Allsvenskan 6/a – Volano Norrköping ed Elfsborg, Örebro sotto inchiesta per motivi sanitari

Prosegue l’Allsvenskan, ancora senza pubblico, nonostante nella vicina Danimarca si sia parzialmente aperto. Le autorità secondo quando detto nelle scorse settimane, non vogliono togliere il divieto di assembramenti almeno sino alla fine di agosto.

Tra l’altro, in quel periodo, nel Paese scandinavo saremo già in pieno autunno, dal punto di vista meteorologico: bisognerà quindi vedere come si comporterà il virus. Difficile, se non impossibile, fare previsioni in questo senso.

Premesso questo, ieri mattina, come abbiamo scritto via Twitter, diversi media svedesi hanno fatto passare la notizia secondo la quale diversi giocatori dell’Örebro, domenica, abbiano giocato nonostante avessero manifestato dei malesseri fisici, con conati di vomito. A tale proposito, la SEF ha annunciato che aprirà un’inchiesta. A notizia, la sfida in trasferta con il Sirius si è conclusa con la vittoria 2-1 (in rimonta) dei nerazzurri, che balzano così al secondo posto solitario in classifica.

Il pallone, infatti, anche nel silenzio degli stadi vuoti continua a rotolare, e ad emettere le proprie sentenze. Quelle di questa giornata (il torneo si ferma per lasciare il posto alle semifinali della Svenska Cupen: si tornerà a giocare nel fine settimana) confermano le difficoltà delle tre squadre di Stoccolma e del Malmö, date per favorite ai nastri di partenza, nonché il buon momento di Norrköping ed Elfsborg, entrambe vittoriose.

Intendiamoci: manca ancora molto tempo alla fine del campionato e, soprattutto, c’è ancora la finestra di mercato estiva, che potrebbe stravolgere gli organici di tante squadre, soprattutto considerando le necessità economiche, data l’impossibilità di fare incassi. Però, è un dato di fatto che le difficoltà delle grandi corazzate svedesi sono lì da vedere, e fanno da contraltare all’ottimo stato di salute di squadre scattate in seconda fila come, appunto, le citate Elfsborg e Norrköping.

Del tutto inattesa la partenza del Sirius che, però, qualche cosa buona, anche nelle stagioni passate, l’ha sempre fatta vedere, soprattutto a inizio torneo. In ogni caso, si nota soprattutto tanto equilibrio, mancato nelle ultime edizioni: e questo è sicuramente positivo. Anche l’Häcken sta viaggiando bene: l’undici di Alm, ancora imbattuto, ha fatto bottino pieno contro un Hammarby che non riesce a trovare la propria dimensione.

Bajen hanno infatti incassato 3 reti, facendo emergere pecche difensive non indifferenti che, quest’anno, non sono compensate dalla terrificante potenza offensiva della scorsa stagione (quando i biancoverdi andarono in rete in 75 occasioni).

La compagine di Stoccolma sembra avere problemi atletici, che si ripercuotono sul gioco: quando viene commesso un errore, nessuno è in grado di rimediare. Due le reti subite ieri su seconda palla, e una in contropiede. Per Billborn, molto lavoro da fare anche se, in conferenza stampa, ha dichiarato di avere visto anche “Cose buone.” Vedremo, a questo punto, se sarà in grado di ripartire da lì.

Dicevamo dell’Elfsborg, la cui prestazione, contro il Malmö, abbiamo commentato in diretta televisiva per Sportitalia. Gli Eleganterna, già vicinissimi al colpaccio sul campo del Norrköping, si sono portati a casa lo scalpo degli Himmelsblått  (tra le cui fila ha esordito Toivonen) con una prestazione bella, concreta, ordinata e di grande effetto, soprattutto sul piano atletico.

Presto per dire se siano definitivamente tornati ai vertici del calcio svedese, dopo due stagioni più che anonime. Tuttavia, se manterranno questa regolarità potranno essere un ostacolo difficile per tutti, soprattutto in casa. Non va dimenticato che giocano su campo sintetico che, come sappiamo, è sempre un problema per chi è abituato alla superficie naturale.

I posticipi hanno confermato il buon momento del Norrköping il quale, stavolta, ha prevalso sul Göteborg. Punti pesanti, quelli ottenuti dai Peking i quali, sinora, hanno incontrato anche compagini date come favorite per la vittoria finale. Certo, vale per loro il discorso fatto prima per l’Elfsborg: tuttavia, è anche vero che questa è una squadra con molti elementi presenti lo scorso anno, quando era stata costruita per vincere.

Chi invece non sa più farlo è il Djurgården. I campioni in carica, trovatisi in vantaggio di due reti sopo soli 23′, in casa, contro un sempre più derelitto Helsingborg, si sono fatti rimontare dai rossoblù i quali, quest’anno, non avevano ancora segnato neppure un gol. La classifica piange: servirà una svolta, molto decisa. Vediamo cosa sarà capace di fare Bosse Andersson.

Infine, continuano a far bene le due neopromosse Mjalby e Varbergs, entrambe vittoriose, seppur di misura, rispettivamente contro Östersunds (in trasferta) e Kalmar (in casa). Un’altra dimostrazione, se mai ce ne fosse stato bisogno, dell’equilibrio di questo torneo, almeno in questa fase. Le due matricole, infatti, si trovano a 10 punti, appaiate a Elfsborg e Häcken, coi neroverdi terzi per effetto della differenza reti.

Niente turno infrasettimanale a questo giro: l’Allsvenskan, infatti, si ferma, per lasciare il posto, mercoledì 9/7 alle 18.00, alle semifinali della Svenska Cupen. In campo, a Borås, i padroni di casa dell’Elfsborg contro il Göteborg mentre, nell’altra sfida, il sorprendente Mjalby se la vedrà, sul proprio terreno, con il favorito Malmö. Attenzione, però, alle sorprese.

Allsvenskan 2020 6/a giornata – risultati

Domenica 5 luglio

Sirius-Örebro  2-1  (0-1)
Elfsborg-Malmö  1-0  (1-0)
Häcken-Hammarby  3-0  (1-0)
AIK-Falkenbergs  1-1  (0-0)

Lunedì 6 luglio

Djurgården-Helsingborg  2-2  (1-0)
Norrköping-Göteborg  3-1  (0-0) 
Östersunds-Mjalby  0-1  (0-0)
Varbergs-Kalmar  1-0  (0-0)

CLASSIFICA PROVVISORIA ALLSVENSKAN 2020  – 6/a giornata 

Pos. Squadra Gol fatti/subiti Punti | Pos. Squadra Gol fatti/subiti Punti
1 Norrköping 17/6 16 | 9 Göteborg 8/9 8
2 Sirius 10/8 11 | 10 Djurgården 10/8 7
3 Varbergs 10/6 10 | 11 Hammarby 6/9 7
4 Häcken 8/4 10 | 12 Kalmar 8/10 6
5 Elfsborg 6/4 10 | 13 Örebro 4/6 6
6 Mjalby 6/6 10 | 14 Falkenbergs 5/9 5
7 Malmö 8/6 9 | 15 Östersunds 4/10 4
8 AIK 8/8 8 | 16 Helsingborg 2/11 2

Legenda: qualificata ai preliminari di CL, qualificate ai preliminari di EL, allo spareggio per non retrocedere con la terza classificata in Superettan, retrocesse in Superettan

Condividi
Da bambino si innamorò del calcio vedendo giocare a San Siro Rivera e Prati. Milanese per nascita e necessità, sogna di vivere in Svezia, e nel frattempo sopporta una figlia tifosa del Bayern Monaco.