“Vi parlo di Stefanovich, giocatore di football americano ma detenuto politico in Bielorussia”

Dopo aver raccontato la storia del combattente Kudin, anche attraverso le parole della moglie, oggi parliamo di un altro atleta che oggi, assieme ad altre 246 persone (ma il numero è in costante crescita), si ritrova detenuto nelle carceri bielorusse come prigioniero politico: Rostislav (o Rastislau, nella forma Belarus) Stefanovich, giocatore di football americano per i Minsk Zubry, accusato per delle chat su Telegram. Architetto e designer di interni, sportivo nel tempo libero, il 31enne è in carcere dal 29 settembre: era uscito per consegnare dei documenti a un cliente e non è più tornato a casa, salvo essere poi trovato nella prigione di Okrestina.

Durante il fermento politico, Rostislav non ha mai nascosto la sua posizione e ha sostenuto le idee del cambiamento, entrando a far parte del Consiglio di Coordinamento ad agosto. E, secondo sua moglie, è questo il motivo che lo ha fatto finire nel mirino del governo. Il ragazzo è stato accusato di “aver partecipato a rivolte di massa” a Minsk dal 10 al 12 agosto, di averle organizzato e istruito le persone, di aver avuto l’intenzione di dare fuoco ad un chiosco e di aver deliberatamente bloccato le strade. Successivamente, gli investigatori, sostituiti più volte in quattro mesi, si sono accordati sulla parte 2 dell’articolo 293 del codice penale della Repubblica di Bielorussia (partecipazione a disordini di massa). La pena massima per questo reato è fino a otto anni di carcere.

Dal momento del suo arresto Rostislav, riconosciuto come prigioniero politico già in ottobre, non ha più visto né sua moglie né i suoi due figli (uno di cinque e l’altra di sette anni). È stato trasferito più volte in diversi luoghi di detenzione. Il 16 gennaio Stefanovich è stato accusato di ulteriori capi d’imputazione ai sensi della parte 3 dell’articolo 218, che descrive la punizione per distruzione intenzionale o danno a proprietà, che, per negligenza, comporta la morte di una persona o altre gravi conseguenze. La durata della pena è dai 7 ai 12 anni.

Intervistata da by.Tribuna.comla moglie di Stefanovich ha raccontato la storia del giocatore di football americano, ma anche della drammatica situazione che si sta vivendo in Bielorussia (traduzione di Associazione Bielorussi in Italia).

Quando ha ricevuto l’ultima lettera di Rostislav?

Il 23 dicembre, l’ha scritta il 2. Ha detto che stava bene, si stava preparando per il Capodanno, chiedeva dei bambini. Ma ha fatto più domande e condiviso i suoi pensieri. Dopo il Capodanno, l’avvocato l’ha incontrato. Rostislav ha dovuto testimoniare durante l’udienza per il caso di un altro membro del Consiglio di Coordinamento. Si trova in una cella con altre due persone. Insieme a lui c’è un ragazzo, che ha a che fare con il progetto «Страна для жизни» (Un Paese per vivere) di Serhey Tikhanovsky. Per quanto ne so, nessuno scrive a questo ragazzo, nessuno gli porta nulla. È tutto solo. E l’altra persona si trova lì per spaccio di droga. Secondo l’avvocato, la cella di mio marito in carcere di detenzione n. 1 di via Volodarsky è molto fredda: o il riscaldamento vi manca del tutto o è davvero basso. Rostislav dorme vestito, indossa i calzini di lana sopra a quelli di spugna e sopra ancora le pantofole in montone. Ciò nonostante si sveglia dal freddo ogni 20 minuti.

Da quanto tempo Rostislav è stato trasferito da Zhodino a Minsk?

Sa, subito dopo l’arresto, si trovava nella prigione di via Okrestsina, poi è stato trasferito in via Volodarsky. Ha trascorso tre settimane lì ed è stato mandato a Zhodino. Il 26 novembre è tornato a Minsk nel centro di detenzione di via Volodarsky. Onestamente, non capisco affatto perché lo trasferiscano costantemente da un posto all’altro. Forse il motivo è l’esaurimento dei posti nelle prigioni e mio marito viene trasferito là dove c’è disponibilità o forse lo considerano un criminale talmente pericoloso, da trattarlo così. Non lo so. Nel centro di detenzione n.1, come ha scritto mio marito, i libri non sono consentiti. I prigionieri hanno denunciato tale fatto e hanno hanno portato il libro del codice penale. Ma anche quello è stato portato via il giorno successivo. Si lamenta anche del fatto che la luce nella cella è molto debole, per cui gli è difficile disegnare o scrivere lettere.

