Fantacalcio Serie A 2022/23: i consigli su chi schierare e chi evitare nella 24/a giornata

-

Fra dubbi e certezze (o presunte tali), ogni fantallenatore è chiamato a fare delle scelte nel momento in cui schiera la propria formazione. Mettere tizio in campo e lasciare caio in panchina può rivelarsi la scelta azzeccata o una mossa scellerata. Ci sono, tra l’altro, tante varianti da tenere in considerazione: intanto, bisogna sapere chi salterà il turno di campionato (squalificati, infortunati e non convocati), poi occorre valutare come si sono allenati in settimana i propri giocatori e gli incroci che il calendario propone. Per il resto, è un mix di fantasia, intuito, coraggio e una gran bella dose di fondoschiena. Tuttavia, la fortuna va aiutata e per questo vi diamo qualche consiglio, consapevoli che, inevitabilmente, accadrà di essere smentiti dai fatti. Ma questo, d’altronde, è il bello del Fantacalcio!

Tutto pronto per la 24/a giornata di campionato. Si comincia stasera con la prima della classe, il Napoli, che sarà di scena a Empoli alle 18; poi in serata Lecce-Sassuolo (20:45). Domenica dà il via alle danze l’Inter, che giocherà al Dall’Ara contro il Bologna alle 12:30, poi alle 15 Salernitana-Monza, alle 18 Udinese-Spezia e alle 20:45 l’attesissima Milan-Atalanta. Quattro i posticipi: due di lunedì, Verona-Fiorentina (18:30) e Lazio-Samp (20:45), e due addirittura di martedì, Cremonese-Roma (18:30) e il derby Juve-Torino (20:45).
GLI SQUALIFICATI – Akpa Akpro, Bandinelli, Di Francesco, Laurientè, Bronn, Marlon, Birindelli, Rovella, Bijol, Demiral, Smalling, Locatelli, O. Aina.
GLI INFORTUNATI RECENTI – Cambiaghi, Zirkzee, Ebosse, Holm, Calabria, Zapata, Romagnoli, Gunter, Vieira.
IN DUBBIO – Caputo, B. Dia, Moutinho, Pasalic, Milenkovic, Zaccagni, Pedro, Chiriches, Pogba, Chiesa, Ricci, Vlasic.

LA TOP 11 (3-4-3) – Falcone (Lecce); Udogie (Udinese), Kumbulla (Roma), T. Hernandez (Milan); Strefezza (Lecce), Z. Anguissa (Napoli), Calhanoglu (Inter), Zalewski (Roma); Piatek (Salernitana), Vlahovic (Juventus), Simeone (Napoli).
LA CERTEZZA – Valore aggiunto nel centrocampo dei nerazzurri, Hakan Calhanoglu è la certezza consigliata di giornata. Inzaghi ha avuto il merito e la fortuna di schierarlo come regista, ottenendo risultati eccelsi. Ma il turco anche da interno fa la differenza (in questo senso non preoccupa, quindi, il rientro di Brozovic in pianta stabile fra i titolari): non sbaglia un passaggio, disegna lanci lunghi degni del miglior Pirlo e ha un destro dalla distanza di tutto rispetto. Voti da primo della classe più qualche bonus di tanto in tanto. Che volete di più?
LA SORPRESA – Già dallo scorso campionato Mourinho l’ha lanciato fra i titolari e quest’anno il giovane Nicola Zalewski si è conquistato un posto in pianta pressoché stabile nell’undici titolare giallorosso. Vero che finora ha collezionato un solo assist, ma la media è abbondantemente sopra la sufficienza. A Cremona, contro una squadra in crisi di risultati, anche il polacco può trovare spazi importanti sulla sua fascia.

LA FLOP 11 (3-4-3) – Milinkovic-Savic (Torino); Amione (Sampdoria), Luperto (Empoli), Kyriakopoulos (Bologna); Chiesa (Juventus), Linetty (Torino), de Roon (Atalanta), Gyasi (Spezia); Muriel (Atalanta), Dzeko (Inter), Tsadjout (Cremonese).
LA CERTEZZA IN NEGATIVO – All’Inter sembra che sia giunto il momento di Romelu Lukaku. Dopo il gol su rigore contro l’Udinese ma soprattutto quello decisivo in Champions contro il Porto, il belga si candida per una maglia da titolare in quel di Bologna, a scapito proprio di un Edin Dzeko che sta un po’ tirando il fiato dopo una metà di stagione ad altissimi livelli. Il bosniaco è a secco dallo scorso 4 gennaio, quando segnò la rete decisiva contro il Napoli a San Siro, e potrebbe partire dalla panchina, ragion per cui se abbiamo di meglio, per una volta, possiamo permetterci il lusso di tenerlo fuori.
LA CONTRO-SCOMMESSA – Solo 9 presenze in campionato, condite da un assist e da un gol, realizzato proprio lunedì scorso nel 2-2 contro il Torino. Un po’ poco per un attaccante come Frank Tsadjout, che finora ha fatto da quarta/quinta punta nella rosa della Cremonese. Si gioca una maglia da titolare per la sfida di martedì sera, ma di contro avrà una Roma assetata di punti importanti in chiave Champions League. Se ci avete scommesso a inizio anno, forse è il caso di rassegnarvi all’evidenza del fallimento.

Francesco Cucinotta
Francesco Cucinotta
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. Laureato in Comunicazione con una tesi sulla lingua del calcio e pubblicista dal 2010. Per anni inviato al seguito del Cagliari Calcio per Radio Sintony.

Quella rovesciata vale!

  Alla 'tedesca', classico gioco di calcio infantile da giardinetti, era il gol che contava di più. A seconda dei parametri, valeva dieci, quindici o...
error: Content is protected !!