Finale terzo posto Mondiali femminili – Inghilterra-Svezia 1-2, medaglia di bronzo meritata per le scandinave

In campo Svezia e Inghilterra si affrontano per la finale per il terzo posto ai Mondiali Femminili di Franca 2019: conquistano la medaglia di bronzo le svedesi che capitalizzano al meglio i primi venti minuti del primo tempo e le reti di Asllani e Jakobsson, inutile la rete di Kirby per le inglesi.

Le due squadre si affrontano a viso aperto, non avendo ormai nulla da perdere, e la Svezia passa subito in vantaggio al 10′ con Asllani che approfitta di una corta respinta della difesa inglese e buca Telford con un forte e preciso rasoterra dal limite dell’area che bacia la parte interna del palo prima di entrare in porta. Pochi minuti dopo il palo è amico di Telford nel deviare in angolo la conclusione angolata di Jakobsson: le inglesi sembrano soffrire terribilmente il pressing furioso delle svedesi e rischiano molto in difesa e subiscono la seconda rete al 21′ con Jakobsson che conclude un uno-due con Blackstenius con un gran diagonale scagliato appena dentro l’area che raggiunge l’incrocio dei pali e segna il raddoppio scandinavo. A questo punto l’Inghilterra si sveglia e crea la sua prima occasione pericolosa con Bronze che chiama alla parata a terra Lindahl: poco dopo è Mead ad avere l’occasione per accorciare le distanze ma Bjorn si immola sulla linea, a portiere battuto, e salva. Dopo tante occasioni le inglesi riescono a segnare con Kirby che prima si porta a spasso la difesa e poi centra la porta con un perfetto diagonale che Lindahl può solo vedere centrare il palo interno ed entrare in porta: passano due minuti e l’Inghilterra centra addirittura il pareggio con White ma la rete viene annullata per un tocco di mano dell’attaccante nel controllo della palla. Nel finire di primo tempo sia Blackstenius che White hanno l’occasione per segnare ma non concretizzano.

Il secondo tempo mostra un’Inghilterra più concentrata e desiderosa di pareggiare e una Svezia che comincia a sbandare, forse vittima delle fatiche extra contro l’Olanda: dopo una prima fase interessante, il gioco comincia a spezzettarsi e ne risente lo spettacolo e la fluidità della manovra ma sono comunque le inglesi a fare la partita senza però riuscire a pungere. Sia Neville che Gerhardsson cercano di risvegliare le proprie squadre con i cambi ma la stanchezza, con il passare dei minuti, la fa da padrona e la lucidità comincia a sparire progressivamente e negli ultimi minuti le britanniche si lanciano all’arrembaggio per cercare la rete che varrebbe il pareggio e al 90′ il tiro a colpo sicuro di Bronze viene fermato sulla linea dal colpo di testa di Fischer: poco dopo dall’altro lato è Zigiotti, dopo una lunga azione solitaria, a chiamare alla respinta di piede Telford. I 4′ di recupero non cambiano il risultato della gara e la Svezia conquista meritatamente la medaglia di bronzo.

INGHILTERRA-SVEZIA 1-2 (1-2)

Inghilterra (4-3-3): Telford 6; Bronze 6.5, Houghton 5.5, McManus 5.5 (83′ Daly sv), Greenwood 5.5; Kirby 6.5, Scott 6, Moore 5.5; Parris (74′ Carney sv), White 5.5, Mead 5.5 (50′ Taylor 5.5). A disp.: Bardsley, Walsh, Duggan, Stokes, Williamson, Stanway, Staniforth, Earps. All. Neville 6
Svezia (4-3-3): Lindahl 6.5; Glas 6, Fischer 6.5, Sembrant 5.5, Eriksson 6; Björn (72′ Ilestedt sv), Asllani 6.5 (46′ Zigiotti 5.5), Seger 6; Jakobsson 6.5, Blackstenius 6, Rolfö sv (26′ Hurtig 5.5). A disp.: Faik, Andersson, Janogy, Roddar, Anvegård, Larsson, Schough, Rubensson, Musovic. All. Gerhardsson 6
Arbitro: Anastasia Pustovoytova (RUS)
Marcatrici: 11′ Asllani (S), 22′ Jakobsson (S), 31′ Kirby (I)
Note-Ammonite: Lindahl (S), Moore (I)

Condividi
Parte-nopeo e parte bolognese, ha collaborato a vari progetti editoriali e sul web (Elisir, Intellego, Melodicamente). Ha riscoperto il piacere del calcio guardando quello femminile.