Riceve le sue lettere regolarmente?

Gli scriviamo tutti i giorni, ma, come ha detto l’avvocato, l’ultima lettera da parte nostra che ha ricevuto è datata il 17 dicembre. Rostislav ci ha risposto, si potrebbe dire, a giorni alterni. Si è scoperto che ci venivano consegnate 2-3 lettere a settimana. E abbiamo aspettato un suo messaggio prima di Capodanno. Il 4 gennaio ci sono state consegnate delle cartoline a me, ai bambini e ai parenti, ma senza i timbri del centro di detenzione n. 1. Di solito tutte queste cartoline hanno il marchio, ma, da quel che ho scoperto, tutti i censori si sarebbero ammalati. È un po’ strano. Poi è arrivata l’informazione che la stessa situazione stava accadendo a Zhodino. Comunque, le cartoline sono decisamente di Rostislav, perché la calligrafia è la sua. Pensavo che anche adesso sarebbe arrivato qualcosa, ma mentre stavo venendo all’intervista, ho incontrato il postino e mi ha detto che non c’erano lettere per noi. Il postino mi ha confidato che aveva pensato che Rostislav fosse tornato a casa, ma ahimè non è così.

In questa situazione, anche gli estranei la supportano.

Sì, è fantastico. Ricevo aiuto e supporto anche da quelle persone da cui non me lo sarei mai aspettato. La solidarietà dei bielorussi ora non ha limiti. Anche se ci sono quelli che si allontanano e smettono di parlarti, e sono persone che magari conosci da molto tempo. Probabilmente qualcuno ha paura che la situazione possa coinvolgerli. Cerco di capirli, tutto può succedere. La cosa più importante è che nessuno insulta Rostislav o lo chiama criminale. Non so nemmeno cosa farei se sentissi qualcosa del genere. Vorrei anche sottolineare l’atteggiamento dei clienti di Rostislav. È un architetto e designer e prima di essere imprigionato seguiva diversi progetti. Ora non può farlo, ma i suoi clienti hanno comunque detto che avrebbero aspettato il suo rilascio per tutto il tempo necessario, non vogliono lavorare con nessun altro. Queste persone sono in contatto con me e si interessano sempre di come sta evolvendo la situazione.

Nella scuola dove studia nostra figlia Nicole (7 anni), è accaduto qualcosa di interessante. Subito dopo l’arresto di Rostislav, siamo stati informati che a casa ci sarebbe stata una perquisizione. Per non traumatizzare i bambini, li ho portati fuori città da mia madre. Mia figlia si è ammalata. Mia madre ha chiamato il suo dottore, che ha consigliato di curarsi a casa. I bambini sono rimasti con mia madre per tre settimane e quando è arrivato il momento di tornare a scuola, la clinica non ha voluto rilasciare il certificato. Siamo andati dal dottore, che a sua volta ci ha mandati dalla sua responsabile per risolvere il problema. Quando ci ha chiesto il cognome, si è messa a cercare qualcosa da qualche parte, ci ha guardato e ha sbottato: “Ecco, la mia giornata lavorativa è finita. Arrivederci”. Capisco che questa è un’istituzione statale, forse i medici hanno paura di qualcosa, ma, scusate, cosa c’entrano i bambini? Hanno già sofferto. E non capivo perché tutto ciò a noi. In breve, non abbiamo ricevuto nessun certificato, siamo tornati a scuola senza. E lì ci hanno trattati meglio. Mia figlia è stata assente a scuola per quasi un mese; sono andata lì e ho spiegato tutto (sanno che mio marito è in arresto), ho raccontato che per qualche motivo non mi hanno rilasciato il certificato. Mi hanno ascoltata e mi hanno detto, che Nicole poteva continuare gli studi tranquillamente.

E i bambini sanno dov’è il papà?

