Allsvenskan 19/a – Il Malmö fermato a Örebro, crollo del Göteborg in casa con l’Hammarby

Turno infrasettimanale ma a scartamento ridotto, per l’Allsvenskan. Alcune compagini hanno infatti chiesto (e ottenuto) il rinvio degli incontri, a causa dei concomitanti impegni nelle nazionali maggiore e U21 di diversi elementi.

A proposito di nazionali, la netta vittoria della giovanile svedese sugli Azzurri di pari categoria, a Kalmar, nell’europeo di categoria, ha messo in luce (se mai ce ne fosse stato bisogno) che, in Svezia, i giovani talenti ci sono. Anche in Svizzera, aggiungiamo noi (18 punti in 6 partite per i rossocrociatini del ticinese Lustrinelli). Campionati minori, forse, ma con una rete di scout e di vivai molto interessante. E che, quindi, vale la pena di seguire con attenzione, secondo il nostro modesto parere.

il problema sarà recuperare le sfide che vedono coinvolte squadre ancora impegnate nei preliminari europei. Tra l’altro, non sono mancate le polemiche: un solitamente tranquillo Bergrstrand, infatti, dopo il pareggio (un po’ stretto, tutto sommato) a Helsingborg, trasmessa in diretta da Sportitalia, non ha mancato di far notare che, secondo lui, erano stati usati due pesi e due misure. Crona, autore del gol del pareggio, era infatti in campo contro l’Italia, nella vittoriosa sfida di U21 giocata proprio nello stadio di casa.

Ha fatto rumore, ovviamente, la sconfitta della capolista, opposta all’Örebro, che è squadra sicuramente coriacea, ma di livello tecnico inferiore agli Himmelsblått. Amnesie individuali in difesa (già viste in passato), scollamento in campo tra i reparti e scarsa precisione davanti: e la rete di Nalić, a coronamento di una bella ripartenza biancoceleste, già oltre il 90′, è arrivata troppo tardi per recuperare. Tutte ferme le rivali dirette: nei prossimi giorni verranno comunicate le date mancanti dei recuperi.

Non ne ha approfittato il Norrköping che, in vantaggio di due gol in casa con l’Östersunds, si è fatto rimontare in 7′ nella ripresa. In Svezia si parla con insistenza di un possibile esonero di Gustafsson a favore di Rikard Norling, ex tecnico dell’AIK, rimasto appiedata da alcune settimane.

Crollo, infine, per il Göteborg, superato pesantemente in casa da un Hammarby che ha ritrovato Tanković, autore di una tripletta. La tanto agognata scossa, per i Blåvitt, che sarebbe dovuta arrivare dal licenziamento di Asbaghi, non è quindi arrivata. Non solo: la squadra è apparsa ancora in difficoltà (clamoroso l’errore del portiere Anestis sul primo gol dei Bajen, messo a segno da Johansson).

I padroni di casa possono anche recriminare per una rete annullata a Kouakou, al 44′, per un fuorigioco inesistente, quando il risultato era ancora fermo sullo 0-1. Tuttavia, è evidente che servirà correre ai ripari il più presto possibile, prima che la situazione si complichi ancora di più: le temperature della bassa classifica sono caldissime, a dispetto della stagione. E lo saranno ancora di più, nelle prossime settimane.

Allsvenskan 2020 19/a giornata – risultati

Mercoledì 9 settembre

Häcken-Djurgården  rinviata
Helsingborgs-Kalmar  1-1  (1-0)

Giovedì 10 settembre

Malmö-Örebro  3-1  (2-1) 
Norrköping-Östersunds  2-2  (1-0)
Göteborg-Hammarby  0-4  (0-1)
Sirius-AIK  rinviata
Elfsborg-Mjalby  rinviata al 17/9
Falkenbergs-Varbergs  rinviata al 17/9

CLASSIFICA PROVVISORIA ALLSVENSKAN 2020  – 19/a giornata – Elfsborg, Mjalby, Häcken, Djurgården, Sirius, AIK, Falkenbergs e Varbergs una partita in meno

Pos. Squadra Gol fatti/subiti Punti | Pos. Squadra Gol fatti/subiti Punti
1 Malmö 38/20 39 | 9 Mjalby 25/27 24
2 Häcken 31/17 33 | 10 Varbergs 27/26 23
3 Elfsborg 30/24 32 | 11 Örebro 23/28 23
4 Djurgården 28/20 30 | 12 AIK 16/25 17
5 Norrköping 40/30 29 | 13 Göteborg 21/32 17
6 Sirius 32/29 28 | 14 Helsingborg 19/31 17
7 Hammarby 28/26 28 | 15 Kalmar 22/33 15
8 Östersunds 19/21 25 | 16 Falkenbergs 20/30 13

Legenda: qualificata ai preliminari di CL, qualificate ai preliminari di EL, allo spareggio per non retrocedere con la terza classificata in Superettan, retrocesse in Superettan

Condividi
Da bambino si innamorò del calcio vedendo giocare a San Siro Rivera e Prati. Milanese per nascita e necessità, sogna di vivere in Svezia, e nel frattempo sopporta una figlia tifosa del Bayern Monaco.