Allsvenskan 22/a – L’AIK vince il derby e accorcia la classifica

Si ferma anche l’Allsvenskan, per la sosta dedicata alla nazionali: come sempre, quindi, niente posticipi al lunedì. Inutile dire che il turno ha regalato emozioni e sorprese, che vedremo di seguito.

Posto d’onore alla partita di punta del cartellone, il derby della Friends Arena, giocato davanti a circa 43.000 spettatori, e deciso da un gol di Stefanelli (poi espulso per somma di ammonizioni: imperdonabile la seconda, per essersi tolto la maglietta dopo il gol, in piena trance agonistica) nei minuti di recupero della prima frazione. In precedenza, a uscire (rosso diretto) era stato Rasmus Schüller, e proprio per un duro intervento sullo stesso Stefanelli, in una partita giocata anche e soprattutto sui nervi, ma dove gli Gnaget hanno avuto qualcosa in più, soprattutto in fase difensiva, quando le squadre sono tornate in parità numerica.

https://twitter.com/dplus_sportSE/status/1444663788494639110

Delusione, ovviamente, tra gli ospiti Blåranderna. Mister Kim Bergstrand, a fine partita, ha ammesso che qualcosa non ha funzionato: ritmi bassi e una disposizione tattica migliore da parte degli avversari. Il suo dirimpettaio Grzelak si è invece concentrato sul secondo giallo a Stefanelli (DPlus): “Quando mi sono accorto che si era tolto la maglietta, ho subito pensato che il guaio era fatto. Peccato, ma sono cose che possono succedere.” Evidentemente, vincere aiuta a voltare pagina.

Da parte sua, il marcatore della rete decisiva era ovviamente sconsolato a fine gara, nonostante la vittoria ottenuta grazie al suo gol, e a lungo festeggiata dai compagni, che non hanno mancato di coinvolgerlo. Davanti ai microfoni di DPlus ha infatti voluto scusarsi: “Prima di tutto voglio chiedere scusa ai tifosi, venivo da una settimana molto difficile. Non avevo la certezza di scendere in campo, lo staff medico però ha fatto di tutto perché ciò avvenisse. Ero molto carico, ho segnato e, nell’immediato, non ho pensato a ciò che stavo facendo.”

Del tutto inattesa, invece, la sconfitta casalinga del Malmö con il pericolante Mjälby. Ha deciso una rete di Moro (che vediamo qua sotto), favorito da un’uscita sbagliata di Dahkin su un pallone reso infido da una deviazione, che si può vedere sotto. Premesso questo, l’undici di Tomasson ha avuto 75′ di tempo più recuperi per ribaltare la partita, ma non c’è riuscito. Tutto rimane apertissimo, ovviamente, coi biancocelesti che vantano la rosa migliore a livello di tecnica individuale: tuttavia, perdere questi punti complica non poco il percorso.

https://twitter.com/dplus_sportSE/status/1444691158253322241

La classifica corta permette così al Norrköping, che ha nettamente piegato sul proprio campo l’Hammarby, di avvicinarsi al gruppo di testa. I tifosi hanno festeggiato, finalmente liberi di entrare negli stadi a capienza massima, e la cosa ha commosso anche uno come Norling. I Peking hanno un ottimo organico, esprimono il capocannoniere del torneo (Samuel Adegbenro, 14 centri finora per lui), ma dovranno fare un vero miracolo per arrivare nelle prime tre, così come l’Elfsborg, che è tornato a vincere, battendo sul proprio campo un Göteborg in drammatica caduta libera.

Dietro, oltre all’importantissima vittoria del Mjälby, registriamo i pareggi tra Halmstad e Östersunds (sempre ultimo) e quello del Degerfors sul difficile campo del Varbergs. Oltre al Göteborg, è nuovamente caduto l’Örebro, in casa con un Häcken che, con questo successo, si allontana dalla zona calda della classifica.

Allsvenskan 2021 22/a giornata – risultati

Venerdì 2 ottobre

Elfsborg-Göteborg  1-0  (0-0)

Sabato 2 ottobre

Halmstad-Östersunds  1-1  (1-1) 
Varbergs-Degerfors  0-0  

Domenica 3 ottobre

AIK-Djurgården  1-0  (1-0)  
Örebro-Häcken  1-2  (0-2)
Kalmar-Sirius  0-2  (0-1)
Malmö-Mjälby  0-1  (0-1)
Norrköping-Hammarby  3-1  (2-0)

CLASSIFICA PROVVISORIA ALLSVENSKAN 2021  – 22/a giornata 

Pos. Squadra Gol fatti/subiti Punti | Pos. Squadra Gol fatti/subiti Punti
1 Djurgården 37/18 44 | 9 Varbergs 25/27 28
2 AIK 32/18 44 | 10 Sirius 24/36 27
3 Malmö 45/25 41 | 11 Mjälby 18/19 24
4 Norrköping 37/23 39 | 12 Halmstad 15/19 25
5 Elfsborg 35/25 39 | 13 Göteborg 24/32 22
6 Kalmar 27/22 37 | 14 Degerfors 23/39 22
7 Hammarby 36/30 34 | 15 Örebro 16/44 16
8 Häcken 33/32 28 | 16 Östersunds 20/38 13

Legenda: qualificata ai preliminari di ChL, qualificate ai preliminari di CL, allo spareggio per non retrocedere con la terza classificata in Superettan, retrocesse in Superettan