Rugby League World Cup 2017 – I pre-convocati dell’Italia

Manca poco più di un mese alla prima partita dell’Italia alla Rugby League World Cup 2017. Per la seconda volta nella sua storia, la Nazionale si presenta alla massima kermesse mondiale organizzata, in questa edizione, da Australia, Nuova Zelanda e Papua Nuova Guinea.

In attesa del taglio definitivo e di rilasciare la lista dei 24 azzurri definitivi, il commissario tecnico Cameron Ciraldocoadiuvato dall’ex capitano Anthony Minichiello e da Kelly Rolleston – si è tenuto molto largo coi pre-convocati, diramando una lista di 54 nomi.
Da valutare diverse situazioni, tra cui il coinvolgimento di diversi ‘papabili’ nelle finalissime dei campionati inglesi (Mark Minichiello, Oliver Gildart) e australiani, e le condizioni fisiche di ognuno dei giocatori chiamati in causa.
In particolare la Super League inglese, con la sua formula e la fase a orologio (Super8s, Middle8s, ecc.) rischia di essere usurante per i giocatori chiamati – dopo un’estenuante mix di SL e coppa nazionale – a performare in una finestra internazionale.

Ampio il contingente di formazione italiana.
19 dei pre-convocati risultano infatti un prodotto del rugby league del territorio italiano; su tutti spicca il nome di Mirco Bergamasco, leggenda del rugby union italiano (89 caps internazionali con l’ItalRugby) recentemente ‘passato’ al rugby league.
Insieme a Bergamirco, ora in forza ai Leoni Veneti dopo l’esperienza in maglia Saluzzo NWR nelle leghe francesi, da segnalare la convocazione di Gioele Celerino, versatile elemento passato negli anni scorsi per i campionati inglesi (Newcastle Thunder) e ora in Australia con i Tully Tigers, dove si è messo in luce più volte come Man of the Match.
Compagni di Gioele nel Queensland anche il veneto Simone Boscolo e il sicialiano Edoardo Pezzano, reduci dalla vittoria della Second Division del Distretto di Cairns con la maglia delle tigri arancionere.

Per gentile concessione Sportscode Images – FIRL

In attesa di capire chi farà parte della squadra finale, molto dipende anche dalla disponibilità dei giocatori di punta, stelle NRL capaci di dominare il gioco e già ammirate in maglia azzurra 4 anni or sono.
Nel dettaglio, molto (tutto?) ruota attorno a James Tedesco, stella di New South Wales nello State of Origin, destinato a essere il vero erede di Mini quando, stagione prossima, lascerà la maglia dei Wests Tigers per trasferirsi ai Sydney Roosters. L’estremo, ala lo scorso Mondiale, viene da una stagione così importante sul piano delle prestazioni da essersi conquistato la maglia di titolare dei Blues nello State of Origin. Solido in difesa e frizzantissimo in attacco, Teddy è in corsa anche per una maglia dell’Australia campione del mondo ma s’è detto disposto – senza problemi – a restare un azzurro e dare continuità alla carriera internazionale avviata nel 2013.

Tedesco o non Tedesco, il roster azzurro appare molto competitivo, forse più di quello – già discreto – del mondiale inglese. Per esempio in mediana dove agirà, dopo la beffa dell’infortunio di 4 anni fa, la leggenda ex Canberra e Hull KR Terry Campese, regista di assoluto valore e vero e proprio allenatore in campo. Per tenersi in forma in prospettiva iridata, Campo ha svolto quest’anno il ruolo di giocatore/allenatore per i Queanbeyan Blues, il club di casa sua. Dalla sua visione di gioco e creatività dipende molto del destino azzurro, mentre tanto dell’ottimismo dell’entourage della federazione (FIRL) dipende senz’altro dalla forza degli avanti, francamente di livello internazionale se non world-class: Mark Minichiello, fratello di Anthony, viene da stagioni importantissime con Hull FC e ha abbinato la soddisfazione della nomina del Dream Team del campionato inglese 2016 quella delle 2 Challenge Cup vinte a Wembley, Paul Vaughan è stato uno dei giocatori più brillanti della NRL in maglia St George Illawarra Dragons, Daniel Alvaro e Nathan Brown si sono ottimamente distinti coi Parramatta Eeels.
Per non parlare di Aidan Guerra, n. 13 in orbita Queensland già azzurro nel 2013, o Shannon Wakeman, pilone rivitalizzato ad Huddersfield dopo iniziali difficoltà d’ambientamento.

