Fantacalcio Serie A 2018/19: i Flop 4 della 23/a giornata

Scopriamo assieme quali sono stati i quattro peggiori giocatori in ottica Fantacalcio dopo la 23/a giornata del campionato di Serie A 2018/19.

Porta – Andrea Consigli (Sassuolo): sbaglia un rinvio nel primo tempo, regalando, di fatto, il vantaggio alla Juventus nel momento migliore del Sassuolo. Un errore grave che ha spezzato le gambe ai suoi. Nella ripresa, poi, subisce altre due reti: sul colpo di testa di CR7, specialmente, si fa anticipare dallo stacco perentorio del portoghese, uscendo a farfalle sul corner di Pjanić. Di certo non la sua migliore prestazione.
Voto: passiamo dal 4 di Tuttosport al 5 della Gazzetta.
Malus: -3.

Difesa – Luca Ceppitelli (Cagliari): serata a dir poco storta per il capitano del Cagliari, che è sfortunatissimo nel deviare nella propria porta il pallone respinto da Cragno dopo il tiro di Suso, ma poi dimostra di perdere completamente la bussola regalando palloni a destra e a manca. Partitaccia da dimenticare per lui, che solitamente non incorre in questo genere di errori.
Voto: parecchio generoso il 5.5 di Fantagazzetta, ci ritroviamo di più con i 4 e i 4.5 rifilati dalle altre redazioni.
Malus: -2.

Centrocampo – Rodrigo de Paul (Udinese): ha sul groppone la colpa di aver sbagliato un calcio di rigore in un momento decisivo del match. Apre il piattone destro, ma si fa ipnotizzare da un super Sirigu, anche se, a dire il vero, la conclusione non era poi così angolata. Malus pesante per lui, che tra l’altro dieci minuti prima si era beccato pure un’ammonizione.
Voto: 5 per quasi tutti, meno che per Fantagazzetta, che opta per un severissimo 4.
Malus: -3.5.

Attacco – Dries Mertens (Napoli): sarà stato anche bravissimo Lafont, nulla da dire, ma il folletto belga nel primo tempo di divora letteralmente due occasioni da gol clamorose, calciando in faccia al portiere avversario da posizione ravvicinata. Ci si aspetta di più da uno così, che dopo le scorpacciate di gol dei campionati scorsi, sta “regalando”, si fa per dire, più delusioni che momenti di giubilo ai fantallenatori che hanno investito su di lui.
Voto: siamo sul 4.5, massimo 5.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.