CSSL svizzera 32/a – Lo Zurigo vince a Basilea e conquista il suo 13° titolo

In Svizzera, lo Zurigo è campione, con 4 giornate d’anticipo. Vincendo il Klassiker sul campo del Basilea, che era l’unica compagine ancora in grado d’insidiare matematicamente i tigurini. Per lo #stadtclub è il tredicesimo trionfo della sua storia: l’ultimo risaliva al 2009, prima dell’inizio della lunghissima serie di vittorie dei rivali di sempre in riva al Reno.

I biancoblù, ai quali sarebbe bastato anche solo un pareggio, hanno inizialmente sofferto il ritmo dei padroni di casa, spinti dal tifo di decine di migliaia di sostenitori (molti da Zurigo, per un totale di quasi 34.000 spettatori), i quali hanno però perso per infortunio quasi subito Lang e Stocker. Gli ospiti hanno così guadagnato campo, andando in gol prima con Ceesay (diciannovesima rete in stagione per lui) e poi con Boranijašević, entrambi favoriti da errori della retroguardia rossoblù. Nella ripresa non è successo più nulla, e così Marchesano e compagni hanno potuto festeggiare un titolo meritato, in un torneo che li ha visti quasi sempre in testa alla graduatoria.

Nelle partite con vista sull’Europa, passo avanti forse decisivo per lo Young Boys. I bernesi, seppure in forma fisica da fine stagione, hanno infatti espugnato il Tourbillon. A decidere, dopo i gol di Sierro e di Filip Stojilković nei minuti finali, un rigore trasformato da Siebatcheu, concesso nel recupero per un fallo inutile di Cavaré su Garcia.

I gialloneri guadagnano così terreno sul Lugano, fermato sul pareggio in casa dal Grasshopper. La formazione di Croci Torti, apparsa in ripresa dopo le deludenti prestazioni in campionato delle ultime settimane, ha dovuto ancora una volta rincorrere il risultato, dopo aver subito il gol di Bonatini al 58′. I ticinesi hanno infatti trovato il pari con Sabbatini al 75′, servito da Bottani, subentrato dalla panchina.

I sottocenerini sono stati così raggiunti, a quota 47 lunghezze, dal San Gallo, prossimo avversario nella finale di Coppa svizzera, in programma a Berna il 15 di questo mese. L’undici di Zeidler è infatti passato a Ginevra, superando padroni di casa del Servette con le reti Fazliji al 68′ e dell’ex Lugano Lungoyi all’88’.

Infine, in coda, il Lucerna, battendo alla swissporarena il Losanna, condanna quasi matematicamente i romandi alla retrocessione, e rosicchia tre lunghezze al Sion, che ora ha soli quattro punto di vantaggio sui confederati. Le due squadre s’incontreranno al Tourbillon nel turno infrasettimanale, l’11 maggio, a due giornate dal termine del torneo.

CSSL svizzera 32/a giornata – risultati

Sabato 30 aprile

Lugano-Grasshopper  1-1  (0-0)     
Servette-San Gallo  0-2  (0-0)

Domenica 1 maggio

Sion-Young Boys  1-2  (0-0)  
Lucerna-Losanna  3-0  (1-0)
Basilea-Zurigo  0-2  (0-2)

CLASSIFICA PROVVISORIA CSSL SVIZZERA 2021/22 – 32/a giornata

Pos. Squadra Diff. reti Punti | Pos. Squadra Diff. reti Punti
1 Zurigo +33 72 6 Servette -12 41
2 Basilea +28 56 | 7 Grasshopper -1 36
3 Young Boys +26 53 | 8 Sion -21 34
4 San Gallo +6 47 | 9 Lucerna -19 30
5 Lugano -6 47 | 10 Losanna -32 20

Legenda: qualificata ai preliminari della ChL, qualificate ai preliminari di CL, allo spareggio per non retrocedere con la 2/a di Challenge League, retrocessa in Challenge League