Top & Flop dall’Olimpico di Torino: Meggiorini cambia volto ai granata. Foggia non pervenuto

Appuntamento con i Top & Flop del posticipo della 28/a giornata di Serie B tra Torino e Sampdoria. All’Olimpico, i granata di mister Ventura superano 2-1 i blucerchiati di Iachini salendo così in venta al campionato con due lunghezze di vantaggio sul Sassuolo.

TOP TORINO

Meggiorini: entra sul terreno di gioco e cambia il volto dell’attacco del Toro con la sua straordinaria mobilità. Si muove su tutto il fronte d’attacco e con la grande caparbietà messa in campo mette dentro il suo primo gol con la maglia granata. Un gol pesantissimo per la classifica attuale della serie B.

Antenucci: il vizietto del gol ormai non se lo toglie più. Apre le danze del big match dell’Olimpico con la zampata decisiva sulla sgaloppata di Stevanovic sulla corsia laterale. Un rapace d’area di rigore e non solo perché spesso apre spazi importanti per l’inserimento dei centrocampisti lasciando anche metri preziosi alle giocate di Bianchi (ancora a secco ma estremamente sfortunato).

Stevanovic: primo tempo di grande livello. In più di un occasione spacca in due centrocampo e difesa degli ospiti con accelerazioni degne di un grande dell’atletica leggera. Da una sua invenzione nasce il gol del vantaggio di Antenucci. Cala alla distanza ma fin quando rimane nel rettangolo di gioco rappresenta un punto di riferimento importante per il Toro. E menomale che con Lerda era finito a giocare in Canada nel Toronto…

TOP SAMPDORIA

Juan Antonio: Iachini gli preferisce Foggia (se qualcuno se ne fosse reso conto). Lo stesso tecnico si accorge poi dell’errore e lo manda in campo nella ripresa indovinando la sostituzione. L’estro e la rapidità nello stretto dell’ex Brescia consentono alla Samp di trovare il gol del pari. Un destro chirurgico all’angolino dal limite dell’area di rigore per un giocatore che, e stasera anche Iachini se ne sarà reso conto in maniera definitiva, dovrebbe partire sempre dal 1′. E’ ufficiale, la Samp non può fare a meno di Juan Antonio.

Garcia Renan: se questa sera, oltre allo scatenato Stevanovic, c’è stato un giocatore che ha dato grossi problemi alla retroguardia avversaria è proprio Renan. Bello e cattivo tempo sulla corsia laterale di sinistra. Buona corsa, costanza negli inserimenti e grandi capacità di portare la squadra in superiorità numerica. Diventa ancor più decisivo in campo aperto, un giocatore così è manna dal cielo per le punte della Samp.

Romero: da premiare la prova del portiere della Samp. Incolpevole sulle due occasioni da gol, ma decisivo sul punteggio di 1-0 in favore dei padroni di casa. Con un colpo di reni, Romero salva tutto sul colpo di testa ravvicinato di Bianchi che si stampa poi sulla traversa. Un intervento prezioso che consente ai blucerchiati di rimanere aggrappati alla partita.

FLOP TORINO

Di Cesare: se c’è una cosa che insegnano alla scuola calcio, è non affrontare mai l’attaccante in quella maniera, come Di Cesare ha affrontato Juan Antonio. Errore banale che poteva rischiare tanto al Torino.

FLOP SAMPDORIA

Foggia: Iachini lo preferisce a Juan Antonio. Fallimento tattico e partita da dimenticare per l’ex giocatore della Lazio. Impalpabile se non inguardabile. Dovrebbe essere il collante tra centrocampo e attacco e mandare in porta Pozzi e Bertani ma dopo una partenza appena sufficiente, scompare lentamente dal terreno di gioco.

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA. Email: miannotta@mondosportivo.it