Qatar Major: eterna Salazar, è semifinale

-

Così come accaduto ieri per il tabellone maschile, anche dal tabellone femminile dopo i quarti c’è una certezza: la finale dell’Ooredoo Major Premier Padel di Doha non sarà la stessa del Riyadh Season P1. Merito di Alejandra Salazar e Tamara Icardo, teste di serie numero 5, che hanno eliminato al termine di una partita bellissima Delfi Brea e Bea Gonzalez. Le numero 2 del seeding erano partite meglio, chiudendo il primo set con il punteggio di 6-2, prima di subire il ritorno delle avversarie, che dopo aver portato la partita al set decisivo lo hanno dominato chiudendo 2-6 7-5 6-1 in due ore e 14’. A contendere un posto in finale a Salazar/Icardo sarà una delle nuove coppie che hanno debuttato in questi giorni in Qatar, quella formata da Gemma Triay e Claudia Fernandez (3), che hanno eliminato 6-1 6-3 Lucia Sainz e Patty Llaguno. Nella parte alta del tabellone ci saranno invece di fronte Ari Sanchez/Paula Josemaria (1) (doppio 6-3 a Castelló/Jensen) e Marta Ortega/Veronica Virseda (4) (6-2 6-0 a Sharifova/Carnicero).

UOMINI Nel tabellone maschile, dopo l’impresa di martedì negli ottavi, prosegue la marcia di Mike Yanguas e Javi Garrido (10): il 7-5 6-4 su Arroyo/Alonso (14) porta i due spagnoli a giocare una semifinale attesissima contro i ‘Superpibes’ Franco Stupaczuk e Martin Di Nenno (3), vittoriosi 6-3 6-3 su Chingotto/Gonzalez (5). Nella parte bassa, invece, hanno rispettato le previsioni Arturo Coello e Agustin Tapia (2) a una sola partita dalla loro seconda finale in due tornei Premier nel 2024: niente da fare per Coki Nieto e Jon Sanz (9), sconfitti 6-2 6-2. In semifinale, Coello e Tapia se la vedranno con Paquito Navarro e Sanyo Gutierrez (4), che dopo aver sofferto negli ottavi contro Rico/Esbri hanno superato in due set (6-4 6-4) Cardona/Ruiz.

Giovedì il programma sul Centrale di Doha inizierà alle ore 15.30 locali (le 13.30 CET): apriranno Triay/Fernandez contro Salazar/Icardo, poi Yanguas/Garrido contro Stupaczuk/Di Nenno. A seguire, Sanchez/Josemaria contro Ortega/Virseda e Navarro/Gutierrez contro Coello/Tapia.

Rodella Alessandro
Rodella Alessandro
Nato a Brescia nel marzo del 1992, ama lo sport in generale, soprattutto calcio, tennis e motori. Pratica i primi due a livello amatoriale senza grandi risultati. Appena può, ama seguire gli sport "dal vivo".

L’anatema di Maurìto

Dietro questo pezzo c'è una premessa, che sa di promessa fatta ad uno dei caporedattori storici di Mondopallone. Non faccio il nome per motivi...
error: Content is protected !!