Europa League, 3/o turno preliminare: Çalhanoğlu porta il Milan ai playoff, è il Rio Ave l’ultimo ostacolo

Penultimo atto dei turni preliminari in Europa League, che arriveranno giovedì prossimo a designare i nomi che voleranno a completare il novero delle 48 compagini partecipanti alla Fase a Gironi. Tra queste, il Milan di Stefano Pioli che, senza Ibra e non senza fatica, si sbarazza dei norvegesi del Bodø/Glimt e si qualifica per il playoff; sorprendentemente, a contendere il posto al Diavolo non sarà il Beşiktaş, ma il Rio Ave capace di eliminare ai calci di rigore i turchi. Beşiktaş a parte, passano quasi tutte le grandi, in una serata di Europa League capace comunque di regalare qualche bella sorpresa.

L’avvicinamento del Milan alla partita con i norvegesi è guastata dall’annuncio arrivato nel pomeriggio relativo alla positività di Ibrahimović al Covid-19; in buone condizioni, l’asintomatico svedese getta nell’inquietudine i tifosi rossoneri, ma perlomeno per l’impegno di Coppa non Stefano Pioli che senza pensarci due volte getta in campo il classe 2002 Lorenzo Colombo. A partire meglio, alla Scala del calcio, sono comunque i coraggiosi norvegesi del Bodø/Glimt, che poco dopo il quarto d’ora sbloccano la gara con il piattone di Junker su cross di Hauge. La reazione dei rossoneri è immediata, con Çalhanoğlu che si traveste da Ibra e trascina i rossoneri alla rimonta con due reti inframezzate dal primo facile ma pesantissimo gol tra i professionisti di Colombo, bravo insaccare da due passi una geniale assistenza del turco per il gol del 2-1. Sotto 3-1 a inizio secondo tempo gli ospiti non demordono, e fanno sudare sette camicie al Milan: Hauge beffa Donnarumma dalla distanza, e dopo un secondo tempo vissuto non senza difficoltà i rossoneri sono graziati da Saltnes che al 93′ spara incredibilmente alto dal dischetto del rigore il pallone del 3-3.

Passa il Milan, che il ticket per la Fase a Gironi dovrà guadagnarselo in Portogallo e non a Istanbul. Il Rio Ave, infatti, supera limitando i danni un primo tempo nel quale i turchi trovano il gol con Yalçın e un legno che gli nega il 2-0; solamente nel secondo tempo i lusitani riescono a mettere il naso con continuità nella metà campo turca, fino a trovare con Bruno Moreira al minuto 85 l’inzuccata che manda le squadre ai tempi supplementari. L’equilibrio non si spezza, e si protrae fino ai calci di rigore: perfetti gli ospiti, mentre gli errori di Welinton e Larin condannano i turchi a un’inaspettata eliminazione.

Il Tottenham di José Mourinho piega 3-1 a domicilio i macedoni delle Škendija, mentre il Granada fatica un tempo prima di piegare la Dinamo Tbilisi 2-0. Risultato all’inglese anche per il Wolfsburg, che ha la meglio 2-0 sul Desna, mentre piange lacrime amare il Reims che non va oltre lo 0-0 sul campo del MOL Vidi prima di essere eliminato ai calci di rigore dagli ungheresi (testimoni di un movimento calcistico in grande ascesa come certifica anche l’ottima prova del Ferencvaros in Champions League). In scioltezza i Glasgow Rangers, corsari 4-0 sul un Willem II impotente, mentre faticosissimo è il successo del Celtic che in Lettonia passa solamente al 90′ sul campo del Riga FC per la gioia di un movimento che nel giovedì di Coppa perde Aberdeen (0-1 a Lisbona contro lo Sporting) e Motherwell (0-3 in casa dell’Hapoel Be’er Sheva).

Tra le deluse di serata trova posto il Rostov, superato 2-1 in casa dal Maccabi Haifa in rimonta, e il Partizan Belgrado eliminato ai tempi supplementari dallo Charleroi. Goleade, invece, per LASK Linz (7-0 al DAC), Lech Poznan (5-0 in casa dell’Apollon) e PSV Eindhoven (5-1 in Slovenia al Mura). A parte parliamo dell’incredibile e affascinante storia del KÍ Klaksvík, dalle Far Oer, che con un pizzico di fortuna supera il Primo Turno Preliminare di Champions per la squalifica causa Covid-19 dello Slovan Bratislava; il turno successivo è impervio per i nord-europei, eliminati dallo Young Boys, ma retrocesso in Europa League il KI demolisce 6-1 la Dinamo Tbilisi e ora si trova concretamente a sognare l’incredibile qualificazione ai Gironi di Europa League.

Questo, perchè al playoff il KÍtroverà un avversario tutto sommato alla portata: il Dundalk “made in Italy” guidato in panchina da Filippo Giovagnoli, capace di eliminare lo Sheriff Tiraspol ai calci di rigore qualificandosi anch’esso per l’ultimo barrage dei turni preliminari. A proposito di italiani all’estero, sorride anche l’AEK Atene di Massimo Carrera corsaro 1-0 sul campo del San Gallo. Archiviato il Terzo preliminare, si torna in campo giovedì prossimo per l’ultimo turno preliminare: sarà Rio Ave-Milan, mentre tra le altre sfide in palinsesto spunta un non scontato Malmö-Granada, oltre a una serie di sfide affascinanti come la sopra citata KÍ-Dundalk, Standard Liegi-MOL Vidi, Rangers-Galatasaray e LASK Linz-Sporting Lisbona.

