Puerto Cabello P2: Coello e Tapia ancora re, primo titolo stagionale per Brea-Gonzalez

-

Dopo l’Ooredoo Qatar Major di Doha e il GNP Mexico P1 di Acapulco, ecco anche il P2 di Puerto Cabello. In Venezuela trionfano Arturo Coello e Agustin Tapia, al terzo titolo consecutivo, in una serata di finali che ha celebrato anche il primo successo, nel tabellone femminile, di Delfina Brea e Bea Gonzalez. Due finali che hanno emozionato il pubblico di Puerto Cabello, che ha riempito lo Stadium Dracu Rider e celebrato anche le coppie finaliste: Fede Chingotto e Ale Galan tra gli uomini, Alejandra Salazar e Tamara Icardo tra le donne.

UOMINI Coello e Tapia hanno rimontato un set di svantaggio, come era accaduto in semifinale contro Nieto/Sanz: i numeri 1 del tabellone, dopo aver realizzato il break nel game di apertura, avevano subito restituito il servizio. Dopo un’interruzione per pioggia, però, Chingotto e Galan (3), al primo torneo insieme, sono rientrati in campo affamati, chiudendo 6-2 il primo set. Si è giocato a un ritmo velocissimo: un X4 di Tapia è valso il break nel settimo game del secondo set, e un altro ne è arrivato nel nono (6-3). Un errore di Galan ha regalato un altro break a Coello/Tapia nel secondo game del terzo set, ma ‘Fede’ e ‘Ale’ sono due lottatori: break a zero, e tutto da rifare. Dopo un quinto gioco tiratissimo, il game decisivo è stato quello del 4-2, con Coello e Tapia che si sono visti annullare due match point sul 2-5, hanno cancellato una palla del possibile 4-5 con uno smash di Coello e hanno chiuso 6-3 con uno smash di Tapia. “Il primo set è stato il primo momento dell’anno in cui non siamo stati noi stessi – le parole di ‘Arturito’ –, anche perché non c’era modo di passare Fede e Ale. Poi, però, siamo entrati in partita. La gente si meritava una partita così: siamo cresciuti come coppia e siamo felici di riportare a casa un altro titolo”. Felicissimo anche Tapia: “Abbiamo affrontato due grandi giocatori: era il loro primo torneo insieme ma è stata durissima, nel primo set sono rientrati in maniera incredibile, a differenza nostra. Ma con la lotta ce l’abbiamo fatta e nei prossimi tornei, quando avremo momenti di difficoltà, ci ricorderemo di questa partita”.

DONNE Nel tabellone femminile è arrivato il primo titolo stagionale per Delfina Brea e Bea Gonzalez, che hanno sconfitto 6-4 6-3 Alejandra Salazar e Tamara Icardo in un’ora e 57′. Dopo aver avuto tre palle break già nel primo game, Brea/Gonzalez hanno allungato nel punteggio nel terzo game, annullando quattro palle del controbreak nel game successivo. Salazar/Icardo sono tornate in parità sul 4-4, ma è stata l’unica palla break trasformata sulle otto avute nell’intero primo set. E nel nono game è arrivato il nuovo break di Delfi e Bea, confermato con il 6-4 che ha chiuso il primo set. Anche nel secondo, le teste di serie numero 1 del tabellone hanno accelerato, volando sul 3-0 e servizio, prima di annullare due palle del possibile controbreak alla coppia numero 4 del seeding. Le campionesse di Madrid e Milano 2023 hanno fallito due match point sul proprio servizio e ceduto la battuta (5-3), prima di chiudere la partita subito dopo. “Grazie a tutti quelli che ci hanno sostenute – le parole di Delfi –. Non solo noi, tutto il padel femminile si è espresso al meglio in questa settimana. Un bacio alla mia famiglia e ai miei amici”. “Grazie al pubblico che è stato così presente in questa settimana – ha aggiungo Bea –. È davvero bello vedere le tribune così piene: sono senza parole. Siamo felici per aver ottenuto il primo titolo dell’anno: stiamo lavorando duramente, ma il livello dei tornei dimostra che dobbiamo essere al 100% in ogni partita”.

Il circuito Premier Padel tornerà dal 22 aprile con la prima tappa europea, un P2 in programma a Bruxelles (Belgio).

Rodella Alessandro
Rodella Alessandro
Nato a Brescia nel marzo del 1992, ama lo sport in generale, soprattutto calcio, tennis e motori. Pratica i primi due a livello amatoriale senza grandi risultati. Appena può, ama seguire gli sport "dal vivo".

Quella rovesciata vale!

  Alla 'tedesca', classico gioco di calcio infantile da giardinetti, era il gol che contava di più. A seconda dei parametri, valeva dieci, quindici o...
error: Content is protected !!