Superliga, 12/a giornata – Rallentano tutte le prime, sorride solo il Racing

Dodicesima giornata caratterizzata dalla caduta delle prime della classe. Perdono infatti Argentinos Juniors, Lanús e River Plate. Partiamo dal Bicho, che perde la sua seconda partita in campionato venendo travolto da un redivivo San Lorenzo. Finisce 3-0 al Nuevo Gasómetro con reti di Rodríguez, Gaich e Romero nel primo tempo.

Brutta battuta d’arresto anche per il Lanús, che arrivava al Clásico del Sur reduce da tre vittorie consecutive. A vincere però è stato il Banfield, uscito vincitore dal campo rivale grazie al gol di Carranza al 52′ (bello l’assist di Dátolo). Meritato successo per il Taladro, che ha giocato anche mezz’ora in inferiorità numerica per l’espulsione di Civelli. A fine partita commovente addio di Falcioni, costretto a lasciare per curarsi da un tumore: “Questo e’ stato il mio ultimo Clásico. Non so se sia stata l’ultima partita ma sicuramente l’ultimo Clásico sì. Avrò un altro ruolo nel club, ma non so quando sarà effettivo questo cambio. Nei prossimi giorni parlerò con la mia famiglia e con il club. Può essere che lasci martedì oppure alla fine del Campionato. Nessun problema con la società ci mancherebbe, ho la forza per continuare ma anche la salute e’ importante”.

Perde abbastanza clamorosamente anche il River Plate. In un Monumental tirato a festa per l’ultima partita della squadra prima della finale di Copa Libertadores contro il Flamengo, il Rosario Central punisce un River poco preciso e disattento. Finisce 1-0 per gli ospiti con gol di Gamba al 46′ complice una serie di errori della difesa biancorossa.

In vetta insieme ad Argentinos e Lanús va così il Boca Juniors. Non una gran partita quella giocata dalla squadra di Alfaro in casa del Vélez, ma lo 0-0 basta per muovere la classifica. Pioggia di fischi per il grande ex Zárate nel suo secondo ritorno a Liniers.

Complici queste frenate, torna così in piena lotta per il titolo il Racing, unica delle prime a vincere. 1-0 il finale al Cilindro contro l’Huracán con rete di Reniero al 47′. Abbiamo così ora cinque squadre in due punti davanti e dopo la sosta il River farà visita a un rinato Independiente. Secondo successo di fila infatti per il Rojo, che con l’autorete di Jacquet e il calcio di rigore di Romero (capocannoniere della Superliga con otto gol) torna a vincere dopo cinquant’anni a Mendoza contro il Godoy Cruz.

Chiudiamo con le due squadre più in forma del campionato: Estudiantes e Atlético Tucumán. I biancorossi, dopo la vittoria del Clásico contro il Gimnasia, battono anche il Talleres salutando nel migliore dei modo l’Estadio Único. È stato infatti inaugurato con una grande festa il nuovo bellissimo Esadio Jorge Luis Hirschi, che dalla prossima giornata ospiterà le partita del Pincha. Quinta vittoria di fila per l’Atlético Tucumán, 1-0 a Santa Fe contro l’Unión con rete decisiva di Díaz.

IL GIOCATORE DELLA SETTIMANA – Julián Carranza (Banfield). Non poteva fare regalo migliore al suo allenatore questo giovane attaccante classe 2000. Carranza infatti segna il gol decisivo nel Clásico del Sur contro il Lanús regalando un sorriso a Falcioni, che lascerà a breve la panchina per malattia.

SUPERLIGA – 12/a giornata

Venerdì

Estudiantes-Talleres 1-0 2′ Castro

Sabato

Unión-Atlético Tucumán 0-1 29′ Díaz
Lanùs-Banfield 0-1 52′ Carranza
San Lorenzo-Argentinos Juniors 3-0 21′ G. Rodríguez, 27′ Gaich, 45′ rig. Á. Romero
Godoy Cruz-Independiente 1-2 12′ S. García (G), 59′ aut. Jacquet (I), 64′ rig. S. Romero (I)
Central Córdoba-Patronato 3-2 27′ Tarragona (P), 46′ Bay (C), 53′ Tarragona (P), 73′ rig. Herrera (C), 90′ rig. J. Rodríguez (C)

Domenica

River Plate-Rosario Central 0-1 46′ Gamba
Aldosivi-Gimnasia 0-3 24′ Coronel, 35′ Ramírez, 70′ rig. M. García
Newell’s Old Boys-Defensa y Justicia 2-0 2′ rig. M. Rodríguez, 44′ Fórmica
Racing-Huracán 1-0 76′ Reniero
Vélez-Boca Juniors 0-0

CLASSIFICA PRIMERA DIVISIÓN ARGENTINA

Condividi
Nato a Genova, dove vive attualmente. Ama molti sport tra cui basket, calcio, football americano e tennis. Segue il calcio italiano, europeo e sudamericano, con una forte passione per il campionato argentino.