Come la volpe che non arriva all’uva…

-

Milan-Barça, partita spettacolo. Tutti a esaltare il gioco dei catalani, le magie di Messi, le geometrie di Xavi e le diagonali di Puyol. Tutto vero, i catalani sono una squadra di marziani. Il club più forte del mondo, con il giocatore più forte del mondo e una mentalità vincente. Ieri però, a sorprendermi è stato il Milan. I rossoneri hanno tenuto testa per tutto il match ai più quotati avversari. E lo hanno fatto portando il match sul terreno più congeniale a Messi e compagni. Allegri ha avuto il coraggio di proporre calcio, prediligendo un centrocampo di qualità a un centrocampo di incontristi e “picchiatori”. Nocerino e Ambrosini in panchina, Seedorf e Aquilani in campo. Poco importa che poi il Barça abbia comunque vinto. Con la partita di ieri i rossoneri hanno dimostrato di potersela giocare con i campioni di Spagna e d’Europa in carica. Molto più di quanto non avevano dimostrato col 2-2 del Camp Nou all’andata. Una consapevolezza che farà bene a Ibra e compagni, che dopo lo scudetto dello scorso anno vogliono tornare assoluti protagonisti anche in campo Europeo.

Chiosa finale sui commenti sentiti in giro per il web o sui vari talk show televisivi. Da italiani, come spesso accade, l’invidia la fa da padrone. E allora senti dire “ma veramente il Milan pensava di battere il Barcellona?” o gente di fede neroazzurra che ricorda “Solo noi abbiamo battuto il Barcellona negli ultimi anni”. Perfetto, tutto vero. Ma il passato è passato. Il Milan se l’è  giocata alla pari con la squadra più forte al mondo, non ammetterlo vuol dire mentire a se stessi. Insieme al Real, i rossoneri sono l’unica squadra – parere personalissimo di scrive – in grado di mettere in seria difficoltà la corazzata di Guardiola. Con buona pace dei supporters di Inter e Juve. Che sono un po’ come la volpe che non arriva all’uva e dice che è acerba. In tempi di magra personale si gode delle sconfitte altrui, vizio – anche questo -tipicamente italiano.

Giampaolo Gaias
Giampaolo Gaias
«Ciò che mi trattiene dallo scrivere un capolavoro è il timore che me ne chiedano subito un altro». Classe 85, giornalista. Fa, peraltro male, anche l'allenatore di calcio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

MondoPallone Racconta… San Marino, una realtà da salvaguardare

E' notizia di questi giorni lo sciopero - poi rientrato - dei giocatori della Nazionale di San Marino. Infatti, gli stessi chiedono di essere...
error: Content is protected !!