Fantacalcio MondoSportivo 2016/17: Salvatore e la “Lupetta Rosa” campioni, ecco la consegna della maglia di Hamšík (FOTO)

Una vittoria inaspettata: perlomeno, così ci racconta Salvatore Assante, campione della prima edizione del FantaMondoSportivo! In palio c’era una maglia di un calciatore di Serie A: lui ha scelto la nuova di Marek Hamšík, capitano del Napoli. E con un pizzico di ritardo sui tempi, la maglia è finalmente arrivata al vincitore. Una scelta dovuta alle origini campane: Salvatore è nato a Pozzuoli, ma è sardo di adozione, perché da quando è bambino vive ad Assemini, un comune di circa 27000 abitanti in provincia di Cagliari.

Salvatore, innanzitutto: perché il nome “Lupetta Rosa?”

In realtà non ha un gran senso, è il nome che storicamente do alle mie squadre di Fantacalcio. Non ha molto senso, è nato un po’ per scherzo, però alla fine mi ha portato bene.

Non hai vinto solo il FantaMondosportivo lo scorso anno:

Ho puntato sulla coppia giusta Džeko-Immobile: nessuno si aspettava un tale exploit del giallorosso; oppure era prevedibile, ma rischioso. Immobile invece è la solita sicurezza.

Era la prima volta con il mantra?

Sì, è stata la prima volta del fantacalcio con il mantra e non mi sono trovato subito bene. A metà del girone di andata ho cambiato modulo, dal 4-4-2 al 3-5-2, senza litigare per i terzini, un modulo più semplice.

La prima parte del campionato te la sei giocata con l’Atletico Baobab: sei stato sotto addirittura di circa 30 punti, poi la clamorosa rimonta.

Eh, ho pensato di poterlo vincere quando Icardi si è improvvisamente fermato: Džeko invece ha continuato a segnare a raffica, e poi va detto: sono stato anche fortunato.

Insomma: Džeko ti ha fatto vincere il campionato, ma alla fine hai scelto la maglia di Hamšík.

Džeko era la seconda scelta, pensavo anche a Immobile perché il mio numero è il 17. Anche per questo ho scelto Hamsik.

Fai il fantacalcio anche quest’anno, vero?

Sì, e la concorrenza è veramente ardua!

Condividi
Formato da una redazione dinamica e giovane, MondoSportivo parla di calcio e respira sport. Sempre sul pezzo, continuamente all'opera per fornire un'informazione pulita, diretta, sincera.