Nicole l’ha intuito subito. Probabilmente ha visto la mia reazione, ha notato come mi sono comportata dopo la chiamata, e la sera mi si è avvicinata e ha chiesto: “Papà è stato arrestato?” Allora non avevo realizzato la gravità di quanto stesse succedendo, ho pensato che mio marito fosse stato detenuto per un massimo di 15 giorni, soprattutto perché molti dei miei amici sono stati arrestati così. Il fratello di Rostislav, Oleg, ha trascorso due settimane a Zhodino. Mia figlia sapeva di questo, per cui ha capito immediatamente che anche papà era stato arrestato. Naturalmente, Nicole è preoccupata e le manca papà. Quando a ottobre ho iniziato a raccogliere le informazioni sul fatto che mio marito potesse essere rilasciato su cauzione, Nicole è venuta da me e mi ha detto: “Ora creiamo una sorta di società di servizi e raccogliamo denaro in modo che papà possa essere liberato”. Voleva davvero aiutarlo.

Ora, insieme a suo fratello Mark, disegna costantemente, scrive lettere sia a nome suo, che a quello di Mark. Ogni tanto chiede di controllare gli errori, ma scrive tutto da sola. Mark (5 anni) all’inizio non sapeva nulla. Un giorno mio marito mi ha scritto chiedendo di raccontare tutto anche a lui. Prima gli avevamo detto che papà era partito per il campionato. Se fosse partito in viaggio d’affari, sarebbe stato via per un paio di giorni al massimo, mentre i tornei possono durare anche una settimana. Sono passati 7 giorni, poi 14 e il mio bambino ha iniziato a chiedere dove fosse papà. Alla fine, ho detto a Mark che papà era stato arrestato. Mio figlio vede cosa sta succedendo in Belarus, capisce già molto, ma è ancora un bambino. Ho detto a Mark che suo papà non è rinchiuso in una prigione, ma in un castello dove c’è un drago a proteggerlo. Quando una volta siamo andati nella prigione di via Volodarsky, mio ​​figlio ha visto che effettivamente si tratta di un castello (il centro di detenzione n. 1 si trova nell’edificio del castello Pishchalovsky del XIX secolo – Tribuna.com), ha capito che il papà si trova li e ha creduto anche nella storia del drago. L’ho raccontato a Rostislav e gli ho detto che i bambini hanno chiesto un pezzo di pelle del drago. Mio marito si è ingegnato e nella sua lettera di risposta ha inviato delle “squame di drago”, che non erano altro che delle croste di pane. Fortunatamente, i censori le hanno fatte passare.

Il 1 ° gennaio siamo andati in via Volodarsky tutti insieme, e siccome non ci hanno fatto entrare, abbiamo fatto gli auguri a Rostislav nei nostri pensieri, abbiamo cercato di trasmettergli la nostra energia, diciamo così. Alla vigilia di Capodanno, i nostri vicini sono stati di grande aiuto, sono venuti a trovarci. Il fatto è che il fratello di Rostislav si è ammalato di coronavirus, la loro madre è rimasta in isolamento, mentre i miei vivono in un’altra città. Abbiamo espresso lo stesso desiderio di quasi tutti i bielorussi e abbiamo fatto un brindisi per un più veloce ritorno dell’uomo di casa. Certo, non sono mancati i momenti tristi. A casa tutto è rimasto come il giorno in cui Rostislav è uscito prima di essere arrestato. Persino le scarpe sono rimaste là dov’erano, non è cambiato nulla.

Ha detto che i sorveglianti del centro di detenzione non hanno censurato le “squame di drago”. Quindi ci sono ancora persone con dell’umanità tra i dipendenti di tali istituzioni?

Sì, c’è ancora qualcuno che riesce a mettersi nei nostri panni. Anche se dicono che ad Okrestina lavorino degli animali, in realtà sono abbastanza comprensivi. A mio marito piace molto il kefir, che è vietato portare ai prigionieri, ma ad Okrestina me l’hanno accettato. Ero sicura che non l’avrebbero fatto. Mi hanno accettato anche quei pacchi che pesavano sopra la norma di 5 kg. Una volta ho portato una borsa di 12 kg, presa anche quella, anche se con una certa riluttanza. Rostislav è stato trattato bene anche nel carcere di via Volodarsky. Mio marito ha detto che gli arrivavano i succhi e l’acqua. Per me è stata una piacevole sorpresa.

