Pallone in Soffitta – Elza Soares, la donna che stregò Mané Garrincha

Elza Soares, notissima artista carioca eletta dalla BBC quale miglior cantante brasiliana del Novecento, è scomparsa ieri a 91 anni. Questa non è sicuramente la piazza più indicata per ripercorrere la sua prestigiosa carriera musicale: quella giusta, per raccontare la passione travolgente tra lei e il leggendario Mané Garrincha, stella della Nazionale brasiliana di calcio.

Un successo incredibile

Nata nel 1930 in una famiglia molto povera di Rio de Janeiro con dieci fratelli, Elza Gomes da Conceição cresce nella favela di Moça Bonita. Quando è ancora una bambina – alcune fonti dicono fosse addirittura dodicenne – diventa la sposa di Lourdes Antônio Soares, un amico del padre che la sottopone a continue violenze. La ragazza (che acquisirà il cognome del coniuge e verrà conosciuta artisticamente come Elza Soares) resta incinta di lì a poco e le viene consentito dal marito di lavorare solo perché lui si ammala. Una volta ristabilitosi, le vieta nuovamente di uscire da casa per andare a lavorare. Resta vedova e può andare finalmente incontro al riscatto, grazie alla musica e alla sua bellissima voce. La sua prima tournée internazionale tocca l’Argentina, ma in breve Elza si fa conoscere in tutto il continente americano da nord a sud, approdando fino in Europa. Un successo clamoroso: è nata una stella. Un’artista capace di spaziare dal jazz alla bossa nova fino al samba e alla musica popolare del suo Paese.

L’incontro con Garrincha

Non sarà tuttavia un percorso facile, a causa dei pregiudizi per il colore della pelle e per una certa arretratezza culturale che Elza incontra sulla sua strada, insieme a varie vicissitudini. Nel 1962 conosce Manoel “Mané” Francisco dos Santos, universalmente conosciuto come Garrincha, stella della Nazionale brasiliana di calcio. L’ala destra del Botafogo è all’apice della carriera, dopo aver vinto due Mondiali da protagonista. Un personaggio controverso, un incontro esplosivo. Mané è sposato con prole numerosa, intreccia una relazione con la cantante la quale dopo un anno lo mette con le spalle al muro: “lasci tua moglie oppure mi perdi“. Garrincha decide di abbandonare la famiglia per lei: scoppia lo scandalo, la carriera e la figura pubblica di Elza ne risentono.

Avanti

Si rivelerà un grande amore e non un fuoco di paglia. Tanto che, alla morte della prima moglie di Mané, decide di adottare i sei figli nati dal precedente matrimonio di lui. Non solo: il 9 luglio 1976 nasce Manoel Francisco dos Santos Júnior, soprannominato Garrinchinha. L’ormai ex calciatore, dedito all’alcol, aveva fatto a Elza la promessa di smettere di bere se fosse arrivato un bambino. Non andò così. Nel 1982, dopo sedici anni di unione, il rapporto finì per violenze fisiche, tradimenti e l’alcolismo cronico di Garrincha. Il quale, l’anno seguente, muore di cirrosi epatica. Elza ha avuto nella sua vita otto figli, subendo nella maggior parte dei casi la loro morte per le circostanze più disparate. Garrinchinha perse la vita ad appena nove anni per un incidente stradale e l’artista cadde in una profonda depressione, arrivando a tentare il suicidio. Dolori, difficoltà, privazioni, violenze: quante cicatrici nell’animo e nel cuore di questa donna. Giovedì 20 gennaio la morte a Rio de Janeiro, a 91 anni.