Diversi dei giocatori che rimarranno esclusi dalla lista definitiva potranno, in realtà, rappresentare l’Italia a vari livelli (test, rep football) nelle prossime settimane.
Già domenica 8 ottobre è previsto infatti al Club Marconi (Sydney) il Test Match Malta-Italia, con sfida alla 19/a forza del ranking RLIF, mentre altre date sono in via di definizione.

Di seguito riportiamo la lista dei 54 pre-convocati, così come appare sul sito ufficiale della Federazione Italiana Rugby League.

F.I.R.L. Rugby League World Cup 2017 – Training Squad

Aidan Guerra – Sydney Roosters
Alberto Mariani – Brianza Tigers
Alec Susino – Mounties
Alex Mammone – Halifax
Alvise Rigo – Leoni Veneti
Brenden Santi – Sydney Roosters/Wyong Roos
Chris Centrone – Wyong Roos
Colin Wilkie – Northern Pride
Christophe Calegari – Palau XIII Broncos
Daniel Alvaro – Parramatta Eels
Fabio Borina – Spartans Catania
Dean Parata – Blacktown Workers
Edoardo Pezzano – Spartans Catania/Tully Tigers
Emanuele Passera – XIII del Ducato
Fabrizio Ciaurro – XIII del Ducato
Gavin Hiscox – Central Queensland Capras
Gioele Celerino – Saluzzo NWR/Tully Tigers
Giorgio Draghi – Brianza Tigers
Giuseppe Pagani – Lions Brescia
Ismail Byaoui – Lions Brescia
Jack Campagnolo – Northern Pride
Jack Johns – Newcastle Knights
James Tedesco – Wests Tigers
Jayden Walker – Cronulla-Sutherland Sharks
Jaume Giorgis – Saluzzo NWR
Joe Tramontana – Canterbury-Bankstown Bulldogs
Joel Riethmuller – Northern Pride
Josh Aloiai – Wests Tigers
Josh Mantellato – Wyong Roos
Justin Castellaro – Northern Pride
Kieran Quabba –  Townsville Districts Blackhawks
Lorenzo Leandro – Lions Brescia
Lucas Bruzzone – Saluzzo NWR
Luis Lollo – Brianza Tigers
Luke Polselli – Manly Sea Eagles
Mark Minichiello – Hull FC
Mason Cerruto –Penrith Panthers/St Marys
Matt Parata – Souths Logan Magpies
Mirco Bergamasco – Leoni Veneti
Nathan Brown – Parramatta Eels
Nathan Milone – Wests Tigers
Oliver Gildart – Wigan Warriors
Davide Spinnato – XIII Lovers Palermo
Patrick Ziliotti – Brianza Tigers
Paul Vaughan – St. George Illawarra Dragons
Richard Lepori – Oldham Roughyeds
Ryan Ghietti – Northern Pride
Ryan King – Cronulla-Sutherland Sharks
Ryan Tramonte – Windsor Wolves
Igor Gianmario – Spartans Catania
Shannon Wakeman – Huddersfield Giants
Simone Boscolo – Leoni Veneti/Tully Tigers
Terry Campese – Queanbeyan Blues
Tommaso Nicoli – Leoni Veneti

Condividi
Sardo classe 1987, ama il rugby, il calcio e i supplementari punto a punto. Già redattore di Isolabasket.it e della rivista cagliaritana Vulcano, si è laureato in Lettere con una tesi su Woody Allen.