Fantacalcio Serie A 2019/20: i consigli su chi schierare nella 13/a giornata

Fra dubbi e certezze (o presunte tali), ogni fantallenatore è chiamato a fare delle scelte nel momento in cui schiera la propria formazione. Mettere tizio in campo e lasciare caio in panchina può rivelarsi la scelta azzeccata o una mossa da maledire a lungo. Ci sono, tra l’altro, tante varianti da tenere in considerazione: intanto, bisogna sapere chi salterà il turno di campionato (squalificati, infortunati e non convocati), poi occorre valutare come si sono allenati in settimana i propri giocatori e gli incroci che il calendario propone. Per il resto, è un mix di fantasia, intuito, coraggio e una gran bella dose di fondoschiena. Tuttavia, la fortuna va aiutata e per questo vi regaliamo qualche consiglio, consapevoli che, inevitabilmente, accadrà di essere smentiti dai fatti. Ma questo, d’altronde, è il bello del Fantacalcio!

Messa alle spalle l’ultima pausa del 2019 per gli impegni delle Nazionali, ci rituffiamo finalmente nel campionato. La 13/a giornata offre un programma succulento già al sabato, con tre anticipi niente male. Inizia la capolista Juventus, alle 15, sul campo dell’Atalanta, a seguire Milan-Napoli (18) e Torino-Inter (20:45). Domenica si pranza col derby emiliano Bologna-Parma, poi tre gare pomeridiane alle 15 (Verona-Fiorentina, Roma-Brescia e Sassuolo-Lazio), a seguire Samp-Udinese (18) e Lecce-Cagliari (20:45). Posticipo al lunedì, infine, tra SPAL e Genoa.
TOP 11 (3-4-3) – Audero (Sampdoria); Hateboer (Atalanta), Smalling (Roma), T. Hernández (Milan); Zaniolo (Roma), Svanberg (Bologna), Kurtić (SPAL), Jankto (Sampdoria); Salcedo (Hellas Verona), Džeko (Roma), Simeone (Cagliari).
LA CERTEZZA – In casa contro un Brescia in difficoltà c’è aria di +3 per Edin Džeko. Il bosniaco ha giocato solo una delle due gare con la propria Nazionale (quella contro gli Azzurri) ed è tirato a lucido per la ripresa del campionato. Sarà il riferimento centrale di una Roma che piano piano sta recuperando tutti i pezzi: da Pellegrini a Mkhitaryan, passando per Ünder, senza dimenticare Zaniolo che sta attraversando un periodo di forma eccezionale. Tutti al servizio di Edin, dunque, che non dovrà deludere le attese.
LA SORPRESA – Sembra ormai aver scalzato Stępiński e Di Carmine dall’undici titolare e ha appena 18 anni. Eddie Salcedo è fra i giovani più promettenti del campionato e il Verona sembra puntarci forte. Già a segno in questo campionato, dà sempre la sensazione di poter essere pericoloso da un momento all’altro. È il suo momento, chissà che non regali qualche gioia fantacalcistica anche domenica contro una Fiorentina priva di pedine importanti a centrocampo come Pulgar e Castrovilli.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.