Coppa Italia, Alessandria-AlbinoLeffe: Grigi di rigore ai quarti

L’Alessandria soffre, ingabbiata dall’AlbinoLeffe, ma riesce ad avere la meglio ai calci di rigore. 2-2 il punteggio al termine dei 120 minuti in virtù delle reti, tutte nella ripresa, di Casasola e Gonzalez per i padroni di casa e di Montella su rigore e Colombi a tempo scaduto per i Seriani. La maratona si conclude, dunque, dal dischetto e fatale risulta agli ospiti l’errore di Carmine Giorgione.

Torna in campo la Coppa Italia di Serie C con gli Ottavi di finale e sarà l’ultimo impegno del 2017, considerato che le restanti quattro gare in programma si disputeranno dal 13 al 17 gennaio. Alessandria e Albinoleffe si affrontano, dunque, in una gara a eliminazione diretta e chi avrà la meglio troverà sul proprio cammino il già qualificato Renate. I Grigi, appartenenti al Girone A, viaggiano sì in quindicesima posizione ma in netta risalita grazie a due successi di fila casalinghi ottenuti contro Gavorrano e Pistoiese; di contro, i Seriani occupano la sesta piazza nel Girone B e provengono da tre sconfitte consecutive. Nel turno precedente i piemontesi hanno avuto la meglio sul Piacenza, mentre la Celeste ha superato il Pro Piacenza.

Tanti gli avvicendamenti optati da Marcolini, il quale ripropone Gazzi e Giosa, pienamente recuperati dai rispettivi infortuni. Tra i pali torna Agazzi e i giovani Ranieri e Russini hanno una nuova possibilità per mettersi in mostra, così come Bunino. In campo anche González, il quale domenica prossima sarà squalificato. Alvini, oltre al lungodegente Cortinovis, non può contare su Coser e Zaffagnini, usciti malconci dall’ultima gara di campionato. In porta, dunque, debutto per Chiriac protetto da Gusu, Mondonico e Cortellini. Sulle corsie laterali ci sono Coppola e Zucchetti, mentre in mezzo al campo Nichetti e Giorgione. In avanti, Montella e Sibilli saranno supportati da Ravasio. 

Avvio dai ritmi intensi: è l’Alessandria in questa fase a proporsi; prima, con Pastore servito bene da Russini e fermato da Gusu; poi, con Ranieri che tenta la conclusione di prima intenzione senza fortuna. I padroni di casa insistono e l’atteggiamento dell’Albinoleffe appare troppo rinunciatario: al 10′ Casasola crossa in mezzo per Russini e ancora Gusu salva tutto e poco dopo González su calcio piazzato colpisce la base del palo. Dopo l’avvio stentato i Seriani provano a rimette ordine alle proprie idee e ad affacciarsi dalle parti di Agazzi; infatti, dopo poco il quarto d’ora Ravasio (in sospetto fuorigioco) ha una buona occasione, ma il portiere piemontese è lesto a sventare. Certamente, le emozioni, pur non essendo frequenti, sono tutte di marca alessandrina: González pennella una punizione dalla trequarti per Giosa che in acrobazia non trova lo specchio della porta per un soffio e, successivamente, Russini in diagonale scalda i guantoni a Chiriac. A questo punto, i ritmi si abbassano vistosamente: gli uomini di Marcolini iniziano a fare fatica a trovare degli spunti convincenti, mentre quelli di Alvini si difendono ordinatamente ma dal punto di vista offensivo non creano manovre esaltanti. L’unico tiro in porta di rilievo giunge al 43′, a effettuarlo è Giorgione dal limite dell’area e Agazzi è costretto a tuffarsi sulla propria destra per respingere. Non accade null’altro degno di menzione, se non una sortita offensiva dei padroni di casa, e il direttore di gara manda tutti al riposo sul punteggio di 0-0.