La prigione di Zhodino, invece, fa paura. Si può portare solo ciò che è presente nel regolamento e non si può sforare di un chilo, niente concessioni o eccezioni. Una volta ho deciso di regalare a mio marito delle vecchie cartoline sovietiche con delle illustrazioni di animali in modo che le potesse disegnare e poi inviare ai bambini. Sul retro di queste cartoline c’era scritto il nome degli animali, motivo per cui non le hanno accettate. Questo lato deve essere completamente vuoto, senza alcuna scritta. Quindi ho stampato delle foto di animali scaricate da Internet su carta fotografica in modo che il retro fosse bianco. Non hanno accettato nemmeno quelle: si sono aggrappati al fatto che fosse su carta fotografica. Ho chiesto poi di trasferire almeno due fotografie della famiglia e dei bambini e, secondo le regole, ciò è consentito. E invece no, neanche quelle sono state accettate. Si possono solo spedire tramite lettera. Sempre secondo il regolamento si possono portare cinque libri, ma, da quanto ho scoperto, vengono portati via, messi in deposito e mai consegnati ai prigionieri. Ti ridanno solo quello che vogliono.

La cosa peggiore accade con il cibo. Se il pesce non viene porzionato, verrà letteralmente sventrato in prigione a tal punto che non sarà più possibile mangiarlo. Mio marito ha scritto che era ormai abituato a “scavare nei cadaveri”, perché le verdure e la frutta vengono tagliate a metà o forate appositamente in modo che si deteriorino più velocemente. Una volta gli ho portato un chilo di mandarini e sono andati a male molto rapidamente, mio marito ha capito il motivo: tutti i mandarini sono stati perforati. Sempre per farli marcire prima. Nel regolamento sono consentiti fino a 10 kg di prodotti alimentari… ma come saranno conservati?

Fortunatamente, se così si può dire, il 26 novembre Rostislav è stato trasferito di nuovo nel centro di via Volodarsky. Io e i bambini siamo riusciti a rallegrarlo prima di Capodanno. Siamo riusciti a far passare le noccioline fatti in casa con latte condensato e biscotti di pan di zenzero. Onestamente, sono rimasta sorpresa dal fatto che il cibo sia stato accettato, perché a Zhodino mi hanno rifiutato una torta di mele, nonostante l’avessi preparata io stessa.

So che a Zhodino anche le condizioni di detenzione sono terribili.

Ha ragione. Mio marito era in una cella con altre 11 persone. A volte erano in 18, con la finestra aperta in modo permanente e non erano autorizzati a chiuderla. Le persone congelavano letteralmente. Solo quando la neve è cominciata a entrare nella cella fino alla porta del sorvegliante, hanno permesso a loro di chiudere la finestra.

Quindi le persone erano detenute in una “cella frigorifera”

È così. La temperatura fuori o in cella è la stessa. Quando venivano portati fuori a fare una passeggiata, a volte erano costretti a stare lì per ore. Anche in autunno inoltrato, come mi ha scritto Rostislav, faceva così freddo, che era come stare fuori in un parco al gelo, e quando sei completamente ghiacciato, devi continuare a rimanere lì. Prova a immaginare cosa sta succedendo là adesso che sta nevicando e ci sono -18 gradi. C’erano degli scarafaggi nella cella, ma sono scomparsi. Probabilmente si sono congelati. Nel tentativo di riuscire a ottenere delle condizioni migliori di detenzione diventavo isterica, ma nessuno mi ha mai ascoltata.

Per quanto ne so, gli investigatori incaricati del caso di Rostislav vengono cambiati continuamente.

Sì, da quanto ci è stato riferito, siccome il caso è complesso, gli investigatori vengono cambiati spesso. Uno è a capo dell’operazione, gli altri sono di passaggio. E l’indagine passa di mano in mano. L’ultima volta Rostislav è stato interrogato da una donna, anche se prima c’erano solo uomini. Questa donna gli ha detto che anche l’investigatore principale è stato sostituito. Non capisco a chi chiedere una data per un incontro, a chi scrivere. Ho fatto domande al Comitato Investigativo, ma vengo costantemente respinta e mi vengono negate le visite. Dopo l’intervista andrò di nuovo a spedire lettere al Comitato Investigativo segnalando che in questo modo vengono violati anche i diritti dei bambini. Per legge, nella vita di un bambino devono essere presenti entrambi i genitori, ma nel nostro caso non è così. Proverò a seguire questa strada. Ma ripeto, il Comitato Investigativo mi ha sempre negato qualsiasi incontro. Continuano a ripetermi che Rostislav deve ancora essere interrogato, solo quando le indagini saranno finite, potrebbero concedermi una data. E se chiedo quando finiranno le indagini, mi rispondono: “Non ci sono informazioni, non possiamo dirle nulla”.

A loro non importa se i bambini non vedono il loro padre da settembre. A loro non interessa che Rostislav si lamenti costantemente della sua salute. Dopo un violento pestaggio a settembre continua a fargli male la testa e a volte non sente più le dita. Suo padre è morto di aneurisma all’età di 33 anni e lui ha quasi la sua stessa età. E l’aneurisma è una malattia ereditaria. Spero che a lui non accada nulla del genere.

Mi sta dicendo che è dal 29 settembre che né tu né i bambini vedete Rostislav.

Sì, fra poco saranno quasi quattro mesi. Solo l’avvocato può vederlo. È a lui che chiedo che aspetto abbia mio marito e per ora, mi viene riferito che è tutto a posto. Anche se so che Rostislav non dirà mai che sta male, per non far preoccupare né me, né i bambini, né i genitori. A volte anche lui non ne può più e si lamenta, per così dire. Ad esempio, quando si è sfogato in una lettera prima di tornare a Volodarsky. Ha scritto che ogni giorno effettuavano nella sua cella una perquisizione dettagliata. Mettevano tutto a soqquadro, controllavano ogni cosa. Ha scoperto in seguito che la sua cella era sotto sorveglianza speciale.

Anche la vostra abitazione è stata perquisita?

La polizia è arrivata il 23 ottobre, quasi un mese dopo l’arresto di mio marito. Quel giorno i bambini erano già tornati da mia madre, e il 23 erano a casa con mia suocera. Io sono uscita per delle commissioni. I miei figli stavano giocando in silenzio quando hanno suonato il campanello. I bambini sono corsi verso la porta e hanno chiesto chi era. Era la polizia, hanno detto ai miei figli che dovevano condurre una perquisizione. Mio figlio ha risposto che io non ero a casa. La suocera mi ha subito chiamata, mi ha spiegato tutto, al che le ho detto di non farli entrare. Ci ho messo un’ora per finire le mie faccende e quando sono tornata, i poliziotti erano ancora li. Ho chiesto a loro di darmi il tempo per portare i bambini fuori e hanno acconsentito. Ma quando hanno visto mia suocera nell’appartamento, hanno cominciato ad agitarsi, chiedendo come mai fosse li, dal momento che non era a casa sua.

Dei miei conoscenti sono venuti ad assistere alla perquisizione come testimoni. A essere onesti, tutto è andato abbastanza bene, senza alcuna violenza. Quando ho chiesto ai poliziotti se avessero trovato qualcosa, mi hanno risposto così: “Se lo avessimo voluto, avremmo trovato”. Non so cosa stessero cercando, non ne ho idea. Hanno frugato negli armadi, nei comodini, curiosavano. All’inizio hanno pensato che Rostislav fosse quel ragazzo che aveva tirato fuori la pompa d’acqua dalla camionetta con il cannone ad acqua della polizia. Ho detto a loro che non avevamo niente a che fare con quell’incidente. Alla fine non mi hanno rivelato che cosa stessero cercando.

Forse stavano cercando qualcosa con cui Rostislav avrebbe dato fuoco al chiosco? Gli è stato imputato anche questo reato.

Sinceramente, non lo so. Anche perché nessuno ha dato fuoco a niente. Rostislav era sempre in giro, andava a incontrare i ragazzi che ha conosciuto in chat per parlare sul da farsi, sulle varie opzioni, sul come agire in una determinata situazione. Ora mi è chiaro che in questa chat c’era un provocatore, una talpa. Era il più attivo nella chat, incitava tutti a dare fuoco a un chiosco. Di Rostislav c’erano soltanto due messaggi. Aveva solo inviato un “più” per accettare l’invito all’incontro e nell’altro messaggio aveva constatato che l’incendio doloso non era un’opzione. Ed è tutto.

Nonostante ciò è andato all’incontro e da quanto mi è stato detto, ci sarebbe anche un video di come mio marito e gli altri ragazzi fossero stati arrestati quel giorno. Vi dirò per certo che nessuno avrebbe dato fuoco a nulla. Anche perché l’avvocato, riferendo le parole di Rostislav, mi ha raccontato che si sarebbe avvicinato a loro un ragazzo, con qualcosa in mano, e le forze di sicurezza sarebbero arrivate immediatamente dopo. Sono sicura che loro fossero finiti in una trappola, perché nessuno avrebbe davvero voluto fare qualcosa del genere. Anche durante l’interrogatorio e dopo essere stato picchiato, Rostislav ha affermato di aver incontrato gli altri soltanto per parlare. Conosco bene mio marito e posso dire con certezza che non avrebbe mai partecipato a un reato del genere.

