Serie C, Sicula Leonzio-Reggina: i siciliani inciampano sugli amaranto, 1-1 il finale

-

dal nostro inviato allo stadio “Angelino Nobile” di Lentini

La Leonzio inciampa sulla Reggina nella corsa verso i playoff, ma non perde la speranza di raggiungerli. Anzi, un punto che si rivela prezioso, considerate le sconfitte di Virtus Francavilla e Siracusa. Decidono, dunque, le reti di Sparacello nel primo tempo e di Bollino nella ripresa. 

Il campionato di Serie C si avvia verso la propria conclusione, almeno per quanto riguarda la regular season, e la 37/a giornata è di importanza fondamentale per la Sicula Leonzio e i sogni di agguantare i playoff alla prima stagione tra i professionisti della propria storia recente. Attualmente decimi a quota 45 e pari punti con la Virtus Francavilla, i Bianconeri sono reduci dal successo di Pagani e puntano a conquistare l’intera posta in palio contro la Reggina per raggiungere l’obiettivo e, perché no, di migliorare addirittura la propria posizione in classifica. Di contro, i calabresi non hanno più nulla da chiedere al campionato, avendo già raggiunto l’aritmetica salvezza grazie a due vittorie di fila ottenute contro Bisceglie e Akragas.

Per Diana e l’assalto ai playoff è 4-3-3: privo dello squalificato Narciso, spazio a Ciotti; in avanti, largo a Bollino-Foggia e Gammone. Maurizi non tradisce il solito 3-5-2: in attacco sono indisponibili i vari Bianchimano, Samb e Sciamanna. Quindi, spazio al secondo portiere Licastro, mentre in avanti ci sono Sparacello e Tulissi. 

Avvio al piccolo trotto da parte di entrambe le compagini, le quali si “studiano” a centrocampo senza affondare i colpi. Alla prima occasione, però, la Reggina riesce a portarsi in vantaggio: inserimento sulla sinistra di Provenzano, palla al centro e Sparacello può insaccare indisturbato; l’azione nasce comunque da una palla persa malamente dalla retroguardia lentinese. Sicula Leonzio-Reggina 0-1. I padroni di casa non riescono a reagire e i calabresi con ordine, attenzione e grande sinergia tra i reparti hanno buon gioco e prevalgono in ogni zona del campo. Infatti, al 23′ gli uomini di Maurizi sfiorano il raddoppio: Sparacello si invola sulla sinistra, calcia in diagonale e colpisce in pieno il palo. La reazione dei Bianconeri giunge intorno alla mezz’ora: Gammone ruba palla e cede la sfera a Foggia, servizio per Bollino che manda a lato di poco. Nei minuti finali di frazione la pressione della Leonzio si fa leggermente più convinta, ma i tentativi di Foggia e la rovesciata di Bollino non portano i frutti sperati. Non accade altro degno di nota e il direttore manda tutti negli spogliatoi con la Reggina in vantaggio di una rete.

Pronti via e la ripresa si apre ancora con gli Amaranto vicini al gol: Tulissi spara col sinistro e Ciotti è bravo a coprire e a sventare la minaccia. La Leonzio non mostra segnali di ripresa in quanto ad aggressività e idee, il torpore la fa da padrone oggi tra gli uomini di Diana e la Reggina praticamente non soffre mai più di tanto. Prova Foggia a suonare la carica dei Bianconeri: palla in area per Gammone e conclusione telefonata e parata agevolmente da Licastro. Prova a cambiare qualcosa Diana e Lescano si rende sùbito pericoloso con una conclusione dall’interno dell’area di rigore che si spegne di un niente alla sinistra del portiere. I padroni di casa si sforzano alla ricerca del pari, ma né Gammone né Cozza riescono a impensierire l’estremo difensore reggino. Al 70′, però, la Leonzio si sveglia e agguanta il pari: Squillace affonda sulla sinistra, pallone in mezzo all’area e tiro di Gammone respinto da un difensore; la sfera arriva a Bollino e 1-1. A questo punto, la gara cambia e i padroni di casa iniziano a credere nei tre punti: l’occasione più clamorosa è quella che capita sulla testa di Gianola all’84′ sugli sviluppi di un angolo: Licastro è fenomenale e con un colpo di reni toglie il pallone dal sette. Nonostante le energie dei siciliani si affievoliscano col passare dei minuti, la generosità non manca e prima Bollino, poi D’Angelo non centrano lo specchio della porta. L’assalto finale è sterile e il direttore di gara decreta la fine e l’1-1 tra Leonzio e Reggina.

SICULA LEONZIO-REGGINA 1-1 (0-1)

Sicula Leonzio (4-3-3): Ciotti 6.5; Aquilanti 6, Gianola 6.5, Camilleri 6 (55′ Pollace 6), Squillace 6; Marano 6 (54′ Lescano 6), Cozza 6 (62′ Petermann 6), Esposito 6; Bollino 6.5, Foggia 6, Gammone (74′ D’Angelo 6). A disp.: La Cagnina, Giuliano, Monteleone, Granata, D’Amico, De Felice, Russo. All.: Diana 6.
Reggina (3-5-2): Licastro 7; Laezza 7, Ferrani 6.5, Pasqualoni 6.5; Hadžiosmanović 6.5, Provenzano 6.5 (62′ Marino 6), La Camera 6.5 (58′ Giuffrida 6), Mezavilla 6.5 (75′ Fortunato sv), Armeno 6.5; Sparacello 6.5, Tulissi 6.5 (76′ Condemi sv). A disp.: Cucchietti, Turrin, Gatti, Auriletto, Amato, Arras, Bezziccheri, Franchi. All.: Maurizi 6.5.
Arbitro: Cascone di Nocera Inferiore.
Marcatori: 11′ Sparacello (R), 70′ Bollino (S).
Note – Ammoniti: Marano, Bollino (S); Sparacello, La Camera, Mezavilla, Ferrani (R).

Antonio Ioppolo
Antonio Ioppolo
Giornalista, appassionato di storia, letteratura, calcio e mediani: quegli “omini invisibili” che rendono imbattibile una squadra. Il numero 8 come fisolofia di vita: grinta, equilibrio, altruismo e licenza del gol.

Cinquanta metri dentro il cielo

Io non lo dovrei dire, questo. Ma l'onestà prima di tutto. Almeno quando si parla di cose amene, che poi per molti sono serissime. Ecco, io non...
error: Content is protected !!