Fantacalcio Serie A 2019/20: alla scoperta di… Karlo Letica

Nome: Karlo Letica
Nazionalità: Croazia
Età: 22
Altezza: 201 cm
Nazionale: no
Piede: destro
Ruolo principale: portiere
Eventuali altri ruoli:
Valutazione calciomercato: 1.8 milioni
Perché acquistarlo: giovane di prospettiva / pararigori
Perché non acquistarlo: vice Berisha
La nostra fanta-valutazione (da 1 a 5): *

LA GUIDA COMPLETA CON I CONSIGLI PER L’ASTA

LE CARATTERISTICHE – Con i suoi 201 centimetri, Karlo Letica è il giocatore più alto della Serie A. Ceduto Gomis al Dijon, la SPAL ha consegnato subito a mister Semplici un portiere di prospettiva che, teoricamente, avrà il ruolo di riserva del titolare Berisha. L’altezza gli consente di svettare sulle palle alte, ma possiede anche una certa reattività fra i pali. In patria, ha dimostrato ottime doti nel parare i rigori e persino nel segnare, visto che un anno e mezzo fa con un colpo di testa in mischia ha deciso la gara tra Hajduk e Istra.

LA CARRIERA – Prima di indossare i guantoni, Letica faceva il difensore centrale. Poi la svolta, ai tempi dell’Omis prima e nelle giovanili dell’Hajduk Spalato poi. I prestiti in giro per la Croazia (Mosor Žrnovnica, Val e soprattutto Rudeš) furono importanti per la sua formazione da estremo difensore tanto che nella stagione 2017/18, tornato a Spalato, comincia da docidesimo e la finisce da titolare. L’anno successivo i belgi del Bruges investono 3 milioni per il suo cartellino. Fra i pre-convocati per Russia 2018, viene tagliato poco prima della competizione, ma le porte della Nazionale croata sono là alla portata, soprattutto se confermerà le proprie qualità anche con la maglia della SPAL.

LO PRENDIAMO AL FANTACALCIO? Arriva per fare il secondo portiere, quindi no. Solitamente si acquistano le riserve dei portieri titolari delle grandi squadre e al massimo un estremo difensore delle “piccole” per completare il reparto. Al momento un suo acquisto sarebbe comprensibile solo in leghe numerose (dalle 12 squadre in su) e in accoppiata con Berisha.

Condividi
Sardo di origini sicule, ama il calcio dalle “notti magiche” di Italia ’90. È laureato in Lingue con una tesi sulla lingua del calcio. Pubblicista, ha collaborato col periodico Vulcano e la tv sarda Videolina.