Mamma, ho perso… Huntelaar

Episodio tragicomico ieri alla fine della gara di Bundesliga tra Augusta e Schalke. Protagonista della strana disavventura l’attaccante dei blu di Gelsenkirchen, Jan Klaas Huntelaar, il quale, come un novello Macaulay Culkin nel film “Mamma ho perso l’aereo” è stato dimenticato all’interno dello stadio della città bavarese dai compagni di squadra diretti in pulmann all’aeroporto.

Come riporta l’emittente satellitare Sky, il tutto sarebbe accaduto alla fine della partita, per la cronaca terminata 1-1, quando staff e compagni di squadra di “The Hunter” si erano già avviati verso lo scalo, quando qualcuno si sarebbe accorto dell’assenza sul mezzo dell’olandese. Nel frattempo, Huntelaar, accortosi della dimenticanza generale nei suoi confronti, si era già attivato, cercando di mettersi in contatto con Horst Heldt, dirigente della formazione renana.

Il tutto si è risolto con l’intervento della polizia che ha caricato in macchina l’attaccante ex Milan e portato lo stesso all’aeroporto di Augusta, facendolo arrivare giusto dieci minuti prima della partenza del volo di ritorno a casa. Un episodio non c’è che dire davvero inusuale.

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.