Fantacalcio Serie A 2018/19: i Flop 4 della 30/a giornata

Scopriamo assieme quali sono stati i quattro peggiori giocatori in ottica Fantacalcio dopo la 30/a giornata del campionato di Serie A 2018/19.

Porta – Łukasz Skorupski (Bologna): come nel peggiore degli incubi, si piglia quattro gol in 15 minuti nel bel mezzo del diluvio di Bergamo. Non ha colpe gravissime, perché i gol di Iličić sono due capolavori e in quello di Zapata c’è una deviazione di un difensore che lo mette fuori causa, però poco dopo rischia di subire il 5-0 da centrocampo (sfortunato de Roon in quell’occasione) per colpa di un’uscita avventata fuori area.
Voto: tra il 5 e il 6.
Malus: -4.

Difesa – Cristian Romero (Genoa): a cinque minuti dal termine della prima frazione, atterra Icardi in piena area di rigore. Risultato: rosso diretto e rigore per l’Inter, con conseguente 0-2. Lascia il Grifone in inferiorità e in balia degli avversari per tutto il secondo tempo, condannandolo così alla resa forzata.
Voto: oscilliamo tra il 4 e il 4.5.
Malus: -1.

Centrocampo – Emanuele Giaccherini (ChievoVerona): calcia malissimo il rigore che poteva valere il gol della bandiera per i clivensi nel finale di gara del Mapei Stadium, facendosi ipnotizzare da Consigli e condannando i fantallenatori che hanno puntato su di lui a un malus pesantissimo. E pensare che nel primo tempo era risultato fra i migliori nei gialloblù (gli è stato annullato un gran gol perché l’azione inizialmente era viziata da un fallo a centrocampo).
Voto: 5 per Fantagazzetta, 6 per il Corriere dello Sport.
Malus: -3.

Attacco – Ciro Immobile (Lazio): nel giorno dell’exploit di Belotti, l’altro attaccante della Nazionale sparisce in quel di Ferrara. A inizio gara ha sul destro il pallone del vantaggio, ma calcia malissimo, addosso a Viviano. Poi sparisce del tutto e dà la sensazione di essere parecchio svogliato. Lo attendiamo al varco domenica contro il Sassuolo.
Voto: 4.5, massimo 5.
Malus: -0.5.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.