Sùbito pericolosa l’Alessandria in avvio: sugli sviluppi di un angolo, Russini prolunga per Marconi e Zucchetti sbroglia una situazione che poteva fare male. In ogni caso, l’incontro resta equilibrato e dai ritmi bassissimi; inoltre, i tanti errori in fase di impostazione non aiutano lo spettacolo. Intorno al 60′, l’AlbinoLeffe mette paura ai rivali: traversone di Montella e tuffo di Ravasio in torsione, il pallone finisce di poco alto. I Grigi rispondono poco dopo con una veemente conclusione di Rossetti che sfiora il palo. Al 61′ la svolta: Casasola si fa ubriacare da Sibilli e lo atterra in area di rigore, l’arbitro non ha dubbi e assegna la massima punizione. Dal dischetto, Montella insacca: Alessandria-AlbinoLeffe 0-1. La reazione dei padroni di casa è praticamente nulla e i Seriani, dunque, hanno tutto l’interesse ad addormentare l’incontro senza correre rischi; anzi, Ravasio impegna ancora Agazzi. Alla prima occasione, l’Alessandria sfonda: González dalla sinistra tira sul secondo palo e Marconi segna, il direttore di gara ferma tutto, però, per fuorigioco. Gli uomini di Marcolini provano ad alzare i ritmi alla ricerca del pari: prima, da una punizione battuta a sorpresa da González, Marconi gira a rete manda alto di un soffio; poi, arriva il gol. Lungo cross di Pastore da sinistra, torre di Fischnaller e potente conclusione di Casasola: Alessandria-AlbinoLeffe 1-1. La spinta dei Grigi non si smorza e arriva anche la seconda rete a completare la rimonta: lancio di Rossetti, Gusu va a vuoto e González ne approfitta superando Chiriac in uscita; Alessandria-AlbinoLeffe 2-1. A tempo scaduto, gli uomini di Alvini riequilibrano incredibilmente la gara: cross dalla sinistra di Sibilli, Colombi incorna poderosamente e manda in rete col pallone che sbatte sulla traversa e supera la linea di porta. Alessandria-AlbinoLeffe 2-2 e, a questo punto, si va ai tempi supplementari.

I tentativi del primo tempo supplementare sono dell’AlbinoLeffe: prima, Zucchetti supera Fissore sulla destra e batte in diagonale, un incerto Agazzi riesce, comunque, a opporsi; poi, Giorgione impegna ancora l’estremo difensore piemontese e, successivamente, mischia in area con il pallone che sbatte sul palo. Nel finale, però, risponde l’Alessandria: torre di Giosa e girata al volo di Fissore, tiro potente ma che sorvola la traversa. Nel secondo tempo prevalgono il freddo, la stanchezza e, forse, la paura di perdere; da segnalare solo una conclusione dalla lunga distanza di Giorgione parata con qualche difficoltà da Agazzi. Dunque, si va ai calci di rigore.

ALESSANDRIA-ALBINOLEFFE 7-6 (2-2 dopo 90′, 2-2 dts)

Alessandria (4-4-2): Agazzi 5; Casasola 6, Gozzi 6, Giosa 6.5, Pastore 6 (83′ Fissore 6); Ranieri 6, Gazzi 6, Rossetti 6, Russini 5 (73′ Fischnaller 6); González 6.5, Bunino 6 (33′ Marconi 6). A disp.: Vannucchi, Pop, Celjak, Piccolo, Sciacca, Nicco, Cazzola, Branca, Bellomo. All.: Marcolini 6.
AlbinoLeffe (3-4-1-2): Chiriac 6; Gusu 6, Mondonico 6.5, Cortellini 5.5 (89′ Galeandro 6); Coppola 5 (86′ Pellicanò 6); Giorgione 6, Nichetti 6, Zucchetti 6; Ravasio 6; Sibili 6, Montella 6 (84′ Colombi 6.5). A disp.: Esposito, Cotroneo, Agnello, Gonzi. All.: Alvini 6.
Arbitro:
Pasciuta di Agrigento.
Marcatori: 
62′ rig. Montella (Ab), 78′ Casasola (Al), 80′ González (Al), 90’+2 Colombi (Ab).
Note – Ammoniti:
 Ranieri, Pastore (Al); Gusu, Mondonico (Ab).
Sequenza rigori: Colombi (Ab) gol; González (Al) gol; Galeandro (Ab) gol; Fischnaller (Al) gol; Ravasio (Ab) gol; Casasola (Al) gol; Mondonico (Ab) gol; Giosa (Al) gol; Giorgione (Ab) traversa; Marconi (Al) gol.

Condividi
Giornalista, appassionato di storia, letteratura, calcio e mediani: quegli “omini invisibili” che rendono imbattibile una squadra. Il numero 8 come fisolofia di vita: grinta, equilibrio, altruismo e licenza del gol.