#UkraineRussiaWar – Figlio mio, non te lo riesco a spiegare [PODCAST]

-

È notizia recentissima: la FIFA ha escluso la Russia dai prossimi mondiali in Qatar. Nessuno si stupirà, ne siamo certi: ciò che sta accadendo in Ucraina è qualcosa che facciamo perfino fatica a etichettare. È vero, siamo una testata che parla di sport. Ma in questi giorni, nonostante continuiamo e continueremo a raccontare le storie che ci piacciono, siamo costretti ad aprire questa triste parentesi. In Ucraina sta accadendo qualcosa di terrificante. La Russia la sta invadendo, bombardando notte e giorno le sue città (ci sono morti e feriti anche tra i civili) supportata da un paese alleato, la Bielorussia, che – voi che ci leggete – sapete benissimo di cosa è capace.

Il mondo sta provando a frenare Putin (e Lukašėnka, presidente bielorusso) in ogni modo: con sanzioni, aiuti militari e umanitari per Kiev (anzi: Kyiv. Perché è importante soprattutto in questi giorni, chiamarla usando la traslitterazione dall’ucraino, e non dal russo come si è sempre fatto) e le città coinvolte, perfino con attacchi hacker.

Ma come si è arrivati a tutto ciò? Ok, è giunto il tempo di svestirsi di meri amanti dello sport, e provare a spiegare nei dieci minuti che seguono che, se perfino lo sport sta puntando il dito contro la Russia, evidentemente c’è un grande perché.

CLICCA E ASCOLTA IL PODCAST:

[player id=556931]

Francesco Moria
Francesco Moria
Nato a Monza nel '95, ha tre grandi passioni: Mark Knopfler, la letteratura e il calcio inglese. Sogna di diventare giornalista d'inchiesta, andando a studiare il complesso rapporto tra calcio e politica.

MondoPallone Racconta… C’era una volta l’Imperatore

    All'inizio dello scorso decennio bruciò le tappe di una carriera che si annunciava folgorante, grazie ad un fisico debordante e un sinistro micidiale. Adriano...
error: Content is protected !!