CSSL svizzera 1/a – Lo Young Boys cala subito il poker

Partita in Svizzera, come annunciato nei giorni scorsi, la Credit suisse Super League, quest’anno in stagione di transizione, in attesa della modifica della formula, che verrà varata nell’estate del 2023, e che prevederà la presenza di 12 squadre, con l’introduzione dei playoff, anche per l’assegnazione della vittoria finale: una novità assoluta e controversa, dalla quale la Swiss Football League si aspetta moltissimo. Ma ci sarà occasione di tornare sull’argomento.

Venerdì, come vi abbiamo riferito, Mattia Croci Torti aveva detto alla stampa che, in questo periodo, le squadre non hanno ancora una fisionomia definitiva, e che quindi non si possono avere indicazioni definitive. Tuttavia, il calendario metteva già ieri una contro l’altra la squadra campione in carica e quella che ha ceduto lo scettro dopo 4 anni, vale a dire Young Boys e Zurigo.

Il pubblico ha risposto presente (oltre 30.000 spettatori presenti), anche se la sfida, visto il periodo, è stata forse inferiore alle attese, considerato anche il caldo. A prevalere sono stati i padroni di casa, anche se gli ospiti hanno fatto vedere qualcosa di nuovo, perlomeno fino a mezz’ora dal termine. La svolta è stato il rigore fallito da Marchesano al 55′, sul risultato di parità. Al 62′ c’è stato invece il gol dei padroni di casa (Fassnacht di testa) e, a quel punto, si è rotto qualcosa nell’undici tigurino, che ha poi incassato altri tre gol a opera di Itten, Rieder e Kanga.

L’altra pretendente al titolo, il Basilea, ha invece pagato pegno sul campo del neopromosso Winterthur, che ha subito tirato un ceffone ai renani dopo una manciata di minuti grazie a Ramizi (difesa rossoblù da museo degli orrori), e si è poi ben dispimpegnato, sostenuto da più di 8.000 spettatori. Gli ospiti, dopo aver fallito delle buone occasioni (una clamorosa al 15 con l’ex Losanna Amdouni, ma rischiando anche, nella ripresa, di incassare la seconda rete), hanno poi pareggiato con Burger al 70′.

L’altra partita in programma, oltre a quella di Lugano, della quale vi abbiamo raccontato ieri dallo stadio, era quella tra Servette e Sion. I ginevrini hanno ottenuto la posta piena, grazie a una rete, dopo soli 5′, del francese 5′ Rodelin, il quale ha insaccato con un delizioso pallonetto praticamente da metà campo, avendo visto Zigi fuori posizione. Il resto della contesa ha visto un San Gallo già in buona condizione ma sfortunato (palo di Schmidt al 26′) e impreciso, fermo restando che, nella ripresa, anche i Grénats avrebbero potuto raddoppiare.

CSSL svizzera 1/a giornata – risultati

Sabato 16 Luglio

Young Boys-Zurigo  4-0  (0-0)
Winterthur-Basilea  1-1  (1-0)  

Domenica 17 Luglio

Lugano-Sion  2-3  (0-1)  
Servette-San Gallo  1-0  (1-0)
Lucerna-Grasshopper  rinviata al 10/8  

CLASSIFICA PROVVISORIA CSSL SVIZZERA 2022/23 – Lucerna e Grasshopper una partita in meno 

Pos. Squadra Diff. reti Punti | Pos. Squadra Diff. reti Punti
1 Young Boys +4 3 6 Grasshopper 0 0
2 Sion +1 3 | 7 Lucerna 0 0
3 Servette +1 3 | 8 Lugano -1 0
4 Winterthur 0 1 | 9 San Gallo -1 0
5 Basilea 0 1 | 10 Zurigo -4 0

Legenda: qualificata ai preliminari della ChL, qualificate ai preliminari di CL, allo spareggio con la terza di Challenge League