Jupiler Pro League – 8^ giornata playoff Scudetto

Ottava giornata dei Playoff Scudetto in Jupiler Pro League che riapre i giochi per la lotta al titolo. Nello scontro diretto tra le prime due della classe il Club Brugge vince in rimonta contro il Genk e si riporta a tre sole lunghezza dalla testa classifica a 180′ dal termine della stagione. Una vittoria di carattere per i neroblu che davanti al loro pubblico chiudono in svantaggio i primi 45′, poi la reazione per evitare di consegnare il titolo agli avversari diretti, abdicando proprio davanti al proprio pubblico. Nella ripresa gli uomini di Ivan Leko segnano tre gol nel giro di 14′ e falliscono il 4-1 dal dischetto con Vanaken, inutile la rete nel finale di Gano a chiudere la disputa sul 3-2. Per il Brugge arriva anche l’aritmetica certezza di partecipare alla prossima Champions League.

Nonostante non avesse alcuna ambizione di classifica il Gent espugna il Dufrasne inguaiando la corsa dello Standard per il terzo posto, che assicura la partecipazione alla prossima Europa League. Decisiva una doppietta del diciannovenne attaccante canadese David che sigla il gol vittoria al novantesimo inoltrato. Ne approfitta ma non pienamente l’Antwerp che non va oltre il pari in casa dell’Anderlecht.

Jupiler Pro League – Playoff Championship 8/a giornata

Standard Liegi-Gent  2-3  13′ Dejaegere (G), 30′ Bastien (SL), 64′ David (G), 80′ Lestienne (SL), 90’+4′ David (G)
Anderlecht-Antwerp  1-1  5′ Santini (Ant), 48′ Lamkel Ze (And)
Club Brugge-Genk  3-2  3′ Dewaest (G), 53′ Vanaken (CB), 63′ Openda (CB), 67′ Diatta (CB), 87′ Gano (G)

PLAYOFF CHAMPIONSHIP 
Genk50
Club Brugge47
Antwerp39
Standard Liegi36
Anderlecht31
Gent29

 

 

La classifica finale della Regular Season
Genk63
Club Brugge56
Standard Liegi53
Anderlecht51
Gent50
Antwerp49
St. Truiden47
Kortrijk43
Charleroi42
Mouscron40
Waregem33
Eupen32
Cercle Brugge28
Oostende27
Waasland Beveren27
Lokeren20

 

 

Condividi
Telecronista e opinionista radio/TV, già a SportItalia e addetto stampa di diverse società. Non si vive di solo calcio: ciò che fa cultura è la fame di sapere, a saziarla il dinamismo del corpo e del verbo.