Brescia fa suo il recupero con Varese e aggancia il treno playoff

La Germani Brescia batte Varese e si ricandida ad un ruolo per la post season grazie all’ottavo posto acciuffato in classifica. Con un Chery in stato di grazia e un Burns autentico mattatore i padroni di casa si impongono 98-83 lasciando Varese all’ultimo posto in classifica.

Brescia di fatto tiene sempre in mano il pallino del gioco non concedendo mai nemmeno un vantaggio agli ospiti: si va dal massimo vantaggio di ventuno punti del terzo quarto al vano tentativo di rimonta guidato da Scola, Beane e Douglas che si spegne di fatto a due minuti dal termine quando due liberi di Sacchetti congelano il finale di gara. Brescia parte forte con Chery che sbaglia il suo primo canestro a due secondi dall’intervallo lungo e inanella una serie di bombe che mettono subito un buon margine per gli uomini di Buscaglia.

Il coach dei padroni di casa alterna vari quintetti affidandosi in alcuni frangenti anche ai due lunghi Willis e Wilson contemporaneamente in campo: è soprattutto il primo nominato a dare un ottimo contributo sfiorando la doppia doppia (16 punti e 9 rimbalzi). Scola, miglior marcatore di tutta la Lega e autore domenica di ben 30 punti, è sempre il più pericoloso e quando non è l’argentino a far male, ci pensa Douglas. L’americano guida la riscossa di Varese tra il finale del terzo quarto e l’inizio del quarto quarto, ma non basta essere il miglior realizzatore dell’incontro con 20 punti per riportare in partita i suoi.

Varese concluderà il match con una buona percentuale dalla distanza (52%), ma il 38% da due costa caro al roster di Bulleri. La Germani invece porta tre giocatori in doppia cifra e grazie ad un’ottima intensità in attacco e difesa nei momenti chiave fa sua la partita per 98-83. Ora Buscaglia cerca la continuità per rilanciare la stagione di Brescia: l’obiettivo ottavo posto è stato momentaneamente raggiunto, ora bisogna mantenerlo e se possibile migliorarlo.