RSL svizzera 8/a – Lo Young Boys supera il Basilea e vola in testa alla classifica

Per la Raiffeisen Super League svizzera, finalmente un turno senza rinvii di partite a causa del Coronavirus. Programma ricco, questo dell’8/a giornata: innanzitutto, nell’anticipo del sabato, la sfida tra Young Boys e Basilea, vero spartiacque del campionato elvetico ormai da diversi anni.

Nella purtroppo spettrale atmosfera del Wankdorf, l’undici di Seoane ha superato in rimonta i rossoblù, da lustri considerati i rivali per antonomasia nella corsa al titolo. I gialloneri, partiti forte ma sbagliando diverse conclusioni, sono stati però puniti, al 22′, da un rigore trasformato da Cabral per fallo di Hefti su Pululu. La partita, sempre divertente per i frequenti capovolgimenti di fronte, ha visto prima della pausa (41′) il pareggio di Nsame il quqle, ricevuta palla nientemeno che da von Balmoos, ha infilato con un rasoterra sul secondo palo, beffando la marcatura di un incerto Cömert.

Nel secondo tempo, al 61′, una combinazione tra il bomber francese ed Elia ha messo quest’ultimo nella condizione d’infilare la sfera sul secondo palo, per quella che si è rivelata essere la rete decisiva. Qua sotto il Tweet del club giallonero, che rimanda a un’ampia sintesi della sfida di Berna.

Solo un pareggio, invece, per il Lugano di Jacobacci a Ginevra. Va detto però che i bianconeri si sono disimpegnati bene contro un’avversaria apparsa coriacea, anche se veniva da qualche settimana d’inattività agonistica per via della quarantena e della sosta per le nazionali.

Partita a ritmi tranquilli, la sfida tra ginevrini e ticinesi si è però incendiata col passare dei minuti. Dopo qualche occasione da entrambe le parti, è arrivata la rete di Kyei al 37′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo; e sul vantaggio dei Grénat si è chiusa la prima frazione.

La reazione dei ticinesi non si è fatta attendere, e ha portato al pareggio di Lavanchy al 63′. Con caparbietà, i bianconeri hanno poi provato a vincere la partita; ma il palo colpito da Koné all’89’, per i padroni di casa, consente di poter dire che il pareggio sia da considerarsi risultato giusto.

Negli spogliatoi, Jacobacci ha elogiato i suoi, anche se ha sottolineato alcune cose che gli sono piaciute meno (FC Lugano): “Nella prima frazione non abbiamo dato abbastanza profondità, limitandoci a un possesso poco costruttivo. Nel secondo tempo abbiamo corretto la nostra posizione in campo, loro si sono abbassati, e questo ci ha aiutato. Dopo il pareggio abbiamo provato a vincerla; tuttavia, per farlo, ci siamo dovuti sbilanciare e abbiamo un po’ sofferto le loro ripartenze.”

L’altro anticipo del sabato vedeva lo scontro diretto tra due compagini ancora alla ricerca della prima vittoria in campionato, vale a dire Lucerna e Vaduz. E, manco a dirlo, è finita in parità. Passati in vantaggio al 31′ con Sorgić al 31′ i confederati, rimasti in 10 uomini dopo l’espulsione (doppia ammonizione) di Carbonell, sono stati raggiunti dalla squadra del Principato a 3′ dal termine. Di Gajić su rigore (concesso per fallo di Martin Frýdek su Matteo Di Giusto) il gol del pareggio.

San Gallo e Losanna hanno mantenuto le promesse di una partita di ottimo livello, soprattutto dal punto di vista agonistico. Gli ospiti hanno dimostrato di essere una formazione di spessore, chiudendo la prima frazione in vantaggio di due reti, messe a segno da Flo (32′) e Zekhnini (45′). Nel secondo tempo, però, c’è stata la riscossa dei padroni di casa, che hanno messo in campo tutta la grinta del loor allenatore Zeidler. La conseguenza sono state le reti di Babic al 62′ e il pareggio di Duah all’88’.

Sion e Zurigo, al Tourbillon, hanno anch’esse diviso la posta, segnando tutti i gol nella ripresa. Da segnalare la caparbietà dei ragazzi di Grosso i quali, con Karlen e Khasa, hanno rimontato due volte le reti messe a segno dai tigurini, prima con Schönbächler e dopo con Kololli. Per i vallesani, anche un rigore fallito da Serey Dye al 67′, quando il punteggio era di 1-2 per l’undici di Massimo Rizzo, che si è comunque confermato sui buoni livelli fatti vedere prima della sosta per le nazionali.

RSL svizzera 8/a giornata – Risultati finali

Sabato 21 novembre

Young Boys-Basilea  2-1  (1-1)  
Lucerna-Vaduz  1-1  (1-0) 

Domenica 22 novembre

San Gallo-Losanna  2-2  (0-2)
Sion-Zurigo  2-2  (0-0)
Servette-Lugano  1-1  (1-0)

CLASSIFICA PROVVISORIA RSL SVIZZERA 2020/21 – Lugano, Lucerna, Zurigo e Young Boys una partita in meno – Basilea, Losanna e Vaduz 2 partite in meno – Servette e Sion 3 partite in meno

Pos. Squadra Diff. reti Punti | Pos. Squadra Diff. reti Punti
1 Young Boys +4 15 | 6 Basilea 0 7
2 Lugano +3 13 | 7 Servette -1 5
3 San Gallo 0 12 | 8 Sion -1 4
4 Zurigo +1 11 | 9 Lucerna -5 3
5 Losanna +4 9 | 10 Vaduz -5 3

Legenda: qualificate ai preliminari della CL, qualificate ai preliminari di EL, allo spareggio per non retrocedere con il Vaduz (2/a di Challenge League), retrocessa in Challenge League.