Jupiler Pro League – 6^ giornata playoff Scudetto

Quando mancano quattro giornate al termine della stagione di Jupiler Pro League, il Genk riesce a mantenere sei punti di vantaggio sul Club Brugge, si infiamma la lotta al terzo posto mentre Anderlecht e Gent alzano definitivamente bandiera bianca per gli obiettivi rimasti in gioco.

La gara più spettacolare di giornata è stata la prima in programma, tante emozioni al Bosuilstadion tra Antwerp e Standard Liegi, due squadre in piena bagarre per un posto in Champions o in Europa League. Padroni di casa in vantaggio con un rigore di Mbokani, in pieno recupero del primo tempo Vanheusden (giovane difensore di proprietà dell’Inter) riporta il risultato in parità. A inizio ripresa Emond fallisce dal dischetto il gol del vantaggio ospite e dopo pochi minuti Lamkel Ze trova la rete decisiva per l’Antwerp, lo stesso calciatore camerunense di fa espellere in pieno recupero e salterà il prossimo incontro in casa della capolista Genk.

Gli uomini di Clement, con la rete pesantissima del solito Trossard alla Ghelamco Arena di Gand, mantengono saldamente la testa della classifica. Un gol di Wesley, nel finale del “de Topper“, lascia ancora al Club Brugge una flebile speranza di confermarsi campione. Ma ora solo il Genk può gettare alle ortiche un lavoro eccellente svolto in continuità da parecchi mesi.

Jupiler Pro League – Playoff Championship 6/a giornata

Antwerp-Standard Liegi  2-1  33′ rig. Mbokani (A), 45’+4′ Vanheusden (SL), 60′ Lamkel Ze (A)
Gent-Genk  0-1  55′ Trossard
Club Brugge-Anderlecht  1-0  74′ Wesley

PLAYOFF CHAMPIONSHIP 
Genk47
Club Brugge41
Antwerp38
Standard Liegi36
Anderlecht27
Gent26

 

 

La classifica finale della Regular Season
Genk63
Club Brugge56
Standard Liegi53
Anderlecht51
Gent50
Antwerp49
St. Truiden47
Kortrijk43
Charleroi42
Mouscron40
Waregem33
Eupen32
Cercle Brugge28
Oostende27
Waasland Beveren27
Lokeren20

 

 

Condividi
Telecronista e opinionista radio/TV, già a SportItalia e addetto stampa di diverse società. Non si vive di solo calcio: ciò che fa cultura è la fame di sapere, a saziarla il dinamismo del corpo e del verbo.