Fantacalcio Serie A 2018/19: i Flop 4 della 33/a giornata

Scopriamo assieme quali sono stati i quattro peggiori giocatori in ottica Fantacalcio dopo la 33/a giornata del campionato di Serie A 2018/19.

Porta – Emil Audero (Sampdoria): un pomeriggio da incubo per il portiere dell’Under 21, che dopo un primo tempo tutto sommato ai suoi livelli, crolla letteralmente nella ripresa. Ha colpe su tutti e tre i gol del Bologna, soprattutto sul terzo, quello di Orsolini, quando compie un intervento che definire goffo è dir poco, lasciando che la palla schizzi in porta senza opporre grande resistenza. Una macchia su un campionato giocato a buoni livelli.
Voto: andiamo dal 3 di Tuttosport a 4.5 del Corriere, passando per il 3.5 di Fantagazzetta e il 4 della Rosea.
Malus: -3.

Difesa – Lorenzo Tonelli (Sampdoria): le ultime panchine devono avergli messo un po’ di ruggine addosso. Nel match del Dall’Ara il Bologna passa in vantaggio grazie a un pasticcio di Audero e dello stesso Tonelli, che colpisce il pallone con la coscia, mandandolo nella propria rete. Probabilmente si aspettava che il proprio portiere smanacciasse il pallone, ma così non è stato. Autogol e ammonizione: qualcuno l’ha schierato? Poveri voi.
Voto: passiamo dal 4.5 della Gazzetta dello Sport, al 5.5 di Tuttosport.
Malus: -2.5.

Centrocampo – Sergej Milinković-Savić (Lazio): perde la testa e rifila un calcio nelle terga a un suo avversario, rimediando un rosso diretto a dir poco inevitabile. Un campione del suo calibro non può lasciarsi andare a ingenuità simili, anche perché ha causato un danno non indifferente alla Lazio, che ha accusato l’inferiorità numerica finendo per perdere una partita fondamentale per le proprie ambizioni di qualificazione in Champions.
Voto: mano pesante delle redazioni sportive che gli assegnano un 3 (più “generosa” Fantagazzetta col 4).
Malus: -1.

Attacco – Ciro Immobile (Lazio): è immobile di nome e di fatto. Un ectoplasma nell’attacco biancoceleste, prova a concludere da diverse posizioni, ma raramente inquadra la porta. Ciro che ti succede?
Voto: siamo sul 5 (4.5 per la Gazza).

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.