EUROPA LEAGUE 2020/2021 – Terzo turno preliminare

mercoledì 23/09
Apollon Limassol-Lech Poznan 0-5  42′ Pedro Tiba, 47′ Ishak, 58′ Kamiński, 81′ Sýkora, 90’+1 Pedro Tiba

giovedì 24/09
Ararat-Celje 1-0 d.t.s.  111′ Vakulenko
KuPs-Sūduva 2-0  31′ Rangel, 72′ Tarasovs
MOL Vidi-Stade Reims 0-0 4-1 d.c.r.
Viktoria Pilsen-Sønderjyske 3-0  35′ rig. Ondrášek, 41′ Ba Loua, 51′ Káčer
Rostov-Maccabi Haifa 1-2  9′ Shomudorov (R), 20′ Rukavytsya (M), 60′ Abu Fani (M)
Mura-PSV Eindhoven 1-5  17′ Malen (P), 21′ Kouter (M), 28′ Mauro Júnior (P), 54′ Gakpo (P), 65′ Malen, 90′ Gakpo (P)
Charleroi-Partizan Belgrado 2-1 d.t.s.  10′ Dessoleil (C), 53′ Soumah (P), 108′ Rezaei (C)
Malmö-Lokomotiva Zagabria 5-0  5′ e 17′ Thelin, 31′ Nalic, 52′ Larsson, 72′ Rieks
Rosenborg-Alanyaspor 1-0  59′ Konradsen
Beşiktaş-Rio Ave 1-1 2-4 d.c.r. 15′ Yalçın (B), 85′ Bruno Moreira (R)
CSKA Sofia-B36 Tórshavn 3-1  27′ Sowe (C), 38′ Yomov (C), 61′ Pingel (B), 83′ Keita (C)
Riga FC-Celtic Glasgow 0-1  90′ Elyounoussi
Djurgårdens-Cluj 0-1  55′ Paulo Vinícius
Floriana-Flora Tallin 0-0 2-4 d.c.r.
FCSB-Slovan Liberec 0-2  64′ Yusuf Helal, 82′ Rabušic
Hapoel Be’er Sheva-Motherwell 3-0  43′ Vitor, 71′ rig. Josué, 82′ Acolatse
Škendija-Tottenham Hotspur 1-3  5′ Lamela (T), 55′ Nafiu (S), 70′ Son (T), 79′ Kane (T)
Granada-Lokomotiv Tbilisi 2-0  48′ Machís, 90’+1 Molina
Standard Liegi-Vojvodina 2-1 d.t.s.  47′ rig. Avenatti (S), 75′ Bojić (V), 91′ Amallah (S)
Galatasaray-Hajduk Spalato 2-0  77′ Belhanda, 86′ Babel
FC Copenaghen-Piast Gliwice 3-0  14′ Wilczek, 58′ Wind, 90’+5 Biel
APOEL Nicosia-Zrinjski Mostar 2-2 4-2 d.c.r.  11′ Ivančić (Z), 14′ Atzili (A), 26′ Nuhiu (A), 69′ Bilbija (Z)
Sheriff Tiraspol-Dundalk 1-1 3-5 d.c.r.  8′ Posmac (S), 45’+1 Murray (D)
Sarajevo-Buducnost 2-1  4′ Tatar (S), 44′ Moraitis (B), 67′ Fanimo (S)
KÍ Klaksvík-Dinamo Tbilisi 6-1  22′ Pavlović (K), 58′ Johannesen (K), 60′ e 69′ Klettskarð (K), 71′ Vitor (D), 73′ Klettskarð (K), 85′ Johannesen (K)
Wolfsburg-Desna 2-0  16′ Guilavogui, 90’+2 Ginczek
San Gallo-AEK Atene 0-1  72′ Oliveira
LASK Linz-DAC 7-0  6′ e 16′ Raguž, 46′ Filipović, 51′ Michorl, 53′ Gruber, 55′ Balić, 77′ Sabitzer
Milan-Bodø/Glimt 3-2  15′ Junker (B), 16′ Çalhanoğlu (M), 32′ Colombo (M), 50′ Çalhanoğlu (M), 55′ Hauge (B)
Basilea-Anorthosis 3-2  3′ Widmer (B), 12′ Campo (B), 21′ aut. Hambardzumyan (B), 45′ Vrgoč (A), 67′ rig. Kvilitaia (A)
Legia Varsavia-Drita 2-0  24′ Wszolek, 43′ Pekhart
Rijeka-Kolos Kovalivka 2-0  102′ João Escoval, 115′ Andrijašević
Willem II-Glasgow Rangers 0-4  22′ rig. Tavernier, 25′ Kent, 55′ Helander, 71′ Goldson
Sporting Lisbona-Aberdeen 1-0  7′ Tiago

Condividi
Nato a Roma nel 1989, si avvicina al calcio grazie all’arte sciorinata sui campi da Zidane. Nostalgico del “calcio di una volta”, non ama il tiki-taka, i corner corti e il portiere-libero.