Ligue 2, 18/a giornata: Nantes-Caen 2-1, ok Dijon

Sabato di Ligue 2, per la 18esima giornata, con due posticipi: Dijon-Istres, sfida interessante a ridosso delle prime, e Nantes-Caen, big match in vetta.

Il Dijon travolge l’Istres 3-1, in una gara praticamente mai in discussione, incanalata sui binari di casa dalla doppietta di Koné nella prima mezz’ora. Allo Stade Gaston Gérard, la squadra della Côte-d’Or chiude la gara nella ripresa, con il gol di Jovial e a poco serve il gol della bandiera Istres, siglato da Fettouhi. Vittoria molto importante per le ambizioni dei padroni di casa, che continuano con il loro campionato solido a ridosso delle prime. Con questo risultato, agganciano a 27 punti proprio gli avversari odierni, salendo al quarto posto, a -3 dal podio.

Allo stadio de La Beaujoire il Nantes, invece, vince 2-1 contro il Caen, in quello che era il big match di questo turno di campionato. Gli ospiti, con un successo, avevano la possibilità di agganciare il primo posto ma i gialloverdi di casa hanno portato a casa una partita difficile, affrontata con grande presenza e concentrazione. Caen subito in vantaggio dopo 8 minuti con Duhamel, ma nel finale di primo tempo il Nantes ribalta il punteggio, dimostrando l’ottimo stato di forma e il doveroso ruolo di “favorita” per il titolo. Il match si chiude con il 2-1 e canarini tornano al primo posto in solitaria della Ligue 2, con 36 punti, 3 in più del Monaco, 6 in più della coppia Caen-Angers.

i risultati del Venerdì

Sabato
Dijon-Istres: 3-1 (9′ e 35′ Koné (D), 69′ Jovial (D), 86′ Fettouhi (I))
Nantes-Caen: 2-1 (8′ Duhamel (C), 38′ Cissokho (N), 43′ Cichero (N))

Lunedì
Lens-Guingamp

Martedì
Niort-Sedan

Classifica Ligue 2 dopo la 18^ giornata
Pos.SquadraPartitePunti|Pos.SquadraPartitePunti
1Nantes1836|11Tours1822
2Monaco1833|12Chateauroux1821
3Caen1830|13Auxerre1821
4Angers1830|14Le Mans1821
5Guingamp1727|15Clermont1821
6Dijon1727|16Laval1820
7Istres1827|17Arles1819
8Lens1726|18Niort1717
9Le Havre1822|19GFC Ajaccio1816
10Nimes1822|20Sedan1610
Condividi
Torinese, classe 1983. Da piccolo voleva vedere Wembley e il Maracanã, gli manca ancora il secondo. Toro e Arsenal nel cuore, sta fra un tackle di Gilberto Silva e Tony Adams che chiama il fuorigioco.