La stagione di padel più bella di sempre

-

Il 2023 del Padel è alle porte e c’è gran fermento intorno a quello che si presenta come l’anno più entusiasmante di sempre. Questo sport è ormai diventato un autentico movimento popolare soprattutto in Italia e infatti sono state confermate le due tappe nel nostro paese con Roma e Milano che vedranno sfidarsi i migliori giocatori del mondo.

Il via alla stagione sarà ad Abu Dhabi con il primo Master dell’anno: ovviamente è caccia aperta al regno di Lebron e Galan, dominatori del circuito da tre anni a questa parte. I due spagnoli sono ancora gli uomini da battere, ma nel valzer delle coppie un paio possono seriamente impensierire il loro strapotere.

Per esempio Coello e Tapia, i due giovani più in rampa di lancio che hanno deciso di unire le forze dividendosi rispettivamente da Belasteguin e Gutierrez. I due hanno anch’essi formato una nuova coppia, ma tra l’età avanzata e un padel sempre più moderno sembrano essere un gradino sotto. Tornando a Coello e Tapia, attualmente sono la coppia numero tre del seeding. La loro esplosività e un talento fuori dal comune gli permetteranno di giocarsela a viso aperto con chiunque vista la loro possibilità di attaccare da entrambi i lati e difendere con recuperi fuori dal comune.

Non dimentichiamoci poi anche di Stupaczuk e Di Nenno che ritornano alle origini riformando i SuperPibes. Da junior hanno vinto praticamente tutto e dopo svariati anni si sono ritrovati per andare oltre la loro attuale quinta posizione. Davanti a loro ci sono infatti Navarro e Tello, con l’incognita di Paquito a destra. L’andaluso ha avuto un’intera prestagione per assimilare il gioco più difensivo che la sua scelta di andare con Tello l’ha costretto a fare.

Insomma non ci si annoierà: saranno 23 tornei di World Padel Tour e 8 di Premier Padel con la grande conclusione del torneo finale di Barcellona a dicembre. Il 2023 del padel inizia ora, l’unica certezza è che non ci si annoierà.

Rodella Alessandro
Rodella Alessandro
Nato a Brescia nel marzo del 1992, ama lo sport in generale, soprattutto calcio, tennis e motori. Pratica i primi due a livello amatoriale senza grandi risultati. Appena può, ama seguire gli sport "dal vivo".

“Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario”: la tragica storia di...

Il nome Carlo Castellani sarà forse sconosciuto alla maggior parte delle persone in Italia; per i calciofili, invece, è probabilmente solo colui al quale...
error: Content is protected !!