Il Volga si salva al 90′ e ferma l’emorragia

Serve un gol di Sapogov nel finale al Volga per fermare la striscia di cinque sconfitte consecutive e tornare a mettere del fieno in cascina. Dopo la vittoria al debutto contro la Dinamo, infatti, la squadra guidata da Gadzhiev era incappata soltanto in passi falsi. Se per il Volga è oro colato, al Rostov rimane l’amaro in bocca, anche se adesso gli uomini di Bozovich sembrano aver cambiato volto dopo un inizio opaco di torneo.

Come detto, sono gli ospiti a passare in vantaggio dopo soli sette minuti. La rete porta la firma dell’esperto centrocampista offensivo Dragan Blatnjak, ben servito dal bielorusso Kalachev dopo un madornale errore di Polyanin. Sapogov rimedia e pareggia con un colpo di testa poco dopo, ma il gol viene annullato.  Al 29′ il Rostov ha l’occasione per raddoppiare: rosso a Buyvolov e calcio di rigore! Un penalty che appare molto generoso, e della cui trasformazione se ne incarica Blatnjak; stavolta però Abaev è bravissimo a distendersi e a deviare il tiro del bosniaco. Prima della fine del primo tempo viene annullato giustamente un altro gol a Shulenin. Nel finale arriva comunque l’1-1 con Sapogov, già in rete in questo campionato, che dirime nel migliore dei modi una mischa in mezzo all’area del Rostov.

Finisce con lo stesso identico punteggio a Vladikavkaz, dove l’Amkar si conferma un avversario tosto per l’Amkar. Nei sei precedenti infatti la squadra rossonera si era imposta per ben 4 volte, pareggiando gli altri due scontri. Al gol di Ignatovic nel primo tempo risponde per i padroni di casa Priskin nella ripresa. Sugli scudi l’estone Vassiljiev, che ha centrato due legni, e Mauricio; Neko ha dichiarato al termine della gara di ambire ad essere il miglior cannoniere del torneo.

Condividi
Grande appassionato di calcio russo, tifoso dello Zenit San Pietroburgo. Estimatore del calcio giocato nei luoghi meno nobili e più nascosti, preferirebbe vedere un Torpedo-Alaniya rispetto a uno Juventus-Milan. Email: mbraga@mondosportivo.it