RSL svizzera 29/a: lo Young Boys è campione con 7 giornate d’anticipo!

Young Boys campione di Svizzera, dunque, e con ben 7 giornate d’anticipo: è record per la Super League, perlomeno da quando è strutturata su questa formula, vale a dire dal 2003. La squadra bernese ha conquistato il titolo sabato, davanti alla televisione, in virtù del pareggio a reti bianche tra Basilea e Grasshopper. Il tweet celebrativo della SFL è quindi più che meritato.

Riguardo al campo, negli anticipi del sabato sera si guardava soprattutto alla salvezza. E lo Xamax di Henchoz, peraltro già certo dell’addio a fine stagione (al suo posto, nella prossima stagione, Joël Magnin) ha fatto un grande colpo, violando la swissporarena di Lucerna. A decidere, una rete di Ademi, a 10′ dal termine, dalla dinamica curiosa. Ve la raccontiamo: fuga di Nuzzolo sulla fascia sinistra, e tocco delizioso del numero 14 a scavalcare Zibung. La sfera rimbalza sulla parte superiore dell’asta, per poi carambolare giusta giusta sui piedi di Ademi il quale, quasi incredulo, non deve fare altro che insaccarla. Peccato per i confederati che, nella prima frazione, avevano colpito l’incrocio dei pali con Eleke, al 37′.

Al di là del punteggio, la partita del St-Jacob è stata divertente e ricca di occasioni per i renani, ai quali è mancato però il tocco decisivo. Tuttavia, un rinvio sbagliato di Omlin, all’82’, ha messo sui piedi di Bejrami il pallone per una vittoria che avrebbe avuto del clamoroso. Il micidiale pallonetto dello zurighese ha invece impattato contro la traversa, ritornando in campo.

Nelle sfide di domenica, lo Young Boys ha festeggiato la matematica conquista del titolo superando in trasferta lo Zurigo. Vittoria meritata, quella dei gialloneri, che hanno trovato la rete nella ripresa, dopo un buon primo tempo. A decidere l’incontro una rete di Nsame, al 79′, in contropiede, su suggerimento di testa di Hoarau.

Molto meno interessante la partita di Thun, tra i padroni di casa e il San Gallo, chiusasi a reti inviolate. Il pareggio, maturato dopo una sfida che ha regalato poche emozioni agli spettatori presenti, mantiene entrambe le squadre in corsa per un posto in Europa.

A Cornaredo, invece, il Lugano, ancora una volta, non è riuscito a regalare ai suoi tifosi la prima vittoria casalinga del 2019. I sottocenerini, in questa giornata, hanno così perso due lunghezze dallo Xamax, ieri vittorioso in trasferta. Un’occasione persa, l’ennesima, dagli uomini di Celestini, per agganciare le squadre che precedono in graduatoria.

I ticinesi hanno giocato meglio di un Sion disposto da Yakin per difendersi e ripartire; hanno creato diverse occasioni per segnare, soprattutto nel convulso finale, ma non hanno concretizzato. Inoltre, ancora una volta, pagano un errore individuale: questa volta sono stati Čovilo e Kécskes a confezionare la frittata, mandando in gol Adryan al 74′. Ci ha poi pensato Junior, 3′ più tardi, a inventarsi una prodezza, insaccando la sfera con una fiondata da fuori area.

RSL svizzera – Risultati 29/a giornata

Sabato 13 aprile

Basilea-Grasshopper  0-0  
Lucerna-Xamax  0-1  (0-0)

Domenica 14 aprile

Zurigo-Young Boys  0-1  (0-0)
San Gallo-Thun  0-0  
Basilea-Lugano  1-1  (0-0)  

CLASSIFICA PROVVISORIA RSL SVIZZERA 2018/19 – 29/a giornata 

Pos. Squadra Diff. reti Punti | Pos. Squadra Diff. reti Punti
1 Young Boys +52 78 | 6 Lugano -3 34
2 Basilea +13 53 | 7 Zurigo -5 34
3 Thun +5 39 | 8 Lucerna -9 34
4 Sion +1 37 | 9 Xamax -19 29
5 San Gallo -9 36 | 10 Grasshopper -26 22

Legenda: qualificate ai preliminari della CL, qualificate ai preliminari di EL, allo spareggio per non retrocedere con la 2/a di Challenge League, retrocessa in Challenge League

Condividi
Da bambino si innamorò del calcio vedendo giocare a San Siro Rivera e Prati. Milanese per nascita e necessità, sogna di vivere in Svezia, e nel frattempo sopporta una figlia tifosa del Bayern Monaco.