Adieu Tokyo: Benoit Paire escluso dalla selezione olimpica francese

Una lista chilometrica di gesti poco idonei ad uno sport nobile come il tennis: nella giornata di oggi la Federazione francese di tennis ha deciso di punire Benoit Paire escludendolo dalla selezione olimpica che ad agosto volerà a Tokyo.

Tennista dal talento cristallino noto più per gli episodi stravaganti che per i suoi successi, Paire ha vinto in carriera tre titoli ATP 250 su terra rossa e ha il quarto turno come miglior risultato negli slam. Attuale numero 35 del ranking mondiale, nel 2016 ha toccato il suo apice con la diciottesima posizione.

La Federazione francese non ha più nomi di spicco e avrebbe sicuramente puntato su di lui in vista delle Olimpiadi, se non fosse per il suo carattere ai limiti della pazzia. I transalpini infatti hanno Monfils (non più affidabile visti i suoi tanti infortuni), Humbert e Mannarino a ridosso dei primi trenta del mondo. Sembra passata un’eternità dal 2017 quando i galletti vinsero la loro decima Coppa Davis.

Oggi invece un atleta come Paire rappresenterebbe una buona pedina su cui puntare: difficile, quasi impossibile, portare a casa una medaglia in un torneo con Federer, Nadal e Djokovic, ma se in giornata Paire ha dimostrato di potersela giocare con tutti. Ma a Tokyo non ci sarà: la lista, soprattutto nel 2021, di comportamenti antisportivi è veramente lunga.

Il 4 marzo 2021, durante la partita con Francisco Cerundolo a Buenos Aires, il francese si è comportato in modo inappropriato sia in campo, con sputi ed imprecazioni, che all’esterno, attraverso l’uso dei social. I precedenti di racchette rotte ormai non fanno più notizia, ma Paire sembra sempre voler alzare l’asticella dei suoi gesti. Pochi giorni dopo arrivarono comunque le scuse e non fu preso alcun provvedimento.

A Montecarlo in conferenza stampa dopo aver perso al primo turno il solito match pazzo contro Thompson se ne uscì con queste frasi: “Gioco perché ho preso 12mila dollari per stare in hotel e poi torno a casa, è perfetto. Sembra di giocare in un cimitero, che tu faccia un vincente o un errore è la stessa cosa. In questo momento la vita quotidiana fa schifo e anche il circuito, l’unico momento felice è quando sono a casa e posso stare senza mascherina e non pensare al Covid”.

La FFT ha riconosciuto un’altra grave violazione delle norme da parte del proprio giocatore e, dopo una lunga riunione tenutasi nel pomeriggio, il presidente ha deciso di escludere Paire dalle Olimpiadi. “Vista la ripetizione di comportamenti profondamente inappropriati da parte di Benoît Paire, il Comitato Esecutivo della FFT, su proposta del direttore tecnico Nicolas Escudé, dopo aver consultato Sébastien Grosjean, capitano della squadra francese di Coppa Davis, ha deciso di escludere il giocatore dai prossimi Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo” scrive la FFT nel comunicato ufficiale con cui annuncia la decisione.