. Nella ripresa Alexander si riscatta su Nakajima e nel finire di gara si sveglia la Scozia, prima centrando un palo esterno con Cuthbert e poi accorciando le distanze con un gran gol dalla distanza di Clelland, ma non basta ad evitare la sconfitta.

La seconda partita vedeva sfidarsi Inghilterra e Argentina. Il primo tempo vede protagonista il portiere argentino Correa che prima nega la gioia del gol a Parris su rigore concesso per atterramento di Cuthbert da parte di Bravo e poi sbarra la strada magistralmente in un una contro una a Mead. Nella ripresa Correa è chiamata a fare gli straordinari deviando d’istinto una conclusione centrale di Parris ma nulla può contro la conclusione di Taylor che si imbuca su un cross dalla sinistra e viene colpevolmente lasciata libera di colpire a morte le argentine.

Gruppo D
Giappone-Scozia 2-1 23′ Iwabuchi (G), 37′ rig. Sugasawa (G), 88′ Clelland (S)
Inghilterra-Argentina 1-0 62′ Taylor
CLASSIFICA:
Inghilterra 6, Giappone 4, Argentina 1, Scozia 0.

Condividi
Parte-nopeo e parte bolognese, ha collaborato a vari progetti editoriali e sul web (Elisir, Intellego, Melodicamente). Ha riscoperto il piacere del calcio guardando quello femminile.