Ed è stato anche incolpato di partecipazione ai disordini di massa.

Sì, è stato accusato di aver partecipato agli eventi dal 10 al 12 agosto. Ma so che non era nemmeno vicino fisicamente a quegli eventi. Sono riuscita a portare una stampa dei dati di geolocalizzazione scaricati dal mio telefono, grazie ai quali viene mostrata l’innocenza di mio marito, il fatto che fosse stato sempre con me. Non posso però richiedere i dati di geolocalizzazione del suo telefono [ufficialmente]. Solo Rostislav può farlo o un investigatore oppure un avvocato con il permesso dell’investigatore. Ma figuriamoci se lo fanno! A nessuno interessano quei dati.

Oltretutto inizialmente Rostislav è stato incolpato del fatto che avesse bloccato le strade la notte tra il 10 e l’11 agosto con la sua auto. Ma anche ciò è fisicamente impossibile. Abbiamo comprato l’auto il 31 luglio, l’8 agosto siamo andati a immatricolarla e a prendere la targa. Potevamo andare a ritirarla solo l’11 agosto dopo le ore 16. Abbiamo lasciato l’auto nel parcheggio di Zhdanovichi e l’abbiamo recuperata soltanto il 12, dopo pranzo, come testimonia l’assicurazione rilasciata lo stesso giorno. Tutti i documenti sono rimasti nell’auto e le chiavi sono state tolte a Rostislav durante l’arresto. Anche l’auto è stata sequestrata, ma nessuno andrà a cercare quei documenti. A nessuno importa, il sistema ha già la sua verità.

Quanti fascicoli sono stati aperti contro Rostislav?

Cinque. Comma 1 dell’articolo 293 (organizzazione di disordini di massa), due fascicoli sulla parte 2 (partecipazione ai disordini di massa), parte 3 (addestramento o preparazione delle persone alla partecipazione ai disordini di massa), nonché articolo 310 (blocco doloso delle strade). Ovviamente sono rimasta scioccata quando ho calcolato quanti anni di prigione potrebbe ricevere, ho avuto una crisi isterica, continuavo a piangere. Ma siete impazziti? Allo stesso tempo nessuno mi ha mai spiegato nulla. L’investigatore stesso, che mi ha contattata alle cinque del mattino del 30 settembre per dirmi che Rostislav era stato arrestato ai sensi di un articolo penale, in realtà non mi ha detto nulla di concreto. Mi ha solo chiesto di raccogliere le sue cose e di portarle al centro di detenzione temporanea di via Okrestina. Non capivo affatto cosa stesse succedendo. Ho richiamato l’investigatore alle sette del mattino, gli ho chiesto di ripetermi cosa avesse appena detto, siccome avevo appena ripreso conoscenza. Mi è stato risposto: “Troverà tutte le informazioni sulla consegna dei pacchi sul sito”.

La cosa più interessante è questa. Mio marito non era tornato la sera, ma io gli avevo continuato a scrivere fino alle tre del mattino e avevo visto che era online e che tutti i messaggi venivano letti, ma nessuna risposta. Avevo avuto vari pensieri, ma il fatto che stesse leggendo i messaggi, mi aveva rassicurata. Più tardi Rostislav mi ha rivelato che era stato costretto a dire il codice di sblocco del telefono, quindi i poliziotti, molto probabilmente, avevano letto i miei messaggi.

Lei lo sa perché Rostislav ha attirato tanta attenzione delle forze dell’ordine?

Probabilmente perché è un membro del Consiglio di Coordinamento, più precisamente della cerchia estesa del Consiglio. In più era attivo sui social, non nascondeva la sua posizione. Ricordo che attorno al 23 agosto, mentre ero in giro con i bambini nel parco, mi ha mandato uno screenshot tramite Viber, dove era scritto che era ufficialmente un membro del Consiglio di Coordinamento. Poco più di un mese dopo, mio ​​marito è stato arrestato. Ho cominciato a realizzare ciò che stava accadendo a mio marito e dei suoi capi d’accusa, quando ho incontrato il suo avvocato il 1° ottobre, che mi ha raccontato gli esiti del dialogo.

L’avvocato mi ha chiesto se ci fosse bisogno di documentare i segni delle botte. La mia risposta è stata: “Certamente”. Il giorno dopo è tornato da mio marito, e da quanto mi ha detto, Rostislav era così sconvolto da non sentire niente e nessuno. Doveva costantemente scuoterlo e ripetergli le domande. L’unica cosa che mi ha detto è che quando gli agenti delle forze dell’ordine lo picchiavano, lui aveva già smesso di sentire dolore. Probabilmente, il corpo era arrivato a una tale fase di resistenza, da smettere di sentire ogni altro impatto fisico. Pertanto quando abbiamo insistito per documentare i segni del maltrattamento, all’avvocato è stato immediatamente emesso un divieto di visita.

Ad ottobre Rostislav è stato incluso nell’elenco dei prigionieri politici. Come è venuta a saperlo?

Dalle notizie di uno dei canali di Telegram, in cui c’erano informazioni sui prigionieri politici in Belarus, con tanto di link dell’elenco dei nomi. L’ho cliccato per curiosità e ho visto il nome di Rostislav. Il 7 ottobre era già diventato un prigioniero politico. Se devo essere sincera, non mi aspettavo che gli sarebbe stato assegnato un tale status. In generale, non riuscivo a capire pienamente quanto fosse grave la situazione, cosa stesse accadendo. Ero più che sicura che sarebbe stato rilasciato. L’avvocato stesso mi ha detto che se dopo 10 giorni il detenuto non viene accusato, deve essere rilasciato. Nessuno ha chiamato l’avvocato, quindi avevamo la speranza che sarebbe andato tutto liscio. Ma quando sono scaduti tutti i termini, quasi due ore dopo, il difensore mi ha chiamata e mi ha detto che Rostislav era stato accusato. Non l’abbiamo scampata. E quando mi ha detto di cosa era accusato (dei cinque fascicoli gli è stata risparmiata solo il comma 2 dell’articolo 293), è arrivata la consapevolezza che mio marito sarebbe stato dietro le sbarre per almeno altri due mesi mentre l’indagine era in corso. Inoltre, mi ha spiegato che nelle prossime due settimane non avrebbe avuto alcun senso presentare un ricorso: non sarebbe stato preso in considerazione. Come non ha senso neanche ora: nessuno lì prende in considerazione queste domande.

Quando un detenuto viene riconosciuto come prigioniero politico, l’atteggiamento dei carcerieri o degli attivisti per i diritti umani cambia in qualche modo nei suoi confronti?

Oggi il tema dei prigionieri politici in Belarus è allarmante. Molto probabilmente i sorveglianti prestano maggiore attenzione a queste persone, ma in peggio, offendendoli, umiliandoli o altro.

Per quanto riguarda l’aiuto degli attivisti, il centro per i diritti umani “Viasna”, per esempio, rimborsa le spese legali. Li ringrazio molto per questo, anche perché una visita dall’avvocato costa circa 300 rubli bielorussi (circa 100 euro) e in una settimana posso averne bisogno di due o tre visite. Anche BY_HELP ci ha aiutati a suo tempo. Per il fatto che Rostislav è stato picchiato durante il suo arresto, hanno stanziato una certa somma per l’aiuto, per la riabilitazione. Ma per usufruire di questo aiuto era necessario raccogliere tutte le informazioni sui maltrattamenti. La documentazione non solo è stata emessa 15 giorni dopo l’arresto, ma è stata anche fatta solo formalmente. Il medico legale è arrivato da Rostislav addirittura a dicembre. Ci ha detto che ci ha “fatti sfuggire” e che ora a mio marito somministrino delle medicine, ma non è chiaro di che cosa si tratta. Hanno fatto una radiografia della sua testa da tre angoli e non hanno trovato fratture. Per loro questo vuol dire che Rostislav è sano e non ha bisogno di alcun aiuto speciale. E che lui senta dei dolori intorno alle tempie e che rischi un aneurisma non importa a nessuno.

La squadra “I Bisonti di Minsk”, per la quale gioca Rostislav, sta aiutando in qualche modo?

Sono in contatto con i giocatori, loro mi supportano costantemente, si dimostrano disponibili, dicono di contattarli per qualsiasi cosa. Ma, onestamente, cerco di non disturbarli e di combattere con le mie forze.

