Razzie di Calcio – Ottobre 2020 #7

Cos’è Razzie di calcio? Il mondo del calcio dilettantistico è ormai sempre più protagonista di episodi vergognosi, legati a fenomeni di violenza e discriminazione, spesso accompagnati da razzismo e sessismo. Ogni settimana, basandosi sulle decisioni adottate dai Giudici Sportivi di tutta Italia, MondoSportivo racconterà gli episodi più gravi, regione per regione, così da permettere a tutti di scoprire dove si sono svolti e le vicende che ne hanno fatto da cornice. Con l’obiettivo di non lasciare nel dimenticatoio storie altrimenti destinate a rimanere in silenzio, superate dal tempo e da quell’insensato comune senso di accettazione che rende tutti noi, volontari o non, complici di questo male del nostro calcio.

 

CALABRIA

Sersale-Locri, Eccellenza

Alcuni tifosi della Sersale Calcio hanno rivolto insulti razzisti verso un giocatore della squadra avversaria durante la gara, a cui si è poi aggiunto anche un comportamento offensivo e minaccioso verso l’arbitro.

EMILIA-ROMAGNA

Ziano-Rottofreno, Prima Categoria

Cinque giornate di squalifica per Ayrton Bassi dello Ziano, che prima ha la brillante idea di farsi espellere per aver sputato (in piena pandemia) contro un giocatore avversario e poi, al termine del primo tempo, si avvicina all’arbitro con fare minaccioso, indirizzando frasi minacciose contro di lui negli spogliatoi.

Alfio Pizzi-Fortitudo, Terza Categoria Bologna

Alla fine della partita, l’arbitro si sta recando verso la propri auto, ma viene informato dall’osservatore che 4 persone riconducibili ai tifosi della Fortitudo lo stavano aspettando all’uscita incappucciati e armati di bastoni. Il direttore di gara, che aveva già subito gravi minacce e offese durante la partita, è stato costretto a uscire da una porta secondaria perché i “tifosi” in questione erano riusciti a entrare nell’area degli spogliatoi. Risultato, 400 euro di multa che dovrà pagare la società.

PIEMONTE

Saluzzo-Pinerolo, Under 17 Regionale

Dopo aver segnato una rete, il giocatore del Pinerolo Simone Malano si avvicina alla recinzione, cominciando a insultare e, soprattutto, a sputare contro i tifosi della squadra avversaria.

SARDEGNA

San Nicola Ozieri-C.U.S Sassari, Prima Categoria

Al termine della partita, l’arbitro ha riscontato che ignoti avrebbero urinato su una sua scarpa, lasciata nello spogliatoi, con quest’ultimo che non era stato chiuso a chiave per il mancato funzionamento della serratura: 200 euro di multa per il San Nicola Ozieri.

SICILIA

Casteltermini-Dolce Onorio Folgore, Eccellenza

300 euro di ammenda per il Casteltermini, dopo che i propri tifosi hanno pensato bene di attingere con sputi un assistente arbitrale, con l’aggravante dell’introduzione sul terreno di gioco di persone non identificati riconducibili alla Società che hanno assunto un atteggiamento irriguardoso, offensivo e minaccioso verso gli ufficiali di gara.

TRENTINO ALTO ADIGE

Anaune Valle di Non-Rotaliana

Sono 700 euro di multa per l’Anaune Valle di Non a causa delle intemperanze della tifoseria contro l’arbitro, colpito da sputi, birra e acqua. Si aggiunge la mancata tutela da parte della società nei confronti del direttore di gara.

Puntata 6 – Razzie di Calcio – Ottobre 2020 #6
Puntata 5 – Razzie di Calcio – Settembre 2020 #5
Puntata 4 – Razzie di Calcio – Settembre 2020 #4
Puntata 3 – Razzie di Calcio – Marzo 2020 #3
Puntata 2 – Razzie di Calcio – Febbraio 2020 #2
Puntata 1 – Razzie di Calcio – Febbraio 2020 #1

 

Condividi
Nato a Monza nel '95, ha tre grandi passioni: Mark Knopfler, la letteratura e il calcio inglese. Sogna di diventare giornalista d'inchiesta, andando a studiare il complesso rapporto tra calcio e politica.