Un deputato del parlamento della Germania, Kai Gehring, ha sostenuto Rostislav nel mese di novembre. Dopodiché, il politico tedesco l’ha ricontatta?

No, non ho più avuto sue notizie.

Politicamente Rostislav è mai stato attivo prima della campagna presidenziale del 2020?

Era apolitico, come lo era la maggior parte dei bielorussi probabilmente. Leggeva notizie, esprimeva la propria opinione, ma non ha mai partecipato alle proteste o manifestazioni.

La vostra vita adesso si è divisa in “prima e dopo” il 29 settembre?

Indubbiamente. Ed è cambiata in peggio. Non solo Rostislav è stato arrestato, ma continuo a essere assalita da mille pensieri sul futuro. Tutti dicono che presto tutto cambierà nel nostro Paese, che Lukashenko non rimarrà fino alla scadenza del suo mandato. Prima con mio marito vedevo tutti questi eventi con altri occhi, ma ora che mi sono ritrovata in questa situazione, quando Rostislav viene accusato di così tanti capi d’imputazione e rischia anni di prigione, i miei sentimenti sono parecchio cambiati.

Il 16 gennaio Rostislav verrà nuovamente incolpato, ma per ora cerco di non pensarci. Presumo che mio marito verrà accusato per lo stesso articolo – comma 2 dell’art. 293. Molto probabilmente, il pubblico ministero chiederà la pena massima per Rostislav, che è di otto anni. Non conto su niente, soprattutto considerando che la cittadina svizzera [Natalia Hershe] è stata condannata a 2,5 anni per aver levato il passamontagna a un ufficiale di sicurezza. Per quanto riguarda Rostislav, voglio sperare ancora che venga rilasciato entro il 18 febbraio. È il giorno del nostro anniversario, quindi forse il destino ci farà un regalo. Questi sono dei sogni, ma forse si avvereranno improvvisamente.

E quand’è il suo compleanno e quello dei vostri figli?

Nella nostra famiglia siamo nati tutti a maggio. Vorrei tanto celebrare queste feste tutti insieme. Recentemente i bambini mi hanno detto che stanno già dimenticato la voce di papà. Ho trovato un video e gliel’ho fatto vedere.

Cosa prova ora quando qualcuno la chiama da un numero sconosciuto?

Cerco di non rispondere a queste chiamate. Non do i miei contatti a nessuno e non li diffondo, dopotutto, non sai mai chi può esserci dall’altra parte. Non vorrei imbattermi in qualche malintenzionato in questi tempi difficili. Oggi è facile incontrare persone del genere, anche se per fortuna non mi è ancora capitato.

Negli ultimi quattro mesi si è mai sentita sorvegliata?

Nei primi due mesi non notavo affatto i volti, dimenticavo le informazioni, mi sentivo demoralizzata. Quando mi veniva detto o spiegato qualcosa, chiedevo di metterlo per iscritto. Mi trovavo in uno stato veramente strano. Ma recentemente ho cominciato a temere per la mia incolumità e quella dei bambini. Quando stavo arrivando all’intervista, mi sono sentita un po’ spaventata. Non so perché, ma non riesco a sbarazzarmi di questa sensazione. Ci vorrà del tempo, ma la cosa più importante è che Rostislav mi sia vicino.

*****

Il 16 gennaio, Rostislav Stefanovich è stato nuovamente incolpato. Il ragazzo è stato accusato di “partecipazione ai disordini di massa”. Gli hanno imputato anche la parte 3 dell’articolo 218: “Distruzione intenzionale o danno a proprietà commesso da un gruppo organizzato, che ha provocato la morte di una persona o altre gravi conseguenze per negligenza, o che ha causato danni su scala particolarmente ampia”. La pena ai sensi di questo articolo è dai 7 ai 12 anni.

Secondo Cristina Stefanovich, non le è mai stato mostrato alcun materiale fotografico o video che dimostri la colpevolezza di Rostislav, ma solo le conclusioni della visita medica forense, che non hanno assolutamente nulla a che fare con questo caso. Dopo l’emissione della nuova accusa, i parenti e gli amici di Rostislav si trovano in uno stato di shock. Nemmeno l’avvocato si aspettava un simile sviluppo degli eventi. Il 18 gennaio, come ha assicurato Cristina, lei, insieme all’avvocato, presenterà un’istanza di appello